Raccomandato, 2019

Scelta Del Redattore

WTF

Definizione 6 Momenti più importanti di cittadinanza in Brasile

La cittadinanza è il diritto di godere dei diritti e delle libertà garantiti a tutte le persone. È la capacità di esercitare i loro diritti civili, politici e sociali e di avere accesso a una vita rispetto ai diritti garantiti dalla Costituzione federale.

In Brasile la lotta per l'esercizio della piena cittadinanza è legata a vari eventi e movimenti sociali e alcuni di questi sono stati segnati nella storia del paese. Conosci alcuni dei momenti più importanti per la cittadinanza in Brasile.

1. Abolition of Slavery

La schiavitù cessò di esistere in Brasile il 13 maggio 1888, dopo la firma di Lei Áurea. La legge fu approvata e firmata dalla principessa Isabel, uno degli eredi della famiglia imperiale che governava il paese in quel momento.

Alcuni anni prima della firma della legge c'erano già dei movimenti di campagna che difendevano la fine della schiavitù. Tuttavia, dal momento che gli schiavi erano una parte molto importante della forza lavoro del sistema di produzione agricola del tempo, la fine del permesso di schiavitù non arrivava così facilmente.

Un fatto merita di essere menzionato: la legge ha determinato la fine della schiavitù e l'acquisto e la vendita di schiavi, ma non ha significato la fine immediata del ciclo di sfruttamento. Anche con la schiavitù ufficialmente vietata, la legge non era abbastanza forte da contenere altre forme di abuso, come le condizioni lavorative precarie.

2. Promulgazione della Costituzione federale del 1988

Condividi Tweet Invia Promulgazione della Costituzione federale del 1988.

L'emanazione della Costituzione federale del 1988 è una delle grandi pietre miliari nella storia della cittadinanza brasiliana. La Costituzione è di grande importanza perché ha garantito vari diritti per i cittadini, oltre a proteggere i principi della democrazia e dello stato di diritto. Per tutti questi motivi la Costituzione dell'88 divenne nota come Costituzione dei Cittadini.

La promulgazione del documento avvenne il 5 ottobre 1988 ed era il risultato di un processo di ri-democratizzazione del paese, che ebbe inizio alla fine della dittatura militare nel 1985.

La formazione dell'Assemblea Costituente che ha dato origine alla nuova Costituzione del Brasile è stata influenzata dai movimenti sociali che hanno guadagnato forza nel paese durante la dittatura.

L'assemblea costituente ha funzionato per un anno e sette mesi, da febbraio 1987 a settembre 1988 ed è stata presieduta dal deputato federale Ulisse (1916 - 1992).

3. La conquista del voto della donna

Condividi Condividi Tweet Tweet Inizio della partecipazione femminile alle elezioni brasiliane.

Il 24 febbraio 1932, le donne vinsero ufficialmente il diritto di voto in Brasile. Fino a quella data, il diritto di partecipare alle elezioni era esercitato esclusivamente da uomini. La conquista è avvenuta con la pubblicazione del Codice elettorale quest'anno, durante il governo del presidente Getúlio Vargas.

Per due anni il voto femminile era permesso solo alle donne sposate che avevano l'autorizzazione dei loro mariti o di donne single che erano responsabili del proprio sostentamento.

Qualche anno dopo, nel 1946, con la promulgazione della nuova Costituzione federale, il diritto (e il dovere) del voto fu esteso, senza restrizioni, a tutte le donne.

Il diritto di voto è un risultato sociale molto importante, poiché il diritto di partecipare al processo elettorale è fondamentale per il pieno esercizio dei diritti politici.

La data è così importante che, nel 2015, il 24 febbraio è stata definita la data commemorativa del Giorno della conquista del voto femminile in Brasile .

4. Il consolidamento delle leggi sul lavoro

Condividi Tweet Tweet Annuncio della creazione del consolidamento delle leggi sul lavoro.

Il consolidamento del diritto del lavoro (CLT) è anche un importante punto di riferimento per la cittadinanza perché garantisce diritti del lavoro che non sono stati riconosciuti fino al momento della sua pubblicazione. Il CLT è importante perché è un meccanismo di protezione contro la violazione dei diritti garantiti ai lavoratori.

L'emergere della legge era responsabile della sistematizzazione delle garanzie nei rapporti di lavoro, nella definizione dei diritti e degli obblighi dei datori di lavoro e dei lavoratori.

Il CLT è stato promulgato nel governo del presidente Getúlio Vargas il 1 ° maggio 1943. Il documento si chiama Consolidation perché era la prima volta che la legislazione sul lavoro esistente era organizzata e raccolta in un unico documento.

Vedi i principali diritti del lavoro che sono regolati nel CLT:

  • contratto di lavoro,
  • firma della scheda di lavoro,
  • giorno lavorativo,
  • paga straordinaria,
  • licenziamento, avviso e giusta causa,
  • regolamenti di vacanza,
  • congedo di maternità e congedo di paternità.

5. Criminalizzazione del razzismo

Nel 1989, il razzismo divenne un crimine in Brasile. La pubblicazione della legge n.7.716 / 89 è stato un passo importante verso la garanzia della cittadinanza, anche se la legge è poco applicata sul fatto che la discriminazione sociale persiste in molte situazioni.

La legge prevede che gli atteggiamenti discriminatori o di matrice razzista (di razza, etnia o nazionalità) siano punibili con la reclusione. La pena può variare da uno a cinque anni, a seconda della gravità dell'atto.

L'approvazione della legge rafforza un concetto importante nella lotta contro il razzismo in Brasile, dal momento che la Costituzione federale stabilisce che questo crimine è considerato imprescrittibile e non trasferibile.

Imprescrivis significa che l'atto di discriminazione e la possibilità di penalizzazione non cessano di esistere con il passare del tempo, potendo esistere giudizio e punizione nel momento in cui la denuncia è dimostrata.

Già non disponibile significa che l'autore di un reato di razzismo non può essere liberato dal carcere per la libertà su cauzione.

6. Movimento diretto già

Condividi Invia Tweet Manifestazione per elezioni presidenziali dirette - Diretta già (1983/1984).

Directas Già era il nome dato a un movimento politico che si è verificato in Brasile nei primi anni '80, tra il 1983 e il 1984. Il movimento è emerso come un clamore popolare per il ritorno delle elezioni dirette per il Presidente della Repubblica.

Quando il movimento sorse, il Brasile viveva ancora gli ultimi anni della dittatura militare, che durò dal 1964 al 1985. Durante la dittatura non ci furono elezioni dirette con la partecipazione della popolazione e i presidenti furono scelti dai militari che comandavano il paese.

Come reazione alla mancanza di democrazia nelle elezioni presidenziali, si è formato il movimento diretto, che ha protestato contro il ritorno delle elezioni dirette. Il movimento era composto da cittadini, partiti politici e varie personalità, come artisti, politici e intellettuali.

Nonostante abbia acquisito molta forza, con il compimento di diversi atti pubblici e manifestazioni, il movimento non ha ottenuto successo e le elezioni del 1985 si sono verificate con il sistema del voto indiretto, in cui il presidente è stato scelto da un collegio elettorale. Quest'anno Tancredo Neves è stato eletto nuovo presidente.

La prima elezione diretta per il presidente della Repubblica dopo la fine della dittatura militare avvenne solo quattro anni dopo, nel 1989, con l'elezione di Fernando Collor de Mello.

Leggi di più sul significato della cittadinanza, i momenti importanti nella lotta per la democrazia e i modi di esercitare la cittadinanza.

Categorie Popolari

Top