Raccomandato, 2019

Scelta Del Redattore

Definizione <Precedente Successivo>

Quali sono i presupposti procedurali:

Ipotesi procedurali sono i requisiti che un processo deve soddisfare per essere considerati validi ed esistenti.

L'elenco delle presupposizioni procedurali è tratto dalla legge e sistematicamente studiato dalla dottrina. Secondo le classificazioni più utilizzate dai dottrinatori, un presupposto procedurale può essere:

  • soggettivo o oggettivo;
  • esistenza o validità.

Ipotesi procedurali soggettive

I presupposti procedurali soggettivi riguardano i soggetti del procedimento, cioè le parti e il giudice. Per quanto riguarda il giudice, i presupposti procedurali soggettivi sono: investitura e imparzialità.

investitura

L'investitura è la capacità di un soggetto di esercitare il potere giurisdizionale per conto dello Stato. L'agente pubblico investito nella giurisdizione è il giudice della legge, che viene a rappresentare lo Stato nella soluzione dei conflitti.

In Brasile, l'investitura può avvenire in tre modi:

  • gara pubblica, prevista dall'articolo 93 I della Costituzione federale;
  • indicazione del potere esecutivo attraverso il quinto costituzionale, previsto dall'articolo 94 della Costituzione federale;
  • nomina per la composizione della Corte federale suprema, prevista dall'articolo 101, unico paragrafo della Costituzione federale.

L'investitura è un presupposto procedurale dell'esistenza, poiché l'assenza di un giudice investito implica l'inesistenza di un processo. Non c'è processo senza un giudice.

imparzialità

Il giudice deve agire in modo imparziale nel procedimento. Non è ammissibile che il giudice abbia un particolare interesse nel conflitto per preferire l'uno o l'altro risultato. L'imparzialità è un presupposto procedurale di validità, perché anche se il giudice agisce in modo parziale, il processo esiste ancora legalmente.

L'imparzialità del giudice può essere discussa attraverso un'eccezione di sospetto entro 15 giorni dalla conoscenza del fatto, come previsto dall'articolo 146 del nuovo codice di procedura civile:

Art. 146. Entro un periodo di 15 (quindici) giorni, a partire dalla conoscenza del fatto, la parte deve contestare l'impedimento o il sospetto, in una specifica petizione indirizzata al giudice del caso, in cui deve indicare i motivi del rifiuto e può istruirlo con documenti su cui basare il reclamo e con un elenco di testimoni.

Per quanto riguarda le parti, i presupposti procedurali soggettivi sono: capacità di essere parte, capacità di essere in tribunale e capacità posturale.

Capacità di essere parte

La capacità di essere parte si riferisce alla capacità di godere ed esercitare diritti e doveri. Non è confuso con la capacità di essere in tribunale, poiché in alcuni casi (come gli incapaci) un soggetto può avere diritti e doveri ma non può essere in tribunale per aver bisogno di un rappresentante

La capacità di essere parte è un'assunzione procedurale di esistenza perché, se una delle parti non gode di diritti e doveri (ad esempio, un imputato defunto), il processo è considerato inesistente.

Capacità di essere in tribunale

Chiamata anche capacità procedurale o legittimità procedurale dell'annuncio, consiste nella capacità delle parti di praticare atti giuridici all'interno del processo.

Nei casi in cui vi siano parti relativamente incompetenti (oltre 16 e meno di 18 anni, ubriaconi abituali, tossicodipendenti, tossicodipendenti e soggetti che non possono esprimere la propria volontà), la capacità procedurale può essere fornita attraverso gli assistenti.

Nei casi in cui vi siano parti assolutamente invalidanti (sotto i 16 anni di età), la capacità procedurale può essere fornita attraverso i rappresentanti. Per quanto riguarda le persone giuridiche e formali, devono anche essere rappresentate in tribunale.

La capacità di essere in tribunale è un'assunzione procedurale di validità che può anche essere guarita entro un periodo determinato dal giudice.

Capacità posturale

La capacità posturale è la qualifica adeguata presso l'Ordine degli avvocati dal rappresentante legale delle parti. È revocata nei Tribunali Civili Speciali (nei casi con meno di 20 salari minimi), negli Habeas Corpus e nell'Azione Corretta di Incostituzionalità.

La capacità posturale è un prerequisito procedurale di validità e può essere risolta in caso di dipendenza.

Ipotesi procedurali obiettive

Le presupposizioni procedurali oggettive sono le condizioni di processo che non coinvolgono i soggetti del processo. Sono divisi in: estrinseco e intrinseco.

Presupposti procedurali oggettivi estrinseci

Le presupposizioni procedurali oggettive estrinseche sono anche chiamate presupposizioni procedurali negative, perché sono fattori esterni alla relazione procedurale, la cui esistenza, se verificata, invalida il processo. Quindi le assunzioni negative devono essere assenti perché un processo sia valido.

Le assunzioni procedurali oggettive estrinseche (ipotesi negative) sono:

Materiale giudicato materiale

La cosa giudicata materiale è l'efficacia immutabile di una decisione di merito sul soggetto della lida. Se un determinato diritto è già stato deciso dalla magistratura, una nuova procedura per ridiscutarla non è valida.

pendency

Lis pendens è la preesistenza di una causa identica (stesse parti, richiesta e causa della richiesta), ancora in attesa di giudizio.

Perché un processo sia valido, non dovrebbe esserci litispendenza.

riduzione

Perempción è la perdita del diritto di citare in giudizio. Si verifica quando l'autore abbandona l'azione tre volte.

Se nel corso di un'azione si scopre che il diritto è perentorio, il processo non è valido. Secondo la legge penale, le sanzioni si verificano in conformità con l'articolo 60 del codice di procedura penale.

Accordo di arbitrato

Se nell'ambito del giudizio arbitrale è già stata presa una decisione in merito alla questione discussa in sede giudiziaria, il procedimento non è valido.

Assunzioni procedurali Obiettivi intrinseci

Le presupposizioni procedurali oggettive intrinseche sono elementi interni del processo. Sono: domanda, petizione iniziale adatta, citazione valida e regolarità formale.

domanda

La domanda è l'atto stesso di innescare la giurisdizione. Considerando il principio di inerzia, lo Stato esercita il potere giurisdizionale solo attraverso la provocazione, che avviene presentando la domanda.

Ovviamente, la domanda è un presupposto procedurale dell'esistenza, poiché senza di essa il processo non esiste.

Petizione iniziale appellabile

La petizione è il modo in cui la causa viene presentata alla magistratura. Per questo motivo, è naturale che debba soddisfare alcune formalità previste dalla legge. Secondo l'articolo 330, paragrafo 1 del nuovo codice di procedura civile:

La domanda deve essere considerata inetta quando:

  • Io - tu manchi di una richiesta o di una causa da richiedere;
  • II - la richiesta è indeterminata, ad eccezione delle ipotesi legali in cui è consentita la richiesta generica;
  • III - dalla narrazione dei fatti non segue logicamente la conclusione;
  • IV - contiene reclami incompatibili.

La petizione iniziale appropriata è un'assunzione procedurale di validità.

Citazione valida

Una citazione valida è l'atto che completa la relazione procedurale portando il rispondente al processo. E 'indispensabile il verificarsi della citazione e che sia valida, rispettando le disposizioni legali.

La citazione valida è una prerogativa della validità della procedura e può essere risolta in caso di dipendenza.

Regolarità formale

Il processo dovrebbe seguire il modulo previsto dalla legge al fine di fornire sicurezza alle parti. Tuttavia, se un particolare atto processuale raggiunge il suo scopo anche se a scapito della formalità prevista dalla legge, deve essere considerato valido, secondo il principio di strumentalità delle forme.

La regolarità formale del processo è un'assunzione procedurale di validità .

Categorie Popolari

Top