Raccomandato, 2019

Scelta Del Redattore

Definizione Significato della teoria malthusiana

Qual è la teoria malthusiana:

La teoria malthusiana, nota anche come Malthusianism, è una teoria demografica sviluppata dall'inglese Thomas Robert Malthus .

Secondo il pensiero malthusiano, la popolazione crescerebbe molto rapidamente e in progressione geometrica (1, 2, 4, 8, 16 ...), mentre la produzione alimentare, a sua volta, crescerebbe lentamente e aritmeticamente ( 1, 2, 3, 4, 5 ...).

Questa linea di ragionamento è nota come legge di Malthus .

Thomas Robert Malthus

Secondo gli studi di Malthus, dopo un periodo di 200 anni la popolazione sarebbe 28 volte più alta della crescita della produzione alimentare, che sarebbe una grave catastrofe per il mondo.

Lo scopo della teoria era di attirare l'attenzione sul problema della mancanza di cibo generato dal grande aumento della popolazione nel mondo.

Soluzione per mancanza di cibo

Nella sua opera Malthus propose persino ciò che chiamava sottomissione morale .

Secondo lui, la popolazione ha dovuto evitare la crescita incontrollata attraverso il matrimonio tardivo, una riduzione del numero di bambini programmati e la privazione volontaria dei loro rispettivi desideri sessuali, al fine di ridurre il tasso di natalità.

Malthus riteneva che la crescita della popolazione sarebbe stata quindi bilanciata dalla possibilità di crescita nella produzione alimentare.

Per lui, la crescita della produzione alimentare è stata molto più lenta della crescita demografica. Mentre la produzione seguiva una progressione aritmetica (1, 2, 3, 4, 5 ...), la popolazione aumentava in progressione geometrica (1, 2, 4, 8, 16 ...).

Essendo un religioso (oltre ad essere uno statistico, demografo ed economista, Thomas Malthus era pastore della Chiesa anglicana), era contrario all'uso dei metodi contraccettivi.

Ulteriori informazioni sulla progressione aritmetica.

Altre teorie demografiche

La teoria demografica malthusiana (o Teoria popolare malthusiana) è stata pubblicata nel libro Saggio sul principio della popolazione, opera principale dell'economista, nel 1798.

A quel tempo, la teoria di Malthus non poteva prevedere i progressi della scienza e della tecnologia che il futuro deteneva.

L'uso di macchinari come sostituto del lavoro umano sul campo, ad esempio, ha fornito un gigantesco aumento della capacità di produzione alimentare.

Di conseguenza, era chiaro che la causa della situazione di miseria in cui vivevano alcuni paesi e regioni del mondo non era correlata alla produzione di cibo in sé, vale a dire, non era un'incapacità produttiva ma una maldistribuzione questi alimenti prodotti.

Queste scoperte alla fine affrontano la teoria della popolazione malthusiana e con questo, sono state formulate altre teorie demografiche, come ad esempio la teoria neo-malthusiana e la teoria riformista .

Teoria Neo-Malthusiana

Questa teoria iniziò ad emergere all'inizio del XX secolo e si basava sulla teoria malthusiana.

I Neo-Malthusiani sostenevano che se l'accelerazione della crescita della popolazione non fosse diminuita, in pochi anni si sarebbero esaurite le risorse naturali della Terra.

Per evitare che ciò si verificasse, i teorici della teoria neo-malthusiana ricorsero a proposte mirate al controllo delle nascite.

Queste proposte divennero popolari e furono chiamate Pianificazione familiare .

La pianificazione familiare è stata applicata principalmente nei paesi sottosviluppati e in base alla popolazione locale.

Controlla di seguito alcune delle principali misure applicate:

  • Sterilizzazione di massa
  • Distribuzione gratuita di contraccettivi.
  • Assistenza medica per uso IUD (dispositivo intra-uterino).
  • Promozione di un modello familiare ideale composto da soli due bambini.

Vedi anche il significato di tasso di natalità e sterilizzazione.

Teoria riformista

A differenza della teoria Neo-Malthusiana, che si basa sul pensiero malthusiano, la teoria riformista, a sua volta, è totalmente contraria a questo concetto.

Secondo i riformatori, la rivoluzione industriale e la conseguente rivoluzione tecnologica hanno risolto il problema della produzione alimentare, in disaccordo con l'idea malthusiana secondo cui questa produzione stava crescendo a un numero significativamente inferiore alla crescita della popolazione.

Un'altra caratteristica della teoria riformista che si oppone alla teoria di Malthus è legata alla causa della povertà.

Per i malthusiani, la povertà era causata dal surplus di popolazione. I riformisti, d'altra parte, credevano proprio nell'opposto. Per loro, la povertà era che comportava l'eccesso di popolazione.

La teoria riformista sosteneva che se non ci fosse stata povertà, ci sarebbe un migliore accesso all'istruzione, all'igiene e alla salute, che alla fine regolerebbero la crescita della popolazione.

I riformisti ritenevano che l'origine della povertà fosse dovuta alla scarsa distribuzione sociale del reddito che sarebbe stata causata principalmente dallo sfruttamento sotto il quale i paesi sviluppati sottoponevano i paesi sottosviluppati.

I teorici riformisti ritenevano che ci sarebbe stata una riforma sociale da parte del governo riguardo a questa distribuzione.

Ulteriori informazioni sulla rivoluzione industriale.

Categorie Popolari

Top