Raccomandato, 2020

Scelta Del Redattore

CEO

Definizione s Principi di proporzionalità e ragionevolezza

Quali sono i principi di proporzionalità e ragionevolezza:

I principi di proporzionalità e ragionevolezza sono dei precetti che guidano l'applicazione del sistema legale in modo che esso soddisfi la situazione concreta in modo appropriato e proporzionale.

I principi di proporzionalità e ragionevolezza assicurano coerenza tra l'applicazione e lo scopo della legge, garantendo il suo corretto utilizzo. Per questo motivo, i principi sono anche chiamati il divieto dell'eccesso di principio .

I principi di proporzionalità e ragionevolezza sono considerati principi generali di diritto e pertanto si applicano a tutti i settori. Tuttavia, poiché hanno un'applicazione più ricorrente nella pubblica amministrazione, sono più studiati nel diritto amministrativo.

Per quanto riguarda la pubblica amministrazione, i principi di proporzionalità e ragionevolezza sono impliciti nella Costituzione federale e espressamente previsti dall'articolo 2 della legge n. 9.784 / 99, che regola il processo amministrativo a livello federale:

La pubblica amministrazione obbedirà, tra gli altri, ai principi di legalità, scopo, motivazione, ragionevolezza, proporzionalità, moralità, ampia difesa, contraddittorio, sicurezza legale, interesse pubblico ed efficienza.

Con la pubblica amministrazione, i tre rami del governo (esecutivo, legislativo e giudiziario) devono essere compresi in tutte le sfere federali, nonché in enti di amministrazione pubblica indiretta (comuni, fondazioni, società pubbliche e società a capitale misto). In breve, qualsiasi entità impegnata in attività statali deve agire sui principi di proporzionalità e ragionevolezza.

C'è una differenza tra i principi di proporzionalità e ragionevolezza?

Non c'è consenso in dottrina e giurisprudenza sulle differenze tra i principi di proporzionalità e ragionevolezza.

Gran parte della dottrina e della giurisprudenza tratta i principi come sinonimi, poiché i due termini trasmettono la stessa idea di adeguatezza. Questa visione congiunta dei principi non pregiudica la comprensione o l'applicazione degli istituti.

Ci sono autori che disegnano differenze tecniche tra i principi di proporzionalità e ragionevolezza. Questo aspetto è anche adottato dalla giurisprudenza. Secondo lei, mentre la proporzionalità consiste nella graduazione della misura (divieto di eccesso), la ragionevolezza tiene conto delle analisi di:

Adeguatezza : compatibilità tra la misura adottata e il caso specifico.

Bisogno : esecutività della misura alla luce della situazione.

La differenza più evidente tra i principi di proporzionalità e ragionevolezza è l'origine. Mentre la proporzionalità ha avuto origine nella legge tedesca, la ragionevolezza è emersa nella legge anglosassone.

Esempi di applicazione dei principi di proporzionalità e ragionevolezza

Poiché sono principi generali, la proporzionalità e la ragionevolezza possono essere applicate in tutti i rami del diritto. Alcuni esempi sono:

Diritto amministrativo : un ufficiale di sorveglianza sanitaria controlla un supermercato e trova due pacchetti di riso un giorno non aggiornato. Tra le sanzioni applicabili al caso, l'agente applica il più grave e vieta lo stabilimento per 30 giorni. In questo caso, il proprietario del supermercato può ricorrere contro la decisione facendo affidamento sui principi di ragionevolezza e proporzionalità.

Diritto penale : nel diritto penale, considerando che il giudice deve seguire le regole della dosimetria della pena, i principi di ragionevolezza e proporzionalità sono più focalizzati sul legislatore, che al momento di definire la sentenza, dovrebbe rimanere coerente con il bene legale protetto. Quindi, un crimine leggero contro la proprietà non dovrebbe avere la pena più grande di un crimine contro la vita.

Diritto del lavoro : nel diritto del lavoro, i principi di proporzionalità e ragionevolezza si manifestano, ad esempio, in caso di licenziamento per giusta causa. Il sistema legale prevede che, per l'applicazione di una sanzione così grave, sia necessaria una condotta grave. Pertanto, deve esserci una proporzionalità tra la condotta del dipendente e la decisione del datore di lavoro.

Categorie Popolari

Top