Raccomandato, 2019

Scelta Del Redattore

Definizione surrealismo

Cos'è il Surrealismo:

Il Surrealismo era un movimento artistico e letterario di origine francese, caratterizzato dall'espressione del pensiero in modo spontaneo e automatico, governato solo dagli impulsi del subconscio, trascurando la logica e negando gli standard morali e sociali stabiliti.

L'origine del termine "surrealismo" avvenne nel 1917, attraverso G. Apollinaire, essendo una parola con il significato di "ciò che è al di sopra del realismo". Tuttavia, come movimento artistico e letterario, è apparso solo in Francia negli anni '20.

Il surrealismo era destinato ad andare oltre i limiti dell'immaginazione creata dal pensiero borghese e dalla sua tradizione logica e dalle idee artistiche in vigore dal Rinascimento.

Il movimento surrealista evolve nonostante sia a rischio di essere sterminato, perché le manifestazioni contrarie si sono basate sull'anarchismo. Molti pensatori del movimento hanno scambiato accuse affermando di non seguire gli scopi del surrealismo. Nonostante questo clima di tensione, il surrealismo ha prosperato e influenzato il pensiero umano, perché ha creato una nuova concezione del mondo e dell'essere umano, ma anche un cambiamento rilevante nel processo artistico.

Alcuni studiosi affermano che il surrealismo era in procinto di gestazione fino al 1924, quando apparve il Manifesto del Surréalisme (Manifesto del Surrealismo), di Breton. In sostituzione del sistema di valori che intendevano abolire, i dadaisti ei primi surrealisti ricorsero alle teorie psicoanalitiche della recente diffusione per formulare un nuovo pensiero poetico.

Con l'inizio della seconda guerra mondiale, i surrealisti si diffusero e poco dopo il movimento fu sciolto in Europa perché c'erano divergenze di opinioni tra membri e diverse posizioni politiche.

Scopri le caratteristiche principali del Surrealismo.

Surrealismo nella letteratura

I surrealisti hanno difeso una prospettiva particolare per interpretare il mondo della natura e le azioni umane. Questa visione spiegava anche la funzione della poesia e dell'arte, in un modo totalmente libero dal predominio della ragione.

Le opere letterarie Les Chants de Maldoror (I Cantos de Maldoror) del Conte de Lautréamont e il poema Le Bateau Ivre (The Boat Drunken) di Rimbaud sono indicati da alcuni specialisti come le opere principali che precedono il surrealismo, perché sfruttano con intenzionalità il sogno e l'inconscio.

I creatori del surrealismo furono L. Aragon, Ph. Soupault, P. Éluard, B. Péret e, soprattutto, André Breton, dopo la fine del gruppo dadaista, guidato da T. Tzara. Questo gruppo aveva come missione quella di abolire le tradizionali regole estetiche ed etiche, perché credevano che queste avessero contribuito all'inizio della prima guerra mondiale.

Surrealismo nell'arte

Nel campo dell'arte, il pittore catalano Salvador Dalí è uno dei nomi più noti del Surrealismo. Nella prima fase del movimento, le nozioni di dadaismo venivano seguite come pre-giudizi, che creava oggetti fuori dal contesto o oggetti surreali.

Molti artisti usavano i tradizionali mezzi tecnici di pittura e rappresentavano miti, favole e sogni, che seguivano le norme surrealiste create nel 1924 da Breton. Alcune di queste norme erano l'esaltazione dei processi del sogno e dell'immaginazione, nonché dimostrazioni di passione erotica e umorismo corrosivo, che erano manifestazioni contrarie alla cultura tradizionale borghese e ai valori morali definiti nella società.

La Galerie Surrealiste ( Surrealiste Gallery) fu fondata da un gruppo nel 1926 e dal 1930 il surrealismo iniziò a diffondersi oltre la Francia. Alcune importanti mostre furono organizzate in Danimarca, Cecoslovacchia, Isole Canarie, Londra, New York e anche a Parigi (1938), dove furono svelate opere di artisti di 22 paesi. In questo periodo entrarono nel movimento nuovi membri, tra cui Salvador Dali e Giacometti.

Un'importante mostra internazionale di surrealismo fu organizzata a Parigi nel 1947, quando i membri più importanti si incontrarono di nuovo.

Surrealismo in Brasile

In Brasile, le nozioni surrealiste cominciarono ad emergere tra il 1920 e il 1930, attraverso elementi del Movimento modernista del Brasile.

Alcuni dei più noti artisti brasiliani surrealisti (o tendenze surrealiste) sono: Tarsila do Amaral, Maria Martins, Cícero Dias, Ismael Nery, ecc.

Vedi anche:

  • rinascita
  • sognare
  • Futurismo.

Categorie Popolari

Top