Raccomandato, 2020

Scelta Del Redattore

Definizione Blocchi economici

Cosa sono i blocchi economici:

I blocchi economici consistono nell'unione di diversi paesi che desiderano stabilire relazioni economiche più forti tra loro.

I blocchi economici mirano a facilitare gli scambi tra i loro rispettivi paesi membri e ciò viene fatto, ad esempio, riducendo le tasse di importazione e di esportazione e riducendo le tariffe tra di loro.

Principali blocchi economici mondiali

I blocchi economici mondiali, cioè i blocchi economici formati dall'unione di diversi paesi, sono emersi tenendo conto della globalizzazione del commercio, al fine di rafforzare le proprie economie nelle relazioni commerciali tra loro e con gli altri paesi del mondo.

Nel caso di alcuni blocchi economici come l'Unione europea, i paesi membri fanno parte della stessa regione, cioè, per quanto riguarda la geografia, sono situati l'uno vicino all'altro e costituiscono quindi blocchi economici regionali .

I blocchi economici hanno di solito nei loro paesi di formazione che hanno affinità culturali e commerciali.

Vedi sotto alcuni esempi dei principali blocchi economici e delle loro caratteristiche.

APEC

Logo APEC

L'APEC (Cooperazione economica dell'Asia e del Pacifico) è stata fondata nel 1993 ed è formata da Stati Uniti d'America, Giappone, Cina, isola di Taiwan, Corea del Sud, Hong Kong (regione amministrativa della Cina), Singapore, Malesia, Thailandia, Indonesia, Brunei, Filippine, Australia, Nuova Zelanda, Papua Nuova Guinea, Canada, Messico, Russia, Perù, Vietnam e Cile.

Uno degli obiettivi principali di questo blocco è sostenere la crescita economica sostenibile della regione del Pacifico e la sua prosperità. attraverso l'aiuto tra i paesi membri.

Ciò è dovuto principalmente alla riduzione dei dazi doganali tra i paesi membri.

L'APEC è un blocco economico di estrema importanza globale, poiché la produzione industriale di tutti i suoi paesi membri corrisponde a quasi la metà della produzione industriale mondiale.

Questo blocco economico, che ha il potenziale per diventare il più grande blocco economico del mondo, non ha un trattato tra i suoi paesi membri; tutte le decisioni sono prese per consenso e dichiarazioni non vincolanti.

Mappa APEC

Fin dalla sua fondazione, l'APEC ha tenuto riunioni annuali per riunire i leader dei suoi paesi membri.

Questi incontri sono spesso ospitati dagli stessi paesi membri ed è tradizione che i leader arrivino indossando un costume tipico del paese ospitante.

Non è, tuttavia, un obbligo e quindi non tutti aderiscono all'usanza.

APEC Perù 2008 (angolo in alto a destra), APEC Korea 2005 (angolo in alto a sinistra), APEC Indonesia 1994 (in basso a destra) e APEC Chile 2004 (in basso a sinistra).

ASEAN

Bandiera dell'ASEAN

L'ASEAN (Associazione delle Nazioni del Sud-Est Asiatico) è stata fondata nel 1967 e comprende Thailandia, Filippine, Malesia, Singapore, Indonesia, Brunei, Vietnam, Myanmar, Laos e Cambogia.

Mappa di ASEAN

Una delle caratteristiche di questo blocco economico è la preoccupazione per la garanzia di pace e stabilità nel suo territorio.

Di conseguenza, gli stati membri hanno firmato un trattato che vieta tutte le armi nucleari nella regione.

CEI

Bandiera CIS

Il Commonwealth of Independent States (CIS) è stato fondato nel 1991 ed è composto da Armenia, Azerbaigian, Bielorussia, Kazakistan, Kirghizistan, Moldavia, Russia, Tagikistan, Turkmenistan, Ucraina e Uzbekistan.

Uno degli obiettivi principali della creazione della CSI era di preservare i legami e le relazioni di collaborazione tra le nazioni che emergevano come nuovi paesi dopo essere diventati indipendenti dall'Unione Sovietica, anche se erano sotto la grande influenza della Russia.

Mappa della CIS

La Russia ha avuto influenza, ad esempio, riguardo alla lingua adottata, poiché ha esercitato una certa pressione affinché il russo ricevesse uno status linguistico ufficiale di tutti i paesi membri della CSI.

Tuttavia, il russo è solo una lingua ufficiale in alcuni paesi, come la Bielorussia, il Kazakistan e il Kirghizistan.

Sebbene sia spesso visto come un blocco economico, la CSI non può ricevere una tale classificazione perché non ha alcuna politica commerciale di alcun tipo tra i suoi membri.

Comunità andina delle nazioni - Patto andino

Fondata nel 1969, la Comunità Andina delle Nazioni è formata da Bolivia, Colombia, Ecuador e Perù.

Mappa della comunità andina

Oltre ai paesi membri, il Patto andino ha anche l'interazione di Brasile, Argentina, Cile, Paraguay e Uruguay come paesi associati, e Messico e Panama hanno paesi osservatori.

Uno dei principali obiettivi della creazione del Patto andino era di promuovere l'integrazione regionale al fine di fornire uno sviluppo equilibrato tra i paesi membri, riducendo le differenze economiche e sociali tra di loro, rendendo possibile migliorare la qualità della vita e la posizione economica di questi paesi in un contesto globale.

Anche la libera commercializzazione dei prodotti tra i paesi membri era uno degli obiettivi principali della Comunità andina delle nazioni.

Un altro punto saliente è stato il permesso, reso possibile dal patto, di libera circolazione dei cittadini tra i paesi membri. La semplice presentazione della carta d'identità nazionale consente a un individuo di circolare liberamente tra tutti i paesi membri, come turista senza la necessità di un visto.

Nonostante non sia più un paese membro della Comunità andina delle Nazioni, anche il Venezuela è stato in qualche modo coperto da questa autorizzazione. Tuttavia, i cittadini che visitano o provengono da tale paese devono presentare i rispettivi passaporti.

Nel 2001 è stato creato il passaporto andino. Questo documento di identificazione è rilasciato da tutti i paesi membri del Patto andino e consente la libera circolazione dei suoi cittadini tra di loro.

Alcune delle caratteristiche fisiche del documento:

  • Misura standard 88 mm per 125 mm.
  • Elementi di sicurezza basati sull'ICAO (International Civil Aviation Organisation - Inter-Civil Aviation Organization).
  • Testo "Comunidad Andina" (Comunità andina) registrato sulla copertina in lettere d'oro.
  • Immagine dello stemma del paese membro sulla copertina, in oro

Copertina del passaporto andino

Mercosur

Informativa sulla privacy

Il Mercosur (Mercato comune del Sud) è stato fondato nel 1991 ed è formato da Brasile, Argentina, Uruguay e Paraguay.

Il Venezuela, membro che ha aderito al blocco nel 2012, è stato sospeso nel 2016 per non aver rispettato il protocollo di adesione e nel 2017 per aver violato la clausola democratica del blocco.

Il blocco comprende anche Bolivia, Cile, Colombia, Ecuador, Perù, Suriname e Guyana come membri associati e con il Messico e la Nuova Zelanda come membri osservatori.

Il Mercosur è stato creato con l'obiettivo di stabilire un'integrazione regionale dell'America Latina.

Uno dei suoi obiettivi principali era quello di creare un mercato comune per consentire la libera circolazione interna di beni, servizi e fattori di produzione tra i paesi membri.

Per quanto riguarda gli scambi con altri paesi, è stata stabilita una tariffa esterna comune (CET) che stabilisce che l'esportazione di un dato prodotto dovrebbe avere lo stesso costo a prescindere dal paese membro che lo esporta.

Considerato nel suo complesso, il Mercosur è la quinta economia del mondo. Con l'aumento dell'agenda economica dell'integrazione, c'è stato un aumento significativo degli investimenti degli stati membri nei membri del gruppo.

Il Brasile ha una grande importanza nello scenario economico del Mercosur, poiché il suo PIL corrisponde a quasi il 55% del PIL del blocco.

Per quanto riguarda le lingue, il Mercosur comprende portoghesi, castigliani e guarani. La lingua utilizzata nei documenti varia in base al Paese ospitante delle riunioni.

Il Mercosur ha una zona di residenza gratuita con il diritto al lavoro. Ciò rende più facile richiedere una residenza temporanea in un paese membro del blocco da parte di cittadini naturali di un altro Stato membro per un periodo massimo di due anni.

Per godere di questa area di residenza gratuita, i cittadini dei paesi membri del Mercosur devono solo avere un passaporto valido, un certificato di nascita, un certificato negativo di fedina penale e, a seconda del paese, un certificato medico di autorità di immigrazione.

Nel 2015, la copertina del passaporto brasiliano è stata contrassegnata come "Passport Mercosur".

Ulteriori informazioni su Mercosur.

SADC

Logo SADC

La SADC (Southern Africa Development Community) è stata fondata nel 1992 e comprende 15 paesi. Sono: Sud Africa, Angola, Botswana, Repubblica Democratica del Congo, Lesotho, Madagascar, Malawi, Mauritius, Mozambico, Namibia, Seychelles, Swaziland, Tanzania, Zambia e Zimbabwe.

Mappa SADC

I paesi membri della SADC affrontano una sfida importante in termini di sviluppo, economia, commercio, istruzione, salute, diplomazia e sicurezza, e non tutti sono in grado di affrontare questi problemi in modo efficiente.

Due dei problemi principali sono l'esistenza di bande criminali organizzate e il fatto che alcuni paesi membri integrino anche altri tipi di organizzazioni economiche regionali, che alla fine indeboliscono o competono con gli obiettivi della SADC.

Unione Europea

Bandiera dell'Unione europea

L'Unione europea è stata fondata nel 1993 ed è composta da 28 paesi. Sono: Austria, Belgio, Bulgaria, Cipro, Croazia, Danimarca, Repubblica Ceca, Estonia, Finlandia, Francia, Germania, Grecia, Ungheria, Irlanda, Italia, Lettonia, Lituania, Lussemburgo, Malta, Paesi Bassi, , Polonia e Portogallo.

Nel 2016 un referendum popolare ha approvato che il Regno Unito (in arancione) non sarebbe più parte dell'Unione europea (UE). Il processo di uscita nel Regno Unito sarà completato entro il 2020.

Per quanto riguarda la prosperità dei suoi paesi membri, uno dei principali obiettivi dell'Unione europea è favorire lo sviluppo sostenibile, basato su una crescita economica equilibrata e prezzi stabili.

L'obiettivo è raggiungere un'economia molto competitiva a favore del progresso sociale e prendere sempre in considerazione la protezione ambientale.

L'Unione europea mira anche a promuovere la pace e il benessere dei suoi cittadini cercando di garantire libertà, sicurezza e giustizia per tutti e combattendo l'esclusione sociale e la discriminazione.

Non esiste un controllo di frontiera tra i paesi dell'UE. In questo modo, i suoi cittadini possono non solo circolare liberamente tra i paesi membri, ma anche vivere e lavorare.

Per quanto riguarda la valuta, nel 1999 l'euro è stato introdotto come moneta unica, inizialmente come moneta virtuale, e nel 2002 è stato introdotto sotto forma di banconote e monete.

L'obiettivo principale di introdurre una moneta unica era di eliminare i costi di cambio e le fluttuazioni dei tassi di cambio. Per aderire, i paesi devono conformarsi a una serie di condizioni economiche e legali.

Controlla l'elenco dei paesi che non hanno potuto adottare la valuta perché non hanno soddisfatto tutti i requisiti:

  • Bulgaria
  • Croazia
  • Ungheria
  • Polonia
  • Repubblica Ceca
  • Romania
  • Svezia

Due nazioni, tuttavia, hanno negoziato una clausola di non partecipazione nella cosiddetta "zona euro" e non hanno adottato la valuta per scelta. Sono il Regno Unito (la cui moneta è la sterlina inglese ) e la Danimarca (che ha come moneta la corona danese ).

Complessivamente, 19 dei 28 Stati membri dell'UE hanno l'euro come valuta ufficiale.

Ulteriori informazioni sull'Unione europea.

UMSCA

L'accordo UMSCA (Stati Uniti-Messico-Canada) è un accordo economico stabilito nel 2018 tra i tre paesi citati, che sostituisce l'accordo di libero scambio nordamericano (NAFTA). commercio).

Bandiera del segretariato del NAFTA

L'accordo nordamericano di libero scambio (NAFTA) è entrato in vigore nel 1994 e il suo obiettivo principale era rafforzare le relazioni commerciali tra i suoi paesi membri. Per questo, sono stati ridotti i dazi all'importazione tra di loro e il transito di beni e servizi tra loro è stato facilitato tra queste nazioni.

La creazione di NAFTA era una strategia statunitense il cui obiettivo era quello di competere con il mercato asiatico e il mercato europeo.

Gli ideali del blocco erano di natura strettamente economica e quindi non c'erano grossi investimenti nell'integrazione dei cittadini. A differenza della realtà di alcuni blocchi, nel NAFTA non vi era libera circolazione di cittadini nazionali tra i paesi membri.

Durante il NAFTA, c'era sempre molta disparità tra le economie dei paesi membri. c'è sempre stata una certa dipendenza dalle economie del Canada e del Messico in relazione all'americano.

Nel 2018, i paesi membri hanno concordato una rinegoziazione per sostituire il NAFTA con UMSCA.

Mappa di NAFTA

L'UMSCA è considerato un nuovo accordo modernizzato. Uno dei suoi principali obiettivi è creare condizioni affinché tutte le parti emergano come vincenti e stabiliscano mercati più liberi.

La principale novità nella UMSCA in relazione al NAFTA è l'istituzione senza precedenti di regole che contemplano i servizi finanziari e le materie digitali. Un esempio di questo è il trattamento del copyright. I siti Internet che violano i diritti degli autori verranno rimossi, come è consuetudine negli Stati Uniti.

Ulteriori informazioni su NAFTA.

BENELUX

Bandiera del Benelux

Il Benelux è un blocco economico fondato nel 1944. La designazione del blocco deriva dai nomi dei suoi paesi membri in inglese: Belgio (Belgio), Olanda (Olanda) e Lussemburgo (Lussemburgo).

Il Benelux consiste in un accordo commerciale che include principalmente minerali e prodotti per l'industria, che è considerato uno dei più importanti per i tre paesi membri.

L'obiettivo principale del blocco era quello di aumentare gli scambi tra i paesi membri e diventare meno burocratici. Una delle misure adottate per assistere il processo è stata la riduzione delle tasse e dei dazi sul commercio estero.

Il blocco ha tre lingue ufficiali: olandese, francese e tedesco.

Il Benelux è considerato il punto di partenza per l'emergere dell'Unione europea; nel 1951, i tre paesi del Benelux si unirono alla Germania occidentale, alla Francia e all'Italia e fondarono la Comunità europea del carbone e dell'acciaio (CECA), stabilendo così un mercato comune dell'acciaio. Più tardi, nel 1957, i sei paesi firmarono il trattato di Roma, che diede origine alla CEE (Comunità economica europea), nota anche come ECM (Mercato comune europeo). Nel corso degli anni, Inghilterra, Irlanda, Danimarca, Grecia, Spagna e Portogallo si unirono alla CEE e il gruppo divenne noto come Europa dei 12.

La CEE ha promosso l'integrazione dei paesi attraverso la libera circolazione di capitali, prodotti e persone.

L'integrazione promossa dalla CEE si concretizzò nel 1992, quando fu firmato un trattato chiamato Trattato di Maastricht. Questo trattato è entrato in vigore l'anno successivo, dando origine all'Unione europea.

L'emergere dell'Unione europea non ha estinto il Benelux; i blocchi iniziarono a coesistere.

Mappa di BENELUX

Formazione di blocchi economici

La formazione dei primi blocchi economici ha avuto luogo dopo la seconda guerra mondiale.

Con l'Europa devastata e gli Stati Uniti in un processo di crescita economica in crescita, l'economia europea era minacciata.

Il primo blocco economico emerse nel 1944, con l'unione di Belgio, Olanda e Lussemburgo, dando origine al blocco BENELUX, il cui scopo era quello di aiutare questi paesi a riprendersi dalla guerra.

Successivamente, Germania, Francia e Italia entrarono a far parte di BENELUX, formando un nuovo blocco, chiamato CECA (Comunità europea del carbone e dell'acciaio).

Nel corso degli anni e con l'integrazione di un numero sempre maggiore di paesi, la CECA è diventata quella che oggi conosciamo come CEE (Comunità economica europea).

Oltre ad essere generalmente formati da paesi confinanti, i blocchi economici hanno di solito nei loro paesi di formazione che hanno affinità culturali e commerciali.

Principali obiettivi dei blocchi economici

Controlla sotto alcuni obiettivi dei blocchi economici.

  • Ridurre le tasse di importazione ed esportazione e le imposte sui dazi doganali tra i paesi membri.
  • Migliorare le dinamiche economiche tra i paesi membri.
  • Espandere il mercato dei consumatori dei paesi membri per intensificare l'economia in un contesto globalizzato.

Tipi di blocchi economici

La classificazione dei tipi di blocchi economici è data dalle caratteristiche che ciascuno ha.

Caratteristiche dei blocchi economici

Alcune delle caratteristiche dei blocchi economici sono:

  • Libero scambio
  • Libera circolazione di persone e merci.
  • Adozione della stessa valuta.
  • Comportamento commerciale comune tra i paesi membri.

Vedi di più sul libero scambio.

Tenendo conto di queste caratteristiche, i blocchi economici sono classificati in quattro categorie, come spiegato di seguito.

Area di libero scambio

I blocchi economici che hanno questa classificazione hanno un accordo di libero scambio, il che significa che ciò che viene prodotto in un paese membro può entrare in un altro stato membro senza alcun problema, quindi essere esentato dal solito ufficio burocratico importazione.

Unione doganale

In questo tipo di blocco economico, vengono definite le condotte commerciali e le regole per la commercializzazione dei prodotti tra i membri del blocco e i paesi terzi.

Mercato comune

La libera circolazione di capitali, persone e servizi è consentita nel mercato comune. In questo senso, si crea un mercato che consente una maggiore integrazione tra le economie e le regole di questo mercato interno costituito dai paesi membri.

Unione economica e monetaria

Nel sistema di unione economica e monetaria, i paesi membri del blocco economico adottano la stessa moneta e seguono la stessa politica di sviluppo.

Blocchi economici e globalizzazione

Si ritiene che l'inizio della globalizzazione sia avvenuto anche nel periodo delle grandi navigazioni, quando le barche prendevano e portavano prodotti e informazioni di luoghi geograficamente distanti tra loro.

Tuttavia, l'esistenza di blocchi economici è indubbiamente una forma di globalizzazione. La creazione di accordi commerciali tra paesi finisce per riunire le nazioni e stabilire relazioni pacifiche tra loro.

Per quanto riguarda la creazione di blocchi economici, la globalizzazione è utile per combattere l'inflazione, l'importazione e l'esportazione di prodotti e il mantenimento di una buona relazione tra i paesi.

Un punto che può rivelarsi negativo, tuttavia, è il rischio che la ricchezza sia più concentrata in una nazione che in un'altra.

Ulteriori informazioni sulla globalizzazione

Vantaggi e svantaggi dei blocchi economici

Il vantaggio della formazione dei blocchi economici è la riduzione delle tasse di importazione e di esportazione e la tariffa doganale. Questa riduzione ha un impatto diretto sul prezzo del prodotto finale.

Poiché i produttori beneficiano dei prezzi inferiori pagati per i materiali importati usati come materie prime, il valore del prodotto finale viene ridotto, il che giova anche al consumatore.

Lo svantaggio dei blocchi economici è che le aziende che non sono abbastanza coerenti per competere con altre imprese dei paesi membri corrono il rischio di dover interrompere l'attività.

Elenco di blocchi economici del tempo presente

Elenco degli attuali blocchi economici:

  • Paesi ACP (79 paesi dell'Africa, dei Caraibi e del Pacifico)
  • Accordo ACP-UE (Accordo di Cotonou: accordo commerciale tra l'Unione europea e i paesi ACP)
  • AEC (Associazione degli Stati dei Caraibi)
  • EFTA (Associazione europea di libero scambio)
  • ALADI (Latin American Integration Association)
  • ALBA (Bolivarian Alliance for the Americas)
  • APEC (Cooperazione economica dell'Asia e del Pacifico)
  • ASEAN (Associazione delle Nazioni del Sud-Est asiatico)
  • CEFTA (Accordo centroeuropeo di libero scambio)
  • CAFTA-DR (Area di libero scambio tra Stati Uniti, America centrale e Repubblica Dominicana)
  • CAN (Comunità Andina delle Nazioni)
  • CAO (Comunità dell'Africa orientale)
  • CARICOM (Comunità caraibica)
  • CEA (Comunità economica africana)
  • ECOWAS (Comunità economica degli Stati dell'Africa occidentale)
  • CEEA (Comunità economica euroasiatica)
  • ECCAS (Comunità economica degli Stati dell'Africa centrale)
  • CIS (Commonwealth of Independent States)
  • CEMAC (Comunità economica e monetaria dell'Africa centrale)
  • IBAS (Forum di dialogo India, Brasile e Sudafrica)
  • COMECOM (Consiglio per la mutua assistenza economica)
  • COMESA (Mercato comune per l'Africa orientale e meridionale)
  • MERCOSUR (Mercato comune del sud)
  • OCSE (Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico)
  • OECS (Organizzazione degli Stati dei Caraibi orientali)
  • SAARC (Associazione dell'Asia meridionale per la cooperazione regionale)
  • SADC (Southern Development Community)
  • AU (Unione africana)
  • UAAA (Southern African Customs Union) conosciuta anche con l'acronimo inglese SACU (Southern African Customs Union)
  • UE (Unione Europea)
  • UEMOA (Unione economica e monetaria dell'Africa occidentale)
  • ONE (Unione del Maghreb arabo)
  • UNASUL (Unione delle nazioni sudamericane)

Categorie Popolari

Top