Raccomandato, 2020

Scelta Del Redattore

Definizione Rivoluzione industriale

Qual è la rivoluzione industriale:

La rivoluzione industriale consiste in un periodo di grandi cambiamenti economici e sociali che ha avuto luogo tra il XVIII e il XIX secolo in Europa, in particolare in Inghilterra.

Il principale cambiamento di questo periodo fu il passaggio dai processi di produzione, che sostituirono il lavoro artigianale con l'uso di macchine, oltre al lavoro che ora è diventato salariato da quel momento.

La sostituzione con le macchine aveva lo scopo di salvare il tempo del lavoro svolto dagli umani, che generò anche una maggiore produzione di beni e di conseguenza l'aumento del profitto degli imprenditori.

E questa transizione si riflette anche in altri processi come la produzione di nuove sostanze chimiche, nuovi processi per la produzione di ferro, una maggiore efficienza energetica dall'acqua, un maggiore uso di energia a vapore e lo sviluppo di macchine utensili, legno e altri biocarburanti dal carbone.

Con questa svolta e con così tanti cambiamenti, le fabbriche iniziarono a espandersi e, per profitto, gli imprenditori sfruttavano i lavoratori, che lavoravano fino a 15 ore al giorno in cambio di un salario basso. Anche donne e bambini sono stati costretti a lavorare per provvedere al sostentamento della famiglia.

E di fronte a queste situazioni, alcuni lavoratori hanno organizzato movimenti per combattere per migliori condizioni di lavoro.

I dipendenti delle industrie hanno creato i primi movimenti sindacali, chiamati sindacati, che miravano a migliorare le condizioni di lavoro della classe.

Il movimento cartista ha usato il percorso politico per rivendicare i diritti politici dei lavoratori, ma ci sono stati anche movimenti più violenti, come il luddismo, che ha invaso le fabbriche e distrutto le attrezzature come forma di protesta e rivolta.

Vedi anche il significato di fabbricazione.

Cause della rivoluzione industriale

Le cause della rivoluzione industriale portarono a grandi e importanti cambiamenti nel sistema economico, sociale e politico dell'Inghilterra del diciottesimo secolo. Questo movimento si è diffuso gradualmente in tutta Europa e nel mondo.

C'era un'eccedenza di manodopera disponibile, proveniente da un processo di esodo rurale. La flotta navale britannica era impegnata in transazioni commerciali con varie regioni del mondo, riflettendo l'enorme potenziale di mercato dell'Inghilterra e di conseguenza l'accumulazione di capitale per la borghesia, che permetteva di investire nelle industrie.

In generale, oltre a segnare la transizione dalla produzione all'industrializzazione, la Rivoluzione Industriale ha reso possibile anche il fenomeno dell'illuminismo, che ha permesso il trionfo dei principi della ragione e della fede nei progressi della scienza, in opposizione all'idea di fede e religione fino così prevalente.

Vedi di più sul significato dell'Illuminismo.

E tra molte altre cause che hanno reso possibile la rivoluzione, sono:

  • Crescita demografica in Europa;
  • Fine della monarchia e assolutismo in Inghilterra;
  • Comparsa del parlamentarismo;
  • Il tasso complessivo di mortalità è ridotto a causa della maggiore commercializzazione del cibo;
  • Riduzione della manodopera dovuta al crescente uso di macchinari;
  • Sviluppo dell'industria metallurgica e siderurgica;
  • Innovazioni tecniche;
  • Materie prime abbondanti ed economiche;
  • Introduzione della coltivazione del cotone, dal momento che gli inglesi comprarono il cotone che in seguito si trasformò in prodotti tessili ceduti al Sud America, all'Asia e al resto d'Europa.

Scopri di più sull'assolutismo e alcune delle sue caratteristiche.

Fasi della rivoluzione industriale

Prima fase

La prima fase della rivoluzione industriale avvenne nel periodo tra il 1760 e il 1860 e inizialmente fu limitata all'Inghilterra. in questa fase, ci fu l'emergere delle industrie dei tessuti di cotone e l'uso del telaio meccanico. In questo periodo, il miglioramento delle macchine a vapore ha contribuito alla continuazione del processo evolutivo della rivoluzione.

Seconda fase

Tenutosi durante il periodo dal 1860 al 1900, la seconda fase della rivoluzione industriale aveva già l'adesione di paesi come Germania, Francia, Russia e Italia. In questa fase, l'uso dell'acciaio, l'uso di energia elettrica e carburanti derivati ​​dall'olio, l'invenzione del motore a scoppio, la locomotiva a vapore e lo sviluppo di prodotti chimici sono state le principali innovazioni di questo periodo.

Terzo stadio

Per alcuni storici, i progressi nella tecnologia del XX e XXI secolo sono considerati la terza fase della rivoluzione industriale. La creazione di progressi informatici, televisivi, fax, cellulari e ingegneristici rappresenterebbe alcune delle innovazioni di questa fase.

Messaggi Popolari, 2020

IQ

Categorie Popolari

Top