Raccomandato, 2020

Scelta Del Redattore

Definizione zen

Cos'è lo Zen:

Lo Zen è un nome giapponese della tradizione Chan originato in Cina e che trae le sue origini dal buddismo. La pratica dello Zen è un tipo di meditazione contemplativa che mira a portare chi pratica un'esperienza diretta della realtà.

Il termine zen è anche ampiamente usato da persone che cercano di condurre una vita tranquilla, non necessariamente chi è abile nel buddismo, ma che cercano di evitare problemi e di mantenere le loro menti a proprio agio. Lo Zen era una volta un termine "per il momento", veniva usato molto quando qualcuno era nervoso, così altri dicevano che la persona doveva rimanere zen.

Zen nella scuola giapponese

Lo Zen nella scuola giapponese è diviso in due scuole. La scuola Soto che enfatizza la meditazione silenziosa e la scuola Rinzai che utilizza puzzle o sciarade. Lo Zen è una delle scuole buddiste più conosciute in Occidente. Le radici della scuola Zen provengono dal Buddhismo indiano, che si riferisce allo stato di concentrazione, alla pratica meditativa.

São Paulo ha una scuola Soto, situata nel quartiere di Liberdade, dove c'è la più grande colonia giapponese del Brasile e la più grande popolazione di giapponesi al di fuori del Giappone.

buddismo

Lo Zen è un ramo della tradizione buddista, ed è fondamentalmente basato sugli insegnamenti del Buddha, ma attraverso la sua storia lo Zen è stato anche influenzato dalle diverse culture dei paesi che ha attraversato. Il buddismo è una religione dedicata a condizionare la mente in modo da portarla alla pace, alla serenità, alla gioia, alla saggezza e alla libertà.

La tradizione Zen ha molte leggende che vengono raccontate di generazione in generazione e fanno parte del folklore cinese e giapponese. Il buddismo zen ha origine nel Sermone dei fiori, quando Buddha si unì ai suoi discepoli a un discorso, e afferrando un fiore cercarono di interpretarne il significato, ma non riuscirono a comprendere correttamente cosa significasse "saggezza".

Categorie Popolari

Top