Raccomandato, 2019

Scelta Del Redattore

CVM

Definizione Caratteristiche dell'espressionismo

L'espressionismo era un movimento artistico attraverso il quale gli autori esprimevano emozioni e sentimenti attraverso le loro opere: questa espressione avveniva in modo esagerato, depravato e sovversivo e con pessimismo.

Argomenti come la solitudine, la miseria e la pazzia venivano spesso affrontati. Scopri le principali caratteristiche dell'espressionismo:

1. Uso di colori intensi

Condividi Tweet Tweet

Fränzi davanti a una sedia scolpita (1910), di Ernst Ludwig Kirchner

Una delle principali caratteristiche dell'Espressionismo è l'uso di colori forti e vibranti, spesso irreali, cioè che non rappresentano direttamente la realtà.

2. Tracce spesse e distorte

Le opere espressioniste avevano caratteristiche forti e ben marcate, ma non c'era linearità nei contorni.

Le linee avevano forme contorte, erano un po 'aggressive e non determinavano con precisione il contorno delle forme.

Le linee erano spesse e spigolose.

3. Concentrati sugli aspetti soggettivi

Condividi Tweet Tweet

Starry Night (1889), di Van Gogh.

L'arte espressionista è un'arte drammatica e soggettiva che riflette la percezione, le emozioni e le sensazioni del suo autore sul soggetto ritratto.

L'immagine sopra, per esempio, di Van Gogh, riflette la percezione dell'artista di ciò che vide attraverso la finestra della sua camera da letto quando fu ricoverato nel manicomio Saint-Rémy-de-Provence.

Non tutte le componenti del lavoro potrebbero essere viste attraverso la finestra. Alcune immagini aggiunte da Van Gogh, come il villaggio, erano immaginarie e soggettive, cioè erano legate a riferimenti di elementi del proprio artista.

Alcuni studiosi ritengono che il villaggio raffigurato sul dipinto rappresenti il ​​luogo in cui Van Gogh ha passato la sua infanzia.

4. Tragica visione dell'essere umano

Condividi Tweet Tweet

The Dead Mother and the Child (1899), di Edvard Munch

Il fatto che l'espressionismo fosse una forma d'arte soggettiva ha permesso agli autori delle opere di rappresentare le rispettive visioni della vita.

Questa forma di espressione spesso affrontava questioni più drammatiche dei sentimenti umani, come la paura, la solitudine, la gelosia, la miseria, la prostituzione e così via.

A volte venivano raffigurate situazioni riguardanti la vita, la morte e il mondo spirituale.

5. Esposizione del lato pessimistico della vita

Una delle principali caratteristiche dell'Espressionismo era la ritrazione di intense emozioni .

Non c'erano preoccupazioni importanti riguardo agli standard di bellezza estetica. Spesso le opere riflettevano gli stati emotivi e mentali degli artisti che, attraverso la loro arte, esprimevano un approccio pessimistico alla realtà che vivevano.

Questo pessimismo era principalmente attribuito al momento storico in cui l'umanità stava vivendo e che si rifletteva in una grande sensazione di ansia prima, durante e dopo la prima guerra mondiale.

6. Deformazione della realtà del mondo

La realtà esposta dagli artisti espressionisti non era governata da un'idea di oggettività.

Dato che la soggettività è una delle principali caratteristiche dell'espressionismo, gli artisti di questa avanguardia europea si sono sentiti liberi di presentare la realtà secondo la propria percezione.

Lo scopo principale di questa rappresentazione era di dare priorità alle emozioni e ai sentimenti rispetto a una descrizione oggettiva della realtà.

7. Espressione della libertà individuale

Il movimento espressionista difese la libertà individuale attraverso l' irrazionalismo e la soggettività .

La soggettività permetteva che la conoscenza di tutto ciò che era esterno all'artista fosse data secondo il suo stesso riferimento.

L'irrazionalismo, a sua volta, come indica il nome stesso, si oppone a ciò che è razionale.

Il concetto di irrazionalismo sostiene che la capacità di apprendimento è superiore quando l'uomo supera i limiti imposti da ciò che è razionale.

Ulteriori informazioni sulla soggettività.

8. Uso della tridimensionalità nelle opere

Condividi Tweet Tweet

Girls at the Wharf (1899), di Edvard Munch

Gli artisti espressionisti utilizzavano la tridimensionalità nelle loro opere.

Tuttavia, questo effetto è stato ottenuto in modo illusorio, cioè non c'è stato un vero sollievo nei lavori. L'illusione è stata intenzionalmente creata attraverso i tratti.

Principali artisti dell'espressionismo

Scopri qui sotto chi erano i principali artisti espressionisti.

Edvard Munch

Considerato uno dei precursori dell'Espressionismo, ebbe come la sua opera più emblematica il Grito .

Le opere di Munch ritraggono piuttosto esplicitamente la realtà deformata, così tipica dell'Espressionismo.

Nella tabella seguente, ad esempio, possiamo percepire un volto senza forme definite e un corpo sinuoso.

Un'altra caratteristica che è abbastanza presente nei dipinti espressionisti di Munch è l'espressione di paura, dolore e sofferenza che gli esseri ritratti riflettono.

Alcuni hanno attribuito l'espressione di questi dettagli alla vita sofferta del pittore, che, da giovane, è stato tormentato dalla morte prematura di sua madre e sua sorella e dai disturbi psicologici che ha presentato in età adulta.

Condividi Tweet Tweet

The Scream (1893), di Edvard Munch

Van Gogh

Nella sua arte, ha ritratto l'uomo e la natura, dipingendo ciò che sentiva e non necessariamente ciò che vedeva.

Oltre a Starry Night, uno dei suoi lavori principali era Wheat Field with Crows .

Questo lavoro è diventato l'ultimo dipinto di Van Gogh. In esso è possibile osservare il tratto forte del pennello e la rappresentazione soggettiva dei sentimenti e la percezione della realtà, entrambi tipici dell'Espressionismo.

Si dice che il cielo con aria minacciosa, i corvi e la strada senza uscita rivelino l'idea del pittore che sarebbe già alla fine della vita.

Condividi Tweet Tweet

Campo di grano con corvi (1890), di Van Gogh

Gauguin

I dipinti di Gauguin erano caratterizzati da forme dimensionali stilizzate e natura allegorica.

Gauguin non solo ha fatto l'uso tradizionale di colori vividi dell'espressionismo, ma li ha anche usati in modo rappresentativo per esprimere i suoi sentimenti.

In uno dei suoi quadri più famosi, Yellow Christ, l'uso dei colori non era inteso come rappresentazione logica ma come simbolo di un senso di pace.

Condividi Tweet Tweet

The Yellow Christ (1889), di Gauguin

Espressionismo in Brasile

Il Brasile aveva due artisti espressionisti di grande importanza:

Candido Portinari

Le opere dell'artista erano note per rappresentare le difficoltà del popolo del Nordest e lo sfruttamento dell'essere umano da parte dell'élite.

L'artista dipingeva persone con piedi molto grandi, esibendo una deformazione della realtà, come era tipico dell'Espressionismo.

Questa rappresentazione esagerata aveva lo scopo di dimostrare la relazione della vicinanza dell'essere umano alla terra.

Uno dei suoi lavori principali era The coffee farmer .

Condividi Tweet Tweet

Tavolo The coffee farmer (1934) esposto al MASP (São Paulo, Brasile)

Anita Malfatti

Le opere di Anita Malfatti erano famose per la presentazione di ritratti, paesaggi e scene di nudo di giorno in giorno.

Uno dei suoi lavori principali era L'uomo dei sette colori .

Le influenze dell'Espressionismo sono evidenziate nelle opere dell'artista attraverso l'uso di colori forti.

Nella tabella seguente, ad esempio, possiamo anche notare la deformazione della realtà espressa attraverso una rappresentazione dell'essere umano che nulla assomiglia a un vero umano.

Condividi Tweet Tweet

L'uomo dei sette colori (1916), di Anita Malfatti

Scopri di più sull'espressionismo.

Categorie Popolari

Top