Raccomandato, 2019

Scelta Del Redattore

Definizione 20 personalità nere che hanno cambiato il mondo

La storia del Brasile e del mondo è piena di esempi di persone che hanno fatto la differenza e che hanno contribuito a un mondo più egualitario. Hanno lasciato il segno su politica, attivismo, musica, sport, cinema e letteratura.

Celebrando il Black Consciousness Day, segnato il 20 novembre, ora conoscerai alcune storie ispiratrici di personalità nere che hanno lasciato il segno nel mondo.

1. Nelson Mandela (1918 - 2013)

Condividi Tweet Tweet

Nelson Mandela era uno dei rappresentanti più noti del continente africano. Era un leader politico ed è stato presidente del Sud Africa tra il 1994 e il 1999.

Fin dai tempi della scuola di legge aveva già dimostrato una leadership politica motivata dalla sua preoccupazione per i giovani e la popolazione nera africana. Ancora al college si unì al movimento studentesco e fece le sue prime dimostrazioni politiche, posizionandosi contro l' apartheid .

Mandela era il leader ribelle più noto contro l' apartheid , il regime separava la popolazione nera, negando a tutti i diritti politici, economici e sociali garantiti ad altre persone.

Era un prigioniero politico nel 1962, sostenendo di aver incoraggiato i movimenti rivoluzionari, di essere stato condannato all'ergastolo per cospirazione e di aiutare altri paesi a invadere il Sudafrica. Fu imprigionato per 27 anni e liberato nel 1990 dopo un forte una campagna internazionale guidata dall'African National Congress.

Mandela ha ricevuto il premio Nobel per la pace nel 1993. La sua storia e le sue azioni sono state così straordinarie nella lotta contro l' apartheid che le Nazioni Unite (ONU) hanno definito il 18 luglio come la Giornata internazionale di Nelson Mandela.

2. Martin Luther King (1929 - 1968)

Condividi Tweet Tweet

Martin Luther King è considerato uno dei nomi più importanti nella storia della lotta per i diritti civili della popolazione nera degli Stati Uniti. Oltre ad essere un attivista nel movimento nero, fu anche pastore della Chiesa Battista.

La sua storia di attivismo ha molti momenti decisivi, come la lotta per il diritto al voto, il movimento per porre fine alla segregazione della popolazione nera e la ricerca di diritti civili che non erano stati concessi ai neri in quel momento.

Luther King fu fortemente influenzato dalle idee del Mahatma Gandhi, che predicava il combattimento nonviolento ed era quindi abile nell'attivismo pacifico . Per la sua importanza nella lotta contro la discriminazione razziale ha ricevuto il premio Nobel per la pace nell'anno 1964.

Martin Luther King morì all'età di 39 anni. Fu assassinato nell'aprile del 1968 e la sua morte fu circondata da dubbi. La teoria più famosa della sua morte rivela che l'assassinio sarebbe stato commissionato dal governo americano.

3. Rosa Parks (1913 - 2005)

Condividi Tweet Tweet

Rosa Parks era un'attivista americana che divenne un simbolo della lotta anti-settaria negli Stati Uniti. Ha avuto la sua vita segnata da attivismo contro i pregiudizi razziali, combattendo il razzismo che esisteva nel paese.

Nel 1955, avendo un atteggiamento conflittuale in una situazione di razzismo, ha segnato la storia della lotta per i diritti civili della popolazione nera. In questo episodio, a Rosa è stato chiesto di abbandonare il suo posto su un autobus per una persona bianca. Di fronte alla risposta negativa, è stata espulsa dall'autobus e arrestata per aver violato il City Segregation Act.

Ciò portò ad una serie di dimostrazioni che culminarono nell'emergere di un movimento che boicottò Montgomery, Alabama, gli autobus urbani. Il movimento ha sabotato il servizio di trasporto della città come un modo per denunciare il divario razziale che si stava verificando, non solo nei trasporti, ma in vari spazi frequentati dalla popolazione nera.

Il movimento di boicottaggio ha guadagnato molta forza. Era guidato da Martin Luther King, che era un pastore nella città ed era ancora sconosciuto al momento. Di conseguenza, la Corte Suprema degli Stati Uniti ha dichiarato l' incostituzionalità della segregazione razziale nei trasporti pubblici nello stato dell'Alabama l'anno successivo.

4. Nina Simone (1933 - 2003)

Condividi Tweet Tweet

Nina Simone era una cantante e pianista americana la cui carriera è stata contrassegnata da attivismo per i diritti civili e resistenza nera.

La cantante ha sempre incluso nelle sue canzoni i temi che ritraggono le difficoltà che i neri hanno attraversato, segnando le disuguaglianze sociali tra bianchi e neri e il loro senso di rivolta a questa differenza.

Dagli anni '60, questi temi sono diventati più presenti nelle canzoni di Nina e il tema della lotta per i diritti civili è diventato uno degli aspetti più sorprendenti del suo lavoro. Alcune delle canzoni più famose che esprimono la loro lotta sono Mississippi Dannazione, non ne ho, vorrei sapere come sarebbe stato libero di essere e di essere giovane, dotato e nero.

La forte posizione politica di Nina Simone ha danneggiato la sua carriera, come il boicottaggio e il declino degli inviti alle apparizioni. Anche così, il cantante è rimasto convinto dalla sua decisione di utilizzare la musica come strumento di riflessione e lotta politica.

Nina Simone morì nel 2003, dopo una lunga lotta contro il cancro al seno.

5. Elizabeth Eckford (1941)

Condividi Tweet Tweet

Elizabeth Eckford divenne anche uno dei simboli della lotta antirazzista negli Stati Uniti perché fu una delle prime persone di colore a frequentare una scuola bianca.

Negli anni '50, il paese iniziò un lento processo di fine della segregazione razziale. Fino a quel momento c'erano leggi che definivano che certi luoghi, come le scuole, potevano essere frequentati solo dai bianchi. Quindi, c'erano scuole frequentate solo da neri e altre solo dai bianchi.

In seguito alla pubblicazione di una legge che mirava a porre fine alla segregazione razziale nelle scuole, alcuni studenti neri iniziarono a frequentare scuole per bianchi. Elizabeth Eckford fu uno dei primi studenti neri a frequentare la Little Rock Central High School . Lei, come altri studenti neri, non era ben accolta, essendo stata vittima di insulti, dissolutezze e altre violenze.

La resistenza di Elizabeth, che all'età di 15 anni ha deciso di rimanere a scuola dove non è stata ben accolta, affrontando tutte le discriminazioni, è stata fotografata e riportata nel paese, facendola diventare un simbolo della resistenza nera americana e della lotta contro il razzismo.

6. James Brown (1933 - 2006)

Condividi Tweet Tweet

James Brown era un cantante, cantautore e ballerino americano che ebbe un grande successo negli anni 50. Fu un'influenza importante nella storia di diversi generi musicali, specialmente funk e soul, che gli valsero i soprannomi di padre del funk ( padre del funk) e padrino dell'anima .

Tra i suoi più grandi successi musicali ci sono: alzati, ti ho preso, provami e non è funk ora.

Nonostante la sua carriera di successo, James Brown non ha trascurato la sua preoccupazione per l'attivismo, soprattutto per sottolineare l'importanza dell'istruzione nella vita dei giovani, in particolare dei giovani nella comunità nera degli Stati Uniti.

Durante la sua carriera James Brown ha usato la sua immagine per attivismo, ha sviluppato opere sociali, partecipato a manifestazioni popolari e ha partecipato a spettacoli di beneficenza per attirare l'attenzione del mondo sulla lotta per i diritti civili.

7. Carolina de Jesus (1914 - 1977)

Condividi Tweet Tweet

Carolina Maria de Jesus è stata una scrittrice brasiliana che, dalla passione per la scrittura, ha trovato la forza per superare le difficoltà della povertà e della discriminazione razziale.

Residente di una favela a San Paolo, madre single, domestica e raccoglitrice di carta, riuscì a superare queste difficoltà nello scrivere sul pregiudizio razziale e l'ineguaglianza sociale del paese negli anni Quaranta. Nonostante il piccolo studio, aveva una diversa capacità di descrivere le difficoltà quotidiane che ha affrontato.

Ha pubblicato il libro Quarto do despejo nell'anno 1960, suscitando la curiosità della società del tempo. Da ciò ebbe fama, denaro e lasciò la favela. L'entusiasmo con l'opera di Carolina de Jesus non durò a lungo. È morta di nuovo povera e già dimenticata. Nel 2004, l'anno centenario della sua nascita, ha ricevuto numerosi riconoscimenti e riconoscimenti per il suo lavoro.

Tra i suoi libri più importanti c'è Dump Room, che racconta la realtà crudele della vita nella favela e Diário de Bitita, un'autobiografia in cui Carolina racconta le difficoltà e gli sforzi per superare pregiudizi, bisogni materiali e discriminazione razziale.

8. Michael Jackson (1958 - 2009)

Condividi Tweet Tweet

Michael Jackson è uno dei cantanti più famosi al mondo, essendo considerato l'artista più ricco e di maggior successo nella storia. Ha iniziato la sua carriera d'infanzia unendosi al gruppo Jackson 5 con altri quattro fratelli.

Da adulto ha avuto una solida carriera da solista, tra cui successi come Thriller, Bad and Dangerous . Come attivista, ha registrato la canzone We Are the World, insieme a Lionel Richie e altri artisti, per raccogliere fondi per affrontare il problema della fame in Africa. E 'stato anche segnato dal passo di danza del moonwalk.

Durante la sua vita è stato coinvolto in polemiche, come sbiancare la pelle e cambiare aspetto, costruire un ranch di Neverland, accuse di abusi sessuali su minori, paternità di inseminazione artificiale e dipendenza da antidolorifici.

Il cantante è morto all'età di 50 anni per overdose di arresto cardiaco di farmaci anestetici.

La sua storia di vita e la sua carriera sono state raccontate nei documentari Michael Jackson. Questo è tutto e il viaggio da Motown di Michael Jackson al di là del muro .

9. Jesse Owens (1913 - 1980)

Condividi Tweet Tweet

Jesse Owens era un atleta americano, medaglia olimpica nella corsa, nella staffetta e nella modalità salto in lungo.

Tuttavia, non è solo per essere un atleta di successo che Jesse Owens ha ambientato la storia. Nel 1936, ai Giochi olimpici di Berlino, Jesse vinse tutte le prove delle modalità che contestavano, arrivando a segnare un record mondiale.

La storia dice che sarebbe stato ignorato da Adolf Hitler e non avrebbe ricevuto complimenti per il suo posto sul podio. Tuttavia, la più grande vittoria di Jesse Owens alle Olimpiadi di Berlino fu di provocare e affrontare, attraverso le sue vittorie, l'idea che la razza bianca fosse superiore.

Jesse Owens è morto all'età di 66 anni a causa di un cancro ai polmoni.

10. Alice Walker (1944)

Condividi Tweet Tweet

La scrittrice, attivista e femminista Alice Walker divenne nota per la sua pubblicazione di The Color Purple, che racconta la storia degli abusi sessuali, motivati ​​dal maschilismo e dalla discriminazione razziale nella società americana. Il libro ha ricevuto il National Book Award e il Pulitzer Prizes e la storia è stata adattata per i film.

Fin dalla più tenera età, Alice si è distinta per la consapevolezza delle difficoltà derivanti dalla segregazione razziale negli Stati Uniti, negli anni 50 e 60 e per la difesa dei gruppi minoritari. Era la migliore studentessa della sua scuola, riceveva una borsa di studio per la sua esibizione e, già al college, si unì a movimenti che combattevano per diritti civili uguali per la popolazione nera.

Alice era sposata con Melvyn Leventhal, un avvocato per i diritti civili. Vivevano nel Mississippi e divennero noti come la prima coppia interrazziale dello stato.

A causa del loro attivismo per i diritti civili, la coppia è stata perseguitata più volte per tutta la vita, persino dal Ku Klux Klan, un movimento estremista americano che predica la supremazia bianca e sostiene politiche anti-migratorie.

11. Malcolm X (1925 -1965)

Condividi Tweet Tweet

Malcolm X è stato un attivista americano che ha dedicato la sua vita a attirare l'attenzione del mondo sul problema dei crimini di odio e del razzismo . Era un sostenitore del movimento nazionalista nero, che predicava la definizione dell'identità della popolazione nera. Ha difeso l'uso di mezzi violenti come difesa dai pregiudizi.

Ha avuto una vita travagliata a causa di tragedie familiari, come l'omicidio di suo padre e l'ospedalizzazione di sua madre per problemi psichiatrici, avendo vissuto buona parte della sua infanzia negli orfanotrofi a causa di questi eventi. Durante la sua gioventù è stato coinvolto nel crimine, praticando rapina e vendendo droga. Fu arrestato all'età di 21 anni e durante la prigione divenne uno studente vorace dell'Islam.

Dopo la sua liberazione dal carcere divenne un leader della resistenza ora pacifica contro il razzismo e la liberazione nera. Il suo attivismo è stato accolto favorevolmente dai movimenti Black Panthers Black e Black Power.

Fu assassinato all'età di 40 anni durante un discorso ad Harlem, un quartiere in cui viveva durante la sua gioventù. La sua traiettoria è raccontata nel film Malcom X, diretto dal regista Spike Lee.

12. Muhammad Ali (1942 - 2016)

Condividi Tweet Tweet

Muhammad Ali, nato Cassius Clay, era un pugile americano. È classificato come uno dei più grandi nomi nella storia dello sport mondiale. Nella sua carriera, ha partecipato a 62 combattimenti, vincendo 57 volte. Lo sportivo aveva 37 vittorie per eliminazione diretta.

Muhammad Ali ha adottato questo nome dopo la sua conversione all'Islam. A causa del suo approccio alla religione, ha anche contattato Malcolm X e sono diventati partner politici e religiosi. Era anche molto vicino a Martin Luther King.

Anche lo sportivo ha avuto una forte tendenza al posizionamento politico, in particolare legato alla lotta contro il razzismo. Ha fatto un punto di usare la sua immagine per mettere in discussione la negazione dei diritti civili alla popolazione nera, indipendentemente dal danno che tali idee potrebbero portare alla sua carriera nello sport. Per la sua azione politica ha ricevuto la nomina di Messaggero di pace delle Nazioni Unite (ONU).

Muhammad Ali è morto nel 2016 a causa di oltre trent'anni di convivenza con il morbo di Parkinson.

13. Spike Lee (1957)

Condividi Tweet Tweet

Spike Lee è uno scrittore e cineasta americano che eccelle nel cinema con un'enfasi sull'identità nera americana. Le sue opere rappresentano sempre il pregiudizio e l'emarginazione sui neri, così come l'affermazione dell'identità culturale e tutte le altre sfumature dei temi razziali.

Oltre alla critica del razzismo, è noto per il suo impegno nel ritrarre le difficoltà quotidiane dei gruppi di minoranza, raffigurando e denunciando la realtà della vita delle minoranze .

I suoi film di maggior successo sono: Do the Right Thing, The Last Hour, Blood Brothers e Malcolm X. Il più recente, BlacKkKlansmam, racconta la storia di Ron Stallworth, un poliziotto nero che ha rischiato la vita in una missione di infiltrazione Ma Ku Klux Klan.

14. Bob Marley (1945 - 1981)

Condividi Tweet Tweet

Bob Marley era il più famoso cantante e cantautore giamaicano. Era responsabile della diffusione e della diffusione del reggae.

Era un seguace della religione Rastafariana, la cui figura principale era Haile Selassie I, Imperatore d'Etiopia tra gli anni '30 e '70. Il Rastafariano predica l'unione tra religiosità e politica e combatte contro l'idea che esista una razza superiore a un'altra. Tutti questi elementi erano molto presenti nei testi e nella carriera di Bob Marley.

Gran parte delle sue canzoni riguardavano problemi sociali e disuguaglianze sofferte dai neri, specialmente dal popolo giamaicano. Allo stesso modo, Bob ha sottolineato nei suoi testi che la soluzione di questi problemi deriverebbe dalla libertà e dall'amore.

Nel 1962 Bob Marley creò la band The Wailers, che esiste fino ai giorni nostri. Tra le sue canzoni più famose ci sono: Io sono questo amore, Nessuna donna non piangere, Satisfy my soul, Lovely up yoursefl, Stir up up e Redemption song.

Bob Marley ha avuto una diagnosi di cancro nel 1980 e ha subito diversi trattamenti naturali. Morì nel maggio del 1981 a causa di questo cancro che si diffuse attraverso diversi organi.

15. Angela Davis (1944)

Condividi Tweet Tweet

Angela Davis è un'insegnante, filosofa e attivista americana che lavora per difendere i diritti delle donne e porre fine alla discriminazione razziale. È una personalità molto importante per il femminismo nero, emersa negli Stati Uniti negli anni '60.

Il lavoro dell'attivista è emerso negli anni '70, specialmente perché Angela faceva parte delle Black Panthers, un partito rivoluzionario che sosteneva l'attuazione di politiche sociali per porre fine alla disuguaglianza e all'oppressione della popolazione nera. La parte più radicale dell'attività del partito era legata al monitoraggio armato delle attività di polizia per prevenire attacchi violenti contro i neri. Le Black Panthers erano un'organizzazione che aveva molta forza d'azione e uno scontro contro la polizia.

Durante la sua vita, Angela ha perso il lavoro, è stata perseguitata e persino arrestata con l'accusa di cospirazione e omicidio, e in seguito è stata trovata innocente. Il suo arresto ha generato confusione da vari movimenti sociali e artisti come John Lennon.

Nonostante ciò, Angela è ancora attiva oggi nella lotta per la libertà delle donne e dei neri, è una feroce critica del sistema carcerario americano e della pena di morte. Sulla lotta contro il razzismo, fa una dichiarazione categorica: in una società razzista, non è sufficiente non essere razzisti, bisogna essere anti-razzisti .

16. Ray Charles (1930 - 2004)

Condividi Tweet Tweet

Ray Charles era un pianista e cantante americano diventato noto negli anni '50 per essere stato uno dei pionieri del ritmo blues, soul e jazz. Ad oggi è considerato uno dei più grandi cantanti al mondo.

Nella sua carriera musicale, era anche noto per essere un pianista cieco, una condizione che ha acquisito intorno all'età di sette anni, probabilmente a causa di un'infezione che ha colpito i suoi occhi. Per questo motivo, Ray ha studiato in una scuola per ipovedenti, dove ha imparato a scrivere musica e arrangiamenti musicali.

Come metodo per combattere i pregiudizi razziali, durante la sua carriera, Ray Charles rifiutò di apparire in luoghi dove c'era segregazione, come stabilimenti che non permettevano l'ingresso ai neri. Alcune delle sue canzoni più famose sono: Unchain my heart, ho una donna, Georgia nella mia mente e Cry me a river.

La sua biografia è stata raccontata nel film Ray .

17. Hattie McDaniel (1895-1952)

Condividi Tweet Tweet

Hattie McDaniel era un'attrice americana che è stata contrassegnata nella storia del cinema da essere la prima attrice nera a ricevere un Oscar . Ha ricevuto il premio nell'anno 1940 per il ruolo di recitazione nel film And the Wind Took It . Hattie, che era anche una cantante, è stata la prima donna di colore ad esibirsi alla radio.

Ha lavorato come attrice per vent'anni, dal 1932 al 1952. Durante questo periodo la società americana viveva ancora forti ondate razziste e l'attrice ha dovuto combattere contro i pregiudizi del tempo. La sua resistenza non le ha impedito di avere un lavoro come attrice in determinati momenti, un fatto che l'ha costretta a intraprendere attività domestiche.

Oltre a recitare, Hattie era anche una critica dell'industria cinematografica americana. Ogni volta che ha avuto l'opportunità ha sottolineato che il cinema dovrebbe consentire maggiori opportunità e diversità di ruoli per attori neri.

18. Dandara

Condividi Tweet Tweet

Dandara visse al tempo del Brasile coloniale. Era una schiava che riuscì a fuggire e divenne un capo guerriero, che combatté in difesa di innumerevoli attacchi a Quilombo dos Palmares, dove viveva. In questo quilombo vivevano molti neri che erano riusciti a fuggire dalla schiavitù.

Dandara era sposato con Zumbi dos Palmares, capo del quilombo, e insieme combattevano per la libertà di tutti gli schiavi e contro la schiavitù coloniale. La difesa di questo spazio era fondamentale, poiché il quilombo era la casa dell'accoglienza degli schiavi fuggiti e la rappresentazione della resistenza dei neri alla schiavitù del tempo.

Fu arrestata nell'anno 1694 in uno dei numerosi attacchi subiti da Quilombo de Palmares. In un atto di disperazione, per non tornare allo status di schiavo, Dandara finì col suicidarsi.

19. Ron Stallworth (1953)

Condividi Tweet Tweet

Ron Stallworth è un poliziotto americano in pensione. Durante la sua intera carriera nella polizia ha fatto parte del dipartimento di polizia di Colorado Springs. È stato il primo ufficiale di polizia nero ad entrare in un dipartimento di polizia della regione.

La sua specialità, fin dall'inizio della sua carriera, furono missioni segrete, e una, in particolare, segnò la sua traiettoria. Nel 1979 iniziò una missione investigativa del Ku Klux Klan, un'organizzazione estremista che predicava la supremazia bianca.

Per eseguire l'indagine, l'ufficiale è riuscito a infiltrarsi nell'organizzazione. Ron fece la maggior parte dei suoi contatti con i membri del Ku Klux Klan al telefono e la missione ebbe un tale successo che arrivò ad essere accettato e certificato come membro del gruppo.

Ha raccontato la sua storia con il Ku Klux Klan nel libro Black Klansman e la trama è stata adattata per il film nel film BlacKkKlansman .

20. Chimamanda Ngozi Adichie (1977)

Condividi Tweet Tweet

Chimamanda è uno scrittore, un oratore e attivista nigeriano che discute di questioni relative alle scienze sociali, in particolare al razzismo e al femminismo. Lo scrittore sostiene che l' educazione è l'arma più efficace nella lotta contro i pregiudizi.

L'autrice usa la sua scrittura per far emergere dibattiti che considera essenziali nella lotta contro l'oppressione e il pregiudizio, in particolare per le donne. Solleva interrogativi su stereotipi sociali, libertà, empowerment femminile e abuso nelle relazioni di potere.

Uno dei suoi libri più famosi è All We Should Be Feminists . Nel lavoro si avvicina al femminismo nero e alle idee sulla costruzione culturale dei generi. Oltre a questo libro, ha altre pubblicazioni di successo come Purple Hibiscus, Americanah e To Educating Feminist Children.

Nonostante sia molto giovane già ha ricevuto diversi premi dai suoi contributi letterari.

Scopri di più sul razzismo e sull'importanza del Black Consciousness Day. Conoscere alcuni momenti importanti nella lotta contro il pregiudizio e il razzismo.

Categorie Popolari

Top