Raccomandato, 2020

Scelta Del Redattore

SSP

Definizione Abbreviazioni in quotazioni secondo gli standard ABNT

Quando si parla di CBT, una delle materie che più richiede l'attenzione degli studenti è certamente la citazione.

Tra gli standard ABNT per il lavoro accademico, lo standard 10520/2002 è uno dei più estesi. È possibile trovare i diversi tipi di citazioni che possono essere utilizzate nel lavoro, le sue formazioni e anche alcune abbreviazioni che, oltre a spiegare la natura della citazione, aiutano a mantenere la leggibilità del testo.

Per questo motivo, abbiamo qui le abbreviazioni più utilizzate nelle citazioni nei documenti accademici, così come la spiegazione di come usarle:

apud

L'espressione apud significa "citato da" ed è anche chiamato quotazione per mezzo di. Viene usato quando la citazione consiste in una menzione dell'altro fonte. Nell'esempio seguente, l'autore dell'opera ha citato Ribas, la cui storia è stata scritta da Lima.

esempio:

  • Secondo Ribas (apud LIMA, 1987, 215), "la pubblica amministrazione non dovrebbe essere privata dell'attribuzione di impedire con la pena quegli atti che, ... ostacolano il regolare sviluppo dell'azione amministrativa".

passim

Significa "qui e là". Viene utilizzato quando le informazioni citate provengono da diverse pagine dello stesso documento. Considerando che l'espressione evita la menzione di molti numeri, il suo uso aiuta a mantenere la leggibilità del testo.

esempio:

  • RIBEIRO, 1997, passim.

Et al.

Significa "e altri". Viene usato quando la fonte menzionata ha molti autori e la menzione di tutti comprometterebbe la leggibilità del testo.

esempio:

  • DIDIER et al., 2017.

Et seq. o sequentia

I termini significano, rispettivamente, "seguire" e "seguire". Sono usati quando non vuoi menzionare tutte le pagine della citazione inserita. Ha un effetto simile all'espressione passim, contribuendo alla leggibilità del testo.

esempio:

  • Secondo Morim (2000, p.56 e seguenti), è nel linguaggio che il discorso ...

Loc. Cit.

Da latino pazzo citato, che significa "nel posto citato". L'espressione viene utilizzata per indicare che la citazione è stata presa da una pagina che è già stata menzionata in precedenza. Nell'esempio seguente, la seconda nota in calce dice di ripetere una citazione diversa dalla prima, ma che si trova sulla stessa pagina.

esempio:

  • ¹ TOMASELLI.1992, p. 33-46.
  • ² TOMASELLI, loc. cit.

Lo stesso o id.

Significa "dallo stesso autore". Quando viene citata più di una opera dello stesso autore, l'espressione idem o id. impedisce la ripetizione inutile del nome dello stesso.

esempio:

  • ¹LENZA. 2015, p. 302
  • ²Id. 2017, p. 48

Ibid. O ibid.

Significa "nello stesso lavoro". Come l'espressione precedente, evita la ripetizione non necessaria del titolo dell'opera quando viene menzionata più di una volta.

esempio:

  • CARLOS, Matheus. Manuale di diritto amministrativo, p.37
  • "CARVALHO, Matheus. Ibid., P.205

Opus citatum o op. cit.

Significa "lavoro quotato". L'espressione sostituisce anche il nome dell'opera, ma viene utilizzata nei casi in cui è stata citata una seconda opera dopo la prima (da menzionare di nuovo).

esempio:

  • ¹ CARVALHO, Matheus. Manuale di diritto amministrativo, p.37
  • ² LENZA. 2015, p. 81
  • ³ CARVALHO, Matheus. op.cit., p.58

Cf.

Significa "check it out". È usato per dare suggerimenti per letture sull'argomento affrontato al lavoro. In questo modo, l'abbreviazione non implica necessariamente una citazione.

esempio:

  • ² Cfr. CALDEIRA, 1992.

Vale la pena ricordare che lo standard ABNT 10520/2002 è chiaro affermando che le espressioni idem o id., ibid o ibid., opus citatum o op.cit e cfr. può essere utilizzato solo sulla stessa pagina di quello a cui si riferiscono.

Categorie Popolari

Top