Raccomandato, 2020

Scelta Del Redattore

Definizione Stato liberale

Che cosa significa lo stato liberale:

Lo stato liberale (o stato di diritto liberale) è un modello di governo basato sul liberalismo sviluppato durante l'Illuminismo, tra il XVII e il XVIII secolo.

Il liberalismo si oppose al governo di controllo e centralizzazione dello stato assolutista, le cui principali caratteristiche erano l'accumulo di ricchezza, il controllo dell'economia e una relazione di autoritarismo tra governo e popolo.

Lo stato liberale, chiamato anche stato di diritto liberale, è diretto alla valorizzazione dell'autonomia e alla protezione dei diritti degli individui, garantendo loro la libertà di fare ciò che desiderano purché ciò non violi i diritti degli altri.

Economicamente, lo stato liberale è un risultato diretto degli interessi della borghesia. Il suo principale studioso era Adam Smith, che credeva che il mercato fosse libero quando si regola da solo, senza alcuna interferenza dello stato. È il modello opposto allo stato interventista, caratterizzato da una regolamentazione esaustiva di tutte le aree dell'economia, compreso il settore privato.

Come è nato lo stato liberale?

Lo stato liberale emerse dopo la rivoluzione francese, che era guidata da ideali liberali ispirati alle opere di John Locke. Il filosofo inglese, considerato il padre del liberalismo, capì che gli individui erano nati con il diritto naturale alla vita, alla libertà e alla proprietà privata. Quel pensiero aveva la conseguenza che lo Stato non poteva più intervenire in queste materie.

Per Locke, il rapporto delle persone con il governo avviene attraverso un Contratto sociale in base al quale la società rinuncia ad alcuni diritti in modo che lo Stato sia incaricato di mantenere l'ordine sociale. Pertanto, il liberalismo ha ispirato questo modello di stato volto a garantire le libertà individuali, regolando nel contempo gli interessi della società.

Quando la monarchia assolutista perse il potere e la borghesia prese il controllo della rivoluzione, i privilegi di nascita delle famiglie reali furono sostituiti dalla forza del capitale. Di conseguenza, c'è stato un naturale favore della classe borghese, che ha beneficiato della mancanza di un intervento statale e delle nuove possibilità del libero mercato.

Caratteristiche dello stato liberale

Le principali caratteristiche dello stato liberale sono:

Libertà individuale

In uno stato liberale gli individui possiedono le libertà che non possono essere interferite dal governo. Pertanto, gli individui possono impegnarsi in qualsiasi attività economica, politica o sociale a qualsiasi livello, a condizione che non violi i diritti degli altri.

uguaglianza

In uno stato liberale, l'uguaglianza viene raggiunta attraverso il rispetto dell'individualismo di ogni individuo. Ciò significa che tutti devono essere trattati allo stesso modo indipendentemente dal sesso, dall'età, dalla religione o dalla razza, osservando sempre le loro differenze al fine di dare a tutti le stesse opportunità.

tolleranza

La tolleranza è una conseguenza dell'uguaglianza con cui il governo tratta gli individui nello stato liberale, in cui ognuno ha l'opportunità di essere ascoltato e rispettato, anche durante scioperi e dimostrazioni.

Libertà dei media

I media operano in modo imparziale e non sono legati al governo negli stati liberali. In questo modo, i media possono pubblicare informazioni liberamente e senza pregiudizi, soprattutto su questioni politiche.

Mercato libero

Negli stati liberali, la cosiddetta "mano invisibile del mercato" è dominata dall'assenza di interventi governativi nell'economia. Pertanto, ogni individuo può esercitare attività economiche e, quindi, il mercato si autoregola.

Stato liberale, stato sociale e stato sociale

Lo stato liberale è lo stato garante dei cosiddetti diritti di prima generazione, che hanno carattere individuale e negativo, poiché richiedono l'astensione dallo stato. Questi diritti sono considerati fondamentali e riguardano la libertà, i diritti civili e politici.

Lo stato di diritto sociale è quello che riguarda i diritti di seconda generazione, che richiedono atteggiamenti efficaci dello stato. Sono diritti culturali, economici e sociali.

Lo stato sociale è la posizione sociale ed economica adottata dal governo al fine di ridurre le disuguaglianze sociali attraverso politiche di distribuzione del reddito, misure di welfare e fornitura di servizi di base.

Stato neoliberale

Lo stato neoliberista è segnato dalla figura dello stato come un mero regolatore dell'economia.

Il modello fu stabilito in diversi paesi negli anni '70 dopo la cosiddetta "crisi del liberalismo", quando l'assenza di un intervento dello stato provocò uno squilibrio nella legge della domanda e dell'offerta e culminò nella crisi economica del 1929.

La Grande Depressione, come è nota anche la crisi del 1929, ha dimostrato che la completa mancanza di regolamentazione del mercato ha portato alla crescita sfrenata dell'industria e alla conseguente recessione economica. In questo contesto, il neoliberismo attribuiva allo Stato il ruolo minimo di regolatore dell'economia, rispettando sempre il libero mercato e la concorrenza.

Categorie Popolari

Top