Raccomandato, 2019

Scelta Del Redattore

Definizione Significato della Grecia antica

Cos'è l'antica Grecia:

È il periodo che va dal ventesimo secolo aC al secondo secolo aC, quando la regione dell'antica Grecia fu conquistata da Roma.

La posizione dell'antica Grecia

Situata nell'Europa meridionale, in un territorio con terreno fertile e prevalentemente montuoso, l'antica Grecia si trovava nella penisola balcanica, estendendosi alle isole del Mar Egeo (Grecia insulare) e della costa dell'Asia Minore (Grecia asiatica) .

A partire dall'VIII secolo aC, i Greci espansero ulteriormente questo territorio, fondando colonie nel Mediterraneo e nell'Italia meridionale.

Demistificare ciò che molti immaginano, il territorio dell'Antica Grecia non era un paese, perché non aveva confini. Si consideravano un mondo greco perché godevano degli stessi costumi, parlavano la stessa lingua e si organizzavano politicamente e socialmente in modi simili.

Mappa del territorio greco antico.

La religione dell'antica Grecia: mitologia greca

L'antica Grecia era politeista, cioè la società greca idealizzava i propri dei che possedevano attributi umani fisici e comportamentali.

Ogni polis (città) aveva il suo dio protettore e il Monte Olimpo era considerato dai Greci come la casa di tutti i suoi dei. Quindi, il sito ha avuto un ruolo in molte storie mitologiche greche, servendo anche come tribunale, dove le divinità hanno deciso il corso della vita mortale.

C'era una grande vicinanza intellettuale e fisica tra gli dei e la società della Grecia antica, quindi le storie venivano tramandate di generazione in generazione e avevano una grande influenza sulle trasformazioni e decisioni sociali. Sono stati usati, ad esempio, per giustificare guerre, morti e persino la nascita di eroi greci.

Tra gli dei più famosi ci sono: Zeus, considerato il più grande dio della gerarchia mitologica greca, Afrodite, la dea dell'amore, della bellezza e del sesso, e Atena, protettrice della città di Atene e la dea della saggezza.

Monte Olimpo - rappresentazione di Zeus nell'antica Grecia

Scopri di più sul significato della mitologia greca e del politeismo.

Società e politica

Quando la Grecia si è divisa in città-stato alla fine del periodo omerico, ciascuna aveva una propria organizzazione sociale e politica. Un esempio di questo era i pali di Sparta e Atene.

Mentre Sparta viveva in una diarchia, cioè aveva due re che detenevano il potere di tutta la città, Atene visse per molti secoli la democrazia diretta, con assemblee in cui gli Ateniesi consideravano i cittadini votati e discussero le leggi.

Anche la schiavitù e la divisione della società in diverse classi sociali rappresentarono una pietra miliare nell'antica Grecia. Atene, ad esempio, ha ammesso la schiavitù quando qualcuno era in debito con il governo. Sparta già ha lasciato i suoi schiavi nel potere dei re.

La società greca ha subito importanti trasformazioni nel corso della sua storia. Durante le loro prime colonie, c'era un sentimento e un comportamento collettivista tra i popoli, che dividevano anche cibo, vestiti e abitazioni.

Con la popolazione e l'aumento demografico, il cibo ha attraversato grandi periodi di scarsità e la divisione è diventata diseguale. Questo atteggiamento ha dato origine alla nozione di proprietà privata e classe sociale, che ha generato importanti cambiamenti nel commercio, influenzando il comportamento sociale e la gerarchia.

Scopri di più sul significato di città-stato, democrazia diretta, proprietà privata e classe sociale.

economia

L'economia greca era basata sull'agricoltura, con piantagioni di cereali (grano e orzo), ulivi, fichi e vigneti, oltre a bovini, ovini e caprini e il loro forte artigianato.

Ma a causa del suo terreno fertile e della sua vicinanza al mare, l'attività più importante era la pesca e il commercio marittimo, che venivano promossi negli scambi con la valuta denominata Drachma .

Dracma - valuta utilizzata negli scambi nell'antica Grecia

La cultura

La cultura greca è uno dei suoi aspetti più importanti a causa del grande sviluppo e contributo nelle arti plastiche, filosofia, sport, teatro, democrazia e mitologia.

La filosofia, per esempio, mette in evidenza i progressi nelle domande e nei pensieri sull'esistenza umana, costruiti da filosofi come Socrate e Platone .

Già nello sport, la creazione dei Giochi Olimpici fu uno dei principali punti di riferimento greci. Hanno offerto concorsi agli dei e hanno rallegrato i vincitori come grandi eroi.

A sua volta, il teatro rappresentava le tragedie, le commedie e le leggende della mitologia greca per il popolo. Le loro canzoni illuminarono le feste della nobiltà e furono suonate con strumenti come il flauto e l'arpa.

Arena greca: sede di festival, teatro e discussioni filosofiche

L'origine della Grecia antica

La formazione della Grecia antica dipendeva dalla fusione di almeno quattro popoli che vivevano nel suo territorio nel corso della storia. Sono stati chiamati come Helenos e chiamato la regione che visse da Hellas, e non la Grecia, che era il nome dato dai Romani secoli dopo.

Nel corso degli anni, la formazione delle montagne fu fondamentale per il suo isolamento interno e la formazione di città-stato indipendenti, dividendo gli Helenos in gruppi distinti.

L'intera storia della costruzione della Grecia antica, fino al suo declino, si basa su 5 periodi principali: pre-omerico, omerico, antico, classico ed ellenistico. Ogni periodo era responsabile delle principali trasformazioni sociali, politiche ed economiche che erano decisive per la formazione, la divisione e lo sviluppo del territorio greco.

Riassunto della storia della Grecia antica in periodi

Periodo pre-omerico - XX secolo - XII aC

Il periodo pre-omerico, noto anche come il periodo di formazione della Grecia, iniziò nel sud del Mar d'Argeu, sull'isola conosciuta come Creta, che aveva la capitale di Cnosso .

L' isola di Creta, meglio conosciuta dalla leggenda del Minotauro e la sua supremazia nella regione, formò un governo che dominava il Mediterraneo, consolidando un forte commercio marittimo di grandi proporzioni con le regioni limitrofe.

Nel XV secolo aC, gli Archaeans indo-europei, noti anche come micenei, furono i primi ad arrivare nel territorio della Grecia antica, provenienti da Micene: una delle città più importanti con forti aspetti culturali, economici e sociali.

Si sono concentrati sulla penisola del Peloponneso e hanno conquistato l'isola di Creta. Così, hanno fondato un forte interscambio tra l'isola e la Grecia, formando una società denominata Creto-Micénica .

Dopo l'Arqueus, anche altri popoli arrivarono in Grecia, come:

  • eolico
  • Ioniani, che in seguito fondò la città di Atene
  • Doria, che in seguito ha fondato la città di Sparta

I Doria erano noti per la violenza e la detenzione di armi forti fatte di ferro. Pertanto, quando arrivarono nel territorio greco, provocarono una grande dispersione degli altri popoli all'interno delle isole del Mar Egeo e della costa dell'Asia Minore, generando uno degli eventi più importanti del tempo, denominato: Prima Diaspora .

Mappa della Grecia antica nel periodo pre-omerico

Scopri di più su The Legend of the Minotaur e il concetto di Diaspora.

Periodo omerico - XII secolo - VIII a

Dopo la prima diaspora, la civiltà creto-micenea fu decostruita e la Grecia subì una grande retrogressione culturale e una ristrutturazione nella sua organizzazione sociale ed economica.

Il periodo omerico è conosciuto dall'organizzazione sociale dei gentili, che era basata sul genere: individui con legami consanguinei guidati dal pater, un patriarca che deteneva poteri politici, religiosi e militari.

Ogni pater ei suoi parenti più stretti erano i proprietari delle terre migliori e più grandi. Quindi, la società cominciò a essere divisa come segue:

  • Eupátridas : proprietari di grandi terre
  • Georgios : piccoli agricoltori
  • Theta : quelli che non possedevano nulla

Come conseguenza della disuguaglianza e della ristrutturazione sociale, la produzione agricola non ha tenuto il passo con la crescita della popolazione, con conseguente penuria di cibo e l'emergere del concetto di proprietà privata e classe sociale.

Durante questa tensione, la società gentile ha sofferto con la sua disintegrazione. Fu allora che il genoma si riunì e formò gruppi più grandi denominati fátrias, nel tentativo di monopolizzare il potere politico e di costituire un'aristocrazia di terra base.

Anche dopo questa unione, le fabbriche non riuscirono a raggiungere il potere atteso e si unirono ancora una volta formando un gruppo ancora più ampio chiamato tribù. Fu da questa unione che emerse la polis, meglio conosciuta come Cities-State .

Con il degrado della società dei gentili, molti greci si sono trasferiti in aree estese lungo il Mediterraneo, alla ricerca di migliori opportunità di vita e di terre fertili. Un evento importante noto come la seconda diaspora, che ha formato grandi colonie nelle aree del Mediterraneo, Asia Minore e Nord Africa.

Mappa della Grecia antica nel periodo omerico

Periodo arcaico - VIII secolo - VI aC

Con la fine della società gentile e l'emergere delle città-stato, il periodo arcaico ha svolto un ruolo chiave nello sviluppo dell'alfabeto fonetico, il progresso economico con la divisione del lavoro nel commercio e il processo di urbanizzazione.

In quella fase la Grecia aveva più di cento città-stato indipendenti, che seguivano i loro regimi politici. E tra le città più eminenti c'erano: Atene e Sparta.

Atene

Atene, nota come la culla della democrazia istituita da Cleistene, fu fondata dagli Ionio e situata nella penisola attica. La sua società consisteva fondamentalmente di navigatori, mercanti, poeti, filosofi e artisti.

L'educazione ad Atene era diretta alla completa formazione dell'uomo, cioè si sviluppò il suo senso intellettuale, fisico, artistico e critico.

Sparta

Sparta, fondata dai Dori e situata all'interno della penisola del Peloponneso, era conosciuta per essere una città prevalentemente militarista, aristocratica e conservatrice, con terre e schiavi nel potere statale.

La sua educazione era destinata a formare soldati cittadini con perfezione fisica, abitudini di obbedienza alla legge creata e coraggio, basate su un ideale laconico.

Mappa di localizzazione delle città-stato: Atene e Sparta

La fine del periodo arcaico

Con grandi progressi politici, sociali e culturali, la fine del periodo arcaico fu contrassegnata dalla colonizzazione arcaica .

Come risultato della crescita della popolazione, furono organizzate grandi spedizioni marittime che portarono alcuni greci a colonizzare le terre di tutto il mondo.

Queste spedizioni arrivarono in varie parti dell'Occidente, come tutta l'Italia meridionale, oltre la Francia e l'Egitto. Nuove città-stato furono istituite in questi territori, essendo Napoli ( nuova polis in greco), in Italia, una delle più conosciute.

Mappa della Grecia nel periodo antico

Periodo classico - VI secolo - IV secolo aC

Conosciuta come l'età dell'oro della Grecia antica, questo periodo fu segnato non solo dall'ascesa del teatro, della musica e della filosofia, ma anche da guerre e battaglie decisive, come le guerre di Meto (o guerre greco-persiane).

Atene era la principale polis e riceveva tasse da altre città, usando per il proprio beneficio. Ma anche dopo la battaglia delle Termopili, sconfitta dai Persiani, Atene continuò a resistere. Di conseguenza, altre città furono indignate, unendosi allo Sparta, creando così la Lega del Peloponneso.

È proprio in questo momento che Sparta e Atene, sostenute da altre città, si combattono a vicenda.

Approfittando delle crisi esistenti nelle due principali città-stato greche, Tebe, alleata della Sparta polis, ribelle ed espelle i soldati spartani, imponendo la loro egemonia nelle città greche.

Sparta fu sconfitto nel 371 aC. Dall'esercito tebista nella battaglia di Leuctras. Questa vittoria fu dovuta all'organizzazione delle falangi, i generali Pelopida e Epaminonda, e ad una ribellione di schiavi a Sparta, costringendo gran parte dei soldati a sospendere la loro campagna in difesa della città. Così, iniziò la predominanza di Tebe sulla Grecia.

Vedi di più sul significato dell'Egemonia.

Mappa della Grecia antica nel periodo classico

Periodo ellenistico - IV secolo - II secolo aC

Con la grande egemonia di Tebe, tutte le città-stato greche si indebolirono. Guidato dal re Filippo II (Filippo di Macedonia), il popolo macedone, che si stabilì nel nord della Grecia, conquistò tutta la Grecia nella battaglia di Kerosene.

Dopo la morte del re Filippo II, suo figlio Alessandro Magno, chiamato anche Alessandro Magno, succedette al trono del padre, consolidando tutta la Grecia e mandando il suo impero in Oriente.

La Fenicia, l'Egitto, la Palestina e l'India furono i luoghi conquistati da Alessandro Magno, il personaggio storico che fondò uno dei più vasti imperi dell'umanità

Dopo la sua conquista in Oriente, vi fu la fusione della cultura greca con quella di altri popoli dominati, principalmente egiziani, mesopotamici e persiani, dando origine alla cultura ellenistica .

L'influenza della Grecia antica nei giorni nostri

Il patrimonio culturale della Grecia si estende attraverso l'Occidente fino ai giorni nostri. Sperimentiamo quotidianamente numerose scoperte greche, tra cui:

  • Giochi olimpici : l'incontro di diverse nazioni nel periodo di 4 in 4 anni, con gare in vari giochi sportivi;
  • Arti plastiche : la pittura e le sculture greche sono classificate oggi come classiche e armoniche, influenzando i grandi artisti;
  • Filosofia : nell'insegnamento delle scienze umane, autori e filosofi come Socrate e Platone sono citati come riferimenti importanti;
  • Matematica : grandi matematici come Pitagora e Tales of Miletus hanno le loro scoperte utilizzate nell'insegnamento delle scienze esatte;
  • Democrazia : istituita ad Atene, la democrazia è praticata in diversi paesi, come il Brasile.
  • Teatro : creato per rappresentare le emozioni e rallegrare le persone, il teatro ha acquisito ancora più forza negli ultimi secoli, influenzando diverse persone, diventando un grande mezzo di intrattenimento nella società occidentale.

Categorie Popolari

Top