Raccomandato, 2019

Scelta Del Redattore

Definizione Capitalismo industriale

Cos'è il capitalismo industriale:

Il capitalismo industriale (o industrialismo) fu la seconda fase del capitalismo, che emerse in Inghilterra nel diciottesimo secolo con l'avvento della rivoluzione industriale.

Il capitalismo industriale ha sostituito il modello commerciale prevalente in Europa dal XV secolo. Prima, l'economia ruotava attorno alle pratiche mercantilistiche di acquisto, vendita e scambio di spezie, metalli e prodotti agricoli. Con il processo di industrializzazione, l'economia era dominata dalla produzione di massa e l'industria divenne il principale settore economico.

Il capitalismo industriale iniziò con la prima rivoluzione industriale, intorno al 1750 e si stabilì definitivamente nella seconda metà del XIX secolo con la Seconda rivoluzione industriale (detta anche rivoluzione tecnologica).

Storicamente, l'industrialismo è la seconda delle tre fasi del capitalismo:

  • Capitalismo commerciale o mercantile (chiamato anche pre-capitalismo): dal XV al XVIII secolo;
  • Capitalismo industriale o industrialismo: dal XVIII al XIX secolo;
  • Capitalismo finanziario o monopolio: dal ventesimo secolo.

Contesto storico del capitalismo industriale

Il sistema economico capitalista fu fortemente influenzato dai progressi tecnologici avviati in Inghilterra nel diciottesimo secolo. Durante il periodo, il processo di produzione manuale è stato sostituito da macchine a vapore e strumenti automatizzati.

Il cambiamento dei paradigmi di produzione indotto dalla rivoluzione industriale ha interessato tutti gli aspetti della vita in Europa, e più tardi nel mondo. Attraverso di essa ci fu una grande crescita della popolazione, un aumento dei salari medi e un miglioramento della qualità della vita.

Inevitabilmente, la rivoluzione industriale ha avuto un impatto irreversibile sull'economia con l'aumento esponenziale della produzione di beni e del mercato dei consumatori. L'industria è naturalmente diventata il settore più redditizio e, di conseguenza, il nuovo panorama del capitalismo.

Caratteristiche del capitalismo industriale

Tutte le caratteristiche del capitalismo industriale erano le conseguenze provocate dai progressi tecnologici dei mezzi di produzione:

  • Industrializzazione dei mezzi di produzione;
  • Significativo aumento della produttività;
  • Meccanizzazione ed emergenza di nuove tecnologie;
  • Invenzione e miglioramento dei mezzi di trasporto;
  • Rafforzamento delle relazioni internazionali attraverso il commercio;
  • Intensificazione della globalizzazione e dell'imperialismo;
  • Crescita urbana e demografica;
  • Divisione sociale del lavoro;
  • Lavoro salariato e aumento di stipendio;
  • Aumento della disuguaglianza sociale (dovuta alla concentrazione del reddito nelle mani della borghesia che detiene i mezzi di produzione).

Capitalismo industriale in Brasile

Il capitalismo industriale si stabilì solo in Brasile nel diciannovesimo secolo, quando gli effetti della rivoluzione industriale raggiunsero il paese.

Il capitalismo industriale brasiliano si è manifestato prima nello stato di San Paolo, quando la crisi del caffè ha costretto i produttori a investire pesantemente nell'industria. Questo investimento si è diffuso ad altri settori alimentari, così come all'industria tessile, trasformando la regione sud-est nel polo industriale del paese.

Conseguenze del capitalismo industriale in Brasile

L'industrializzazione del capitalismo in Brasile ha comportato le stesse conseguenze subite nel resto del mondo, oltre ad altre di carattere specifico:

  • estensione delle aree di impianto;
  • introduzione di macchinari nel processo di produzione nazionale;
  • la scena internazionale;
  • diminuzione della dipendenza brasiliana dai prodotti importati;
  • emergenza delle prime autostrade nel paese;
  • aumento del numero di immigrati;
  • crescita dei centri urbani e esodo rurale.

Messaggi Popolari, 2019

PVC

Categorie Popolari

Top