Raccomandato, 2019

Scelta Del Redattore

Definizione eugenetica

Cos'è Eugenia:

L'eugenetica, chiamata anche eugenetica, consiste in una serie di credenze e pratiche volte a migliorare la qualità genetica della popolazione.

Una delle giustificazioni per l'esistenza dell'eugenetica è che le razze umane considerate superiori prevalgono nell'ambiente in un modo più adeguato.

Per questo motivo, molte persone considerate indegne di trasmettere le rispettive ereditarietà ai propri discendenti furono sottoposte alla sterilizzazione contro la volontà.

Il concetto è considerato da alcuni studiosi come una filosofia sociale, vale a dire un'eugenetica sociale la cui filosofia avrebbe lo scopo di organizzare la società. Tuttavia, questa idea non è universalmente accettata.

Origine del concetto di eugenetica

Sebbene la pratica esista già, il termine eugenetica, termine greco per "ben nato", fu creato dall'inglese Francis Galton nel 1883.

Francis Galton

Galton, cugino di Charles Darwin, era uno scienziato che aveva una grande fascinazione per i temi legati all'eredità biologica. Credeva che se fosse possibile quantificare l'ereditarietà, sarebbe possibile produrre esseri umani migliori.

Il concetto di eugenetica umana ha avuto un grande impatto negli Stati Uniti. Dalla Rivoluzione industriale, molti contadini sono emigrati in città per cercare lavoro e conseguentemente una vita migliore.

Durante questo periodo, gli Stati Uniti hanno affrontato per la prima volta un problema di distribuzione sociale.

Oltre alla migrazione dei contadini, un altro fatto sorprendente è stato l'arrivo di molti immigrati venuti soprattutto dall'Europa.

Il concetto di Galton, infatti, ha cercato di manipolare la genetica umana per migliorare le generazioni future.

Tuttavia, l'eugenetica alla fine assunse altri filoni negli Stati Uniti, essendo considerata non solo per consentire la riproduzione dei geni (obiettivo di Galton), ma anche per impedire alle persone considerate inferiori e indegne di trasmettere le loro eredità per riprodursi.

Poi viene quella che è stata definita eugenetica negativa .

Scopri di più sull'eredità.

Tipi di eugenetica

Scopri i due tipi di eugenetica esistenti.

Eugenia negativa

L'eugenetica negativa mirava a impedire che le persone considerate "limitate" riproducessero.

Erano considerate persone "limitate", ad esempio, coloro che avevano problemi mentali, malattie ereditarie, malattie contagiose, ecc.

Il concetto di eugenetica negativa è diventato così presente nella realtà degli Stati Uniti che è diventato costituzionale nel paese.

Uno dei casi più famosi, avvenuto nel 1927, fu quello di Carrie Buck . La giovane donna fu ammessa alla Virginia State Colony per Epilessia e Mentally Deaf, e il sovrintendente locale in quel momento sentì che non doveva avere figli.

Il caso è stato portato alla Corte Suprema e Carrie è stata considerata avere gravi problemi di sviluppo mentale. Pertanto, in un voto che si è concluso con 8 voti favorevoli e 1 contrario, è stato deciso che la ragazza sarebbe stata sterilizzata.

Foto di Carrie Buck e sua madre nel 1924

Da allora, in una sentenza emessa dal giudice Oliver Wendell Holmes Junior il 2 maggio 1927, la sterilizzazione delle persone considerate "limitate" divenne di natura costituzionale.

Positivo Eugenia

L'eugenetica positiva, infatti, consiste nel concetto originale della parola eugenetica: incoraggiare le persone considerate superiori e in buona salute a riprodursi, al fine di seguire una specie umana con caratteristiche considerate desiderabili.

Queste caratteristiche considerate desiderabili contemplavano una serie di fattori come il colore degli occhi, il colore dei capelli, la sobrietà e persino alcuni punti curiosi come l'amore in mare e i geni dei guerrieri.

Con questo, si è cercato di applicare la teoria già sviluppata della selezione naturale, di Charles Darwin.

Charles Darwin

La domanda è stata presa così seriamente negli Stati Uniti che i concorsi sono stati organizzati nelle fiere e persino nelle università per determinare quali famiglie erano più adatte a riprodursi.

In queste competizioni, le persone sono state sottoposte a test psicologici, test medici e test di intelligenza, e sono stati tenuti a fornire una storia familiare.

Coloro che erano considerati in forma ricevettero una medaglia con la frase "I have a beautiful inheritance" come riconoscimento delle loro abilità.

Ulteriori informazioni sulla selezione naturale.

Eugenia Nazista

Sebbene si sia diffusa in proporzioni maggiori negli Stati Uniti, la verità è che le idee e i concetti sposati dall'eugenetica si sono diffusi in tutto il mondo.

Molti attribuiscono a Hitler l'idea fissa di cercare di stabilire che una razza è superiore alle altre, ma la verità è che un breve studio di ciò che significa eugenetica è sufficiente a chiarire che questo concetto precede il periodo della dittatura nazista.

Tuttavia, non si può negare che Hitler abbia messo in pratica i principi eugenetici in quella che possiamo chiamare eugenetica razziale .

L'approccio nazista non era soddisfatto della sterilizzazione per la prevenzione delle nascite e in alcuni casi, lo sterminio applicato.

Con questa misura arrivarono i campi di concentramento dell'Olocausto, dove migliaia di ebrei persero la vita.

Campo di concentramento ad Auschwitz.

Scopri di più sul nazismo e sull'olocausto.

Eugenia in Brasile

I primi testi sull'eugenetica apparvero in Brasile nel 1910, attraverso pubblicazioni di stampa e articoli accademici nel campo della medicina.

Nel 1918 fu fondata la Società Eugenetica di San Paolo, facendo del Brasile il primo paese del Sud America ad ospitare questo genere di comunità.

La Società riunì più di 100 soci, tra cui ingegneri, giornalisti, medici e alcune delle élite intellettuali del tempo, tutti guidati da colui che era considerato il padre dell'eugenetica in Brasile: Renato Ferraz Kehl .

Oltre ad essere un fondatore della Società, Renato (che definì la parola eugenetica come "religione dell'umanità") era un medico naturale di San Paolo che lavorava nelle strutture igienico-sanitarie rurali e nell'educazione alla salute.

Fu anche responsabile del lancio di Eugenia Bulletin (nel 1929), una pubblicazione che circolò durante quattro anni con lo scopo di pubblicizzare le misure eugenetiche tra i brasiliani. Nello stesso anno si tenne il primo congresso brasiliano di Eugenia.

All'inizio del XX secolo, si credeva che i neri fossero responsabili di una serie di epidemie.

Quindi, per gli intellettuali del tempo, l'eugenetica sarebbe un modo per eseguire una sorta di "igiene sociale". Chiunque non rientri nel concetto di razza superiore era considerato un male da combattere.

Uno degli obiettivi principali dell'eugenetica brasiliana era combattere l'immigrazione per evitare miscugli di razze nel futuro, garantendo così la conservazione delle caratteristiche razziali e fisiche considerate buone.

Secondo gli standard dell'eugenetica, il grande tasso di incrocio di razze brasiliano rese l'esistenza del Brasile come nazione non possibile.

Le idee eugenetiche considerate in grado di risolvere il problema erano:

  • Candeggio: mescolare altre razze con la razza bianca europea per sbiancare la popolazione.
  • Selezione degli immigrati: creazione di una proposta che suggeriva la fine dell'immigrazione dei non bianchi.
  • Educazione sessuale: con l'intenzione di garantire una discesa sana.
  • Controllo della riproduzione umana: generazione di bambini solo tra coppie considerate sane (tenendo conto degli standard dell'eugenetica) al fine di formare una perfetta élite brasiliana.
  • Controllo matrimoniale: non matrimoni tra razze diverse e classi sociali.

Influenti brasiliani e posizione sull'eugenetica

  • Monteiro Lobato: a favore dell'eugenetica.
  • Belisário Penna: a favore dell'eugenetica.
  • Octávio Domingues: a favore dell'eugenetica.
  • Edgard Roquette-Pinto: a favore dell'eugenetica.
  • Oliveira Viana: a favore dell'eugenetica.
  • Júlio de Mesquita: a favore dell'eugenetica.
  • Arnaldo Vieira: a favore dell'eugenetica.
  • Manoel Bonfim: contro l'eugenetica.

Scopri di più sul razzismo e sui pregiudizi razziali.

Eugenia e Igienismo

L'eugenetica consisteva in una serie di misure volte a migliorare la qualità genetica della popolazione.

L'obiettivo principale era quello di garantire che le persone considerate "limitate" (come le persone con disabilità, i problemi di salute ereditaria, le malattie contagiose e altre razze diverse dalla razza bianca) non si riproducessero per garantire che la popolazione era formata da persone considerate superiori, più intelligenti e con caratteristiche fisiche considerate "desiderabili".

Tenendo conto di questo obiettivo, sono state adottate alcune misure, come la sterilizzazione di persone considerate "limitate" perché gli igienisti ritenevano che non fossero degni di trasmettere eredità, non matrimoni tra bianchi e persone di altre razze, ecc.

L'igiene, a sua volta, si concentrava sul miglioramento della salute della popolazione attraverso misure che difendevano i cambiamenti nei modelli sociali e certi comportamenti degli strati più poveri.

L'emergere dell'igiene si è verificato dopo le riflessioni di medici e sanitari sul costante problema di epidemie di malattie come la tubercolosi e la febbre gialla.

Alcune delle misure raccomandate dall'igienizzazione erano:

  • Trattamento delle acque
  • Messa a terra di pozzanghere.
  • Posizionamento di cimiteri e macelli in aree remote della città.
  • Regolazione dell'altezza minima per i soffitti delle abitazioni al fine di garantire una ventilazione adeguata.
  • Raccomandazione per la pulizia periodica delle abitazioni.
  • Creazione di servizi sociali che guidano in relazione alle condizioni abitative.

Punto comune tra eugenetica e igiene

Entrambe le misure adottate dagli eugenisti e dagli igienisti alla fine hanno generato una grande ondata di pregiudizi e segregazione in relazione a una certa parte della popolazione.

Con l'eugenetica, i neri, gli immigrati, gli omosessuali e le persone con gravi problemi di salute sono diventati considerati inferiori.

L'igiene, d'altra parte, ha portato un grande pregiudizio contro la popolazione più povera perché le grandi epidemie che hanno devastato la popolazione sono state attribuite alle loro pessime condizioni di vita.

Differenza tra eugenetica e igiene

Pur avendo come punto comune il pregiudizio generato contro parte della popolazione, l'eugenetica e l'igiene hanno come principale differenza le misure utilizzate da ciascuno per raggiungere i rispettivi obiettivi. Si ritiene che in qualche modo entrambi cercassero la preservazione degli strati privilegiati della società.

Mentre l'eugenetica giustificava i suoi fondamenti basati sulla portata genetica (l'ereditarietà di una buona genetica garantirebbe l'esistenza / conservazione di una razza umana considerata superiore), l'igienismo basò le sue misure sulla salute (alterazione delle abitudini sociali e dell'igiene, principalmente degli strati più povero migliorerebbe la salute).

L'impatto dei principi dell'eugenetica oggi

Ci sono quelli che attribuiscono ai principi eugenetici alcuni problemi sociali che si perpetuano nell'umanità di generazione in generazione.

I principi eugenetici, in una certa misura, mostrano anche dove possono venire gli ideali di bellezza e perfezione a cui l'umanità è stata sottoposta oggi, così come molti dei pregiudizi esistenti riguardo all'etnia, costituzione fisica, classe sociale e orientamento sessuale, per esempio.

Certamente ha lasciato segni di carattere morale, con cui la società si trova ancora oggi.

Categorie Popolari

Top