Raccomandato, 2020

Scelta Del Redattore

Definizione Esempi di formattazione da parte delle regole e dei regolamenti ABNT per i lavori accademici

L'Associazione brasiliana degli standard tecnici - ABNT, tra gli altri compiti, è responsabile della standardizzazione della formattazione dei documenti tecnici, al fine di facilitare la loro comprensione e l'accesso alle conoscenze scientifiche.

Questa standardizzazione avviene attraverso le norme ABNT che, insieme, affrontano tutti gli aspetti della formattazione di articoli accademici.

Consulta l'elenco delle principali regole di formattazione.

Pertanto, per illustrare meglio l'argomento, abbiamo raccolto alcuni esempi di documenti correttamente modificati in base a queste regole.

Copertina e copertina

Condividi Tweet Tweet

Come nell'esempio sopra, la copertina dovrebbe contenere: nome dell'istituto scolastico, nome dell'autore, titolo e sottotitolo dell'opera, numero del volume (se ce n'è più di uno), luogo e anno di consegna.

Oltre a questi elementi, il frontespizio dovrebbe contenere: la natura del lavoro, il suo scopo e i nomi degli esaminatori.

Foglio di approvazione

Condividi Tweet Tweet

Il foglio di approvazione, sebbene non comune nella maggior parte dei documenti accademici, è obbligatorio nelle monografie. Dovrebbe contenere: nome dello studente, titolo, sottotitolo, natura e scopo dell'opera, data di approvazione, nota (facoltativa) e firma dei valutatori.

sommari

Condividi Tweet Tweet

Oltre alle informazioni contenute nell'esempio, lo standard ABNT indica che l'estensione dell'abstract dovrebbe essere:

  • Da 150 a 500 parole di articoli accademici (tesi, tesi di laurea e altri) e relazioni tecnico-scientifiche
  • da 100 a 250 parole a quelle di articoli di riviste
  • da 50 a 100 parole per brevi indicazioni

L'abstract in una lingua straniera dovrebbe essere la traduzione accurata dell'abstract nella lingua selezionata e seguirà la stessa formattazione.

Sommario

Condividi Tweet Tweet

Il riepilogo dovrebbe mostrare in ordine gli argomenti e gli argomenti secondari che verranno affrontati nell'opera, specificando il numero di pagina di ciascuno. Questa impaginazione può essere:

  • dal numero di pagina in cui l'argomento inizia ad essere indirizzato (esempio: 14)
  • dalla gamma di pagine su cui si avvicina l'argomento, separando i numeri per trattino (esempio: 30-45)
  • dai numeri di pagina su cui è distribuito l'approccio all'argomento (esempio: 27, 35, 64 o 27-30, 35-38, 64-70)

Font, Margini e Spaziatura

Condividi Tweet Tweet

Lo standard ABNT suggerisce che il carattere dell'intero testo sia di dimensione 12, ad eccezione di note a piè di pagina, citazioni di più di tre righe, impaginazione e didascalie di immagini, che dovrebbero essere di dimensioni più piccole.

Le foglie dovrebbero adottare margine sinistro e superiore a 3 cm, e destro e inferiore a 2 cm .

L'interlinea dovrebbe essere 1.5, con le seguenti eccezioni:

  • citazioni di più di tre linee
  • Le note
  • riferimenti
  • didascalie di illustrazioni e tabelle
  • foglio catalitico
  • natura, scopo e nome dell'istituzione (presente sul frontespizio)

In tutti i casi sopra, la spaziatura dovrebbe essere semplice .

citazioni

Condividi Tweet Tweet

Esempi di citazioni presi direttamente dalla norma brasiliana n. 10520/2002.

Le citazioni devono contenere le informazioni necessarie per identificare la fonte consultata. Possono seguire la formattazione negli esempi sopra, considerando quanto segue:

  • se la citazione è composta da parentesi, come nell'esempio 01, l'identificazione del carattere sarà in lettere maiuscole e minuscole
  • se la citazione è fatta tra parentesi, come nell'esempio 02, l'identificazione della fonte sarà solo in lettere maiuscole
  • se la citazione ha più di 3 linee, come nell'esempio 03, deve obbedire a un rientro di 4 cm dal margine sinistro, essere distanziati singolarmente e la dimensione del carattere deve essere inferiore al resto del testo
  • Le citazioni all'interno di citazioni, come nell'Esempio 04, devono essere fatte all'interno di virgolette singole

Inoltre, le citazioni possono contenere:

  • delezioni, indicate da "[...]"
  • aggiunte o commenti, indicati tra parentesi "[]"
  • evidenzia ed evidenzia, indicato da grassetto, corsivo e corsivo

riferimenti

Condividi Tweet Tweet

Esempi di riferimenti presi direttamente dalla norma brasiliana n. 6023/2002.

I riferimenti dovrebbero contenere le informazioni essenziali per l'identificazione delle fonti e, ove possibile, ulteriori informazioni che facilitino tale riconoscimento.

I riferimenti saranno formattati secondo l'esempio sopra e appariranno su un foglio esclusivo dopo il completamento del lavoro. Tuttavia, possono anche apparire:

  • in nota
  • alla fine del testo o del capitolo
  • prima di riassunti, recensioni e recensioni

Elementi facoltativi

Oltre agli elementi obbligatori menzionati sopra, l'ABNT prevede che i documenti accademici possano contenere elementi facoltativi, a discrezione dell'autore o dell'istituzione scolastica. Vediamo.

spina dorsale

Condividi Tweet Tweet

La colonna vertebrale deve contenere il titolo dell'opera, il nome dell'autore e qualsiasi informazione che caratterizzi il lavoro (esempio: Volume 2). Tutte le informazioni devono essere stampate nella stessa direzione della colonna vertebrale.

Errata ed epigrafe

Condividi Tweet Tweet

L'errato deve contenere il riferimento dell'opera seguita dall'identificazione dell'errore, nella forma dell'esempio sopra.

L'intestazione non ha regole specifiche.

Dedizione e ringraziamenti

Le dediche e i ringraziamenti non hanno regole specifiche.

Elenco di illustrazioni, tabelle, abbreviazioni, acronimi o simboli

Condividi Tweet Tweet

Gli elenchi di illustrazioni, tabelle, abbreviazioni, acronimi o simboli dovrebbero elencare i loro articoli nell'ordine in cui appaiono al lavoro, identificando il numero di pagina (nel caso di illustrazioni e tabelle) e il loro significato (per abbreviazioni, acronimi e simboli).

Glossario e indice

Condividi Tweet Tweet

Il glossario dovrebbe essere organizzato in ordine alfabetico, mentre l'indice può obbedire a valori numerici, cronologici, sistematici, ecc.

Appendici o allegati

Condividi Tweet Tweet

Secondo l'esempio sopra, le appendici e le appendici dovrebbero essere identificate da lettere maiuscole seguite da trattini e dall'identificazione del loro contenuto.

Categorie Popolari

Top