Raccomandato, 2019

Scelta Del Redattore

Definizione Disuguaglianza di genere

Cos'è la disuguaglianza di genere:

La disuguaglianza di genere è un fenomeno sociale studiato dalla sociologia che avviene quando c'è discriminazione e / o pregiudizio con un'altra persona a causa del suo genere (femminile o maschile).

Questa discriminazione è principalmente osservata rispetto allo scopo professionale (persone con salari più bassi rispetto agli uomini, che svolgono entrambe la stessa funzione).

Vi è anche discriminazione quando c'è una creazione di gerarchie familiari (donne subordinate a un'entità maschile di genere), specialmente per quanto riguarda i compiti domestici.

Per alcune istituzioni internazionali, la lotta alla disuguaglianza di genere è direttamente correlata ai diritti umani .

Queste istituzioni ritengono necessario garantire che tutti i cittadini abbiano gli stessi diritti civili e politici, indipendentemente dalla razza, dallo status sociale o dal genere.

Concetto di genere

Sebbene sia un tema sempre più discusso dalla società, il concetto di genere solleva ancora molti dubbi.

Ad esempio, c'è confusione tra i concetti di genere e sesso.

Cos'è il genere?

Secondo il concetto tradizionale, la parola genere può essere definita come sinonimo della parola sesso, cioè una donna è anche femmina.

In effetti, è un concetto sociale che indica aspetti culturali e sociali associati a un determinato genere.

È importante notare che le particolarità di ogni genere non sono nette. Possono variare, ad esempio, a seconda di una particolare realtà culturale.

Alcune abitudini e consuetudini possono essere considerate caratteristiche di un particolare genere in un posto e un altro genere in un altro luogo.

Un esempio di questo è l'uso della gonna, che nella maggior parte dei paesi è caratteristica del genere femminile, ma che in Scozia, ad esempio, fa anche parte della realtà dei maschi.

In altre parole, non possiamo dire che indossare una gonna sia una caratteristica unica del genere femminile.

Un altro fattore rilevante per quanto riguarda il concetto di genere è l' identità di genere di un individuo.

Scopri di più sul genere.

Cos'è l'identità di genere?

L'identità di genere è il modo in cui un individuo si identifica con il sesso a cui appartiene biologicamente, indipendentemente dal fatto che lui o lei possa essere conforme a quel fattore biologico.

Una persona nata con sesso biologico femminile, ad esempio, potrebbe non sentirsi socialmente a suo agio e identificarsi maggiormente con il genere maschile, optando quindi per vivere secondo tale identificazione.

Possiamo dire che il genere definisce l'identità sessuale di un individuo.

Ulteriori informazioni sull'identità di genere.

Cos'è il sesso?

Il sesso di un individuo è legato alla portata biologica, cioè definisce il sesso con cui una persona è nata, indipendentemente dal sesso con cui quella persona identifica.

Ciò include, principalmente, caratteristiche biologiche comuni a un particolare sesso, come il sistema riproduttivo (maschile o femminile), alcune caratteristiche fisiche (come la muscolatura, la voce, ...)

Disuguaglianza di genere in Brasile

Nella società brasiliana, la disuguaglianza di genere è ancora un fenomeno che fa parte della realtà dei diversi segmenti sociali.

Ad esempio, il Brasile è al 90 ° posto nella classifica del World Economic Forum, responsabile per l'analisi della parità tra uomini e donne in 144 paesi.

Ancora più preoccupante del cattivo posizionamento è la constatazione che il Brasile ha perso circa 11 posizioni in questa classifica negli ultimi anni, il che dimostra che c'è stata una battuta d'arresto nel processo di lotta per l'uguaglianza di genere .

Vedi sotto alcuni punti salienti di questa analisi, che si riferiscono a fattori correlati alle possibili cause della disuguaglianza di genere.

Ulteriori informazioni sulla parità di genere.

maternità

La maternità è considerata uno dei più grandi pregiudizi basati sul genere.

La Fondazione Getulio Vargas (FGV) ha condotto uno studio con 247.455 donne in congedo di maternità tra il 2009 e il 2012 e seguito il percorso professionale di ciascuno fino all'anno 2016.

Lo studio ha rilevato che metà dei partecipanti al sondaggio sono stati licenziati fino a due anni dopo la fine del congedo, il che dimostra che la possibilità di licenziamento delle nuove madri è del 10%.

politica

Prendendo in considerazione lo scenario mondiale, la politica brasiliana è ancora considerata un po 'macho.

Un rapporto del World Economic Forum del 2017 mostra che il Brasile si è spostato dall'86 ° al 110 ° posto nella classifica "Empowerment politico". Nei ministeri del governo, ad esempio, solo 2 su 28 ministeri erano detenuti da donne.

Nel 2009, la Legge delle elezioni (legge n. 9.504 del 1997) stabiliva che "ogni partito o coalizione deve soddisfare un minimo del 30% e un massimo del 70% per le candidature di ciascun sesso".

Tuttavia, alcune parti hanno donne candidate solo per conformarsi alla legge, cioè senza interessi reali e investimenti nelle loro applicazioni.

Disproporzione tra dedizione e incoraggiamento

Un altro settore in cui la disuguaglianza di genere diventa chiara è il contesto educativo.

Sebbene il genere femminile si sovrapponga al genere maschile per quanto riguarda la frequenza negli studi, l'International Student Assessment Program mostra che in Brasile il genere maschile ha prestazioni migliori in settori come le scienze esatte e biologiche.

L'OCSE (Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico) afferma che queste competenze non sono legate alle caratteristiche innate, ma a fattori culturali e pregiudizi di genere in Brasile.

Si ritiene che ci sia un maggiore incentivo dato da insegnanti e genitori al genere maschile nelle aree della matematica, per esempio.

Un sondaggio dell'Istituto Brasiliano di Geografia e Statistica ( IBGE ) del 2016 ha rivelato che la frequenza delle donne nelle scuole superiori è del 73, 5%, rispetto al 63, 2% degli uomini.

Questo dimostra che c'è una maggiore dedizione di tempo da parte del genere femminile.

Questo più alto tasso di partecipazione da parte del genere femminile è mantenuto anche nell'accesso all'istruzione superiore e alla laurea.

Mercato del lavoro

Sebbene il livello di istruzione della popolazione femminile sia superiore al livello di istruzione del genere maschile, le donne affrontano uno scenario sfavorevole nella ricerca di un lavoro e nell'assegnazione delle loro retribuzioni.

Un'indagine IBGE ha mostrato che nella seconda metà del 2017 la retribuzione media delle donne era pari all'87% della retribuzione media degli uomini.

Anche la disoccupazione presenta uno svantaggio per le donne: il tasso di disoccupazione femminile è stato del 13, 4%, mentre per gli uomini è stato del 10, 5%.

assedio

Le molestie hanno, almeno per qualche tempo, fatto parte della realtà della maggior parte delle donne brasiliane.

A volte sotto forma di commenti irrispettosi, altri sotto forma di molestie fisiche (soprattutto nel trasporto pubblico).

A volte le molestie finiscono per guadagnare proporzioni maggiori, portando così alla violenza fisica.

Di conseguenza, nel 2006 è entrata in vigore la legge Maria da Penha, che mira a proteggere le donne vittime di aggressioni.

Lotta per i diritti di uguaglianza

Il femminismo è uno dei grandi precursori della lotta per combattere la disuguaglianza di genere.

Il concetto di femminismo è spesso collegato al concetto di machismo, come una sorta di sinonimo.

Contrariamente a quanto pensano molte persone, mentre il machismo in realtà predica l'idea che gli uomini siano superiori alle donne, il femminismo non sostiene che le donne siano migliori degli uomini o abbiano più diritti degli uomini.

In realtà, la lotta della rivoluzione femminista è per il diritto all'uguaglianza; è per le donne avere gli stessi diritti politici e sociali degli uomini.

Molti dei diritti acquisiti dalle donne, come il diritto di voto, sono il risultato della lotta femminista.

La lotta contro la disuguaglianza di genere è anche una lotta contro il patriarcato, che stabilisce una società dominata dagli uomini in cui le donne hanno ruoli secondari.

Scopri di più sul maschilismo e il femminismo.

Feed RSS

Vedi sotto alcune importanti pietre miliari nella storia della lotta contro la disuguaglianza di genere nella società brasiliana.

Diritto di voto

Il primo voto femminile in Brasile è avvenuto il 24 febbraio 1932.

Il diritto di voto divenne un diritto delle donne brasiliane nel 1932.

Prima di ciò, il voto poteva essere esercitato solo da donne che: 1. se single o vedove, avevano il loro reddito; 2. Se sposato, ha il permesso del marito.

Nello stesso anno, le donne hanno acquisito il diritto di ricoprire posizioni di potere esecutivo e potere legislativo.

Il 24 febbraio, giorno della prima votazione femminile dopo il diritto di voto delle donne, è stato istituito come parte del calendario ufficiale del governo federale come il giorno della conquista del voto femminile in Brasile .

Diritto di studiare

Rita Lobato Velho Lopes, prima donna a completare l'istruzione superiore in Brasile

Nel 1827, alle donne fu permesso di frequentare la scuola. Tuttavia, l'autorizzazione riguardava solo l'istruzione elementare.

Successivamente, nel 1879, il genere femminile fu anche autorizzato a frequentare l'istruzione superiore.

Nonostante la conquista di questa autorizzazione, tutte le donne che hanno scelto di seguire questa strada sono state oggetto di molti pregiudizi e discriminazioni.

Nel 1887, Rita Lobato Velho Lopes fu la prima donna brasiliana a completare un diploma universitario, dopo aver conseguito una laurea in medicina presso la Facoltà di Medicina di Bahia.

Scopri di più su pregiudizi e discriminazione.

Autonomia per donne sposate

Secondo il Codice Civile del 1916, la donna era considerata incapace di compiere determinate azioni, come ricevere un'eredità, e quindi essere dipendente dall'autorizzazione del marito a farlo.

Il 27 agosto 1962 fu approvato lo statuto della donna sposata, una legge che contribuì all'emancipazione delle donne, permettendo alle donne sposate di avere più autonomia e non avevano più bisogno dell'autorizzazione dei rispettivi mariti, per esempio, lavorare

Attraverso questo statuto, le donne hanno anche il diritto di chiedere la custodia dei loro figli in caso di separazione coniugale.

Questo status ha certamente segnato l'inizio dei progressi verso il raggiungimento del diritto all'uguaglianza di genere successivamente garantito dalla Costituzione del 1988 .

Disuguaglianza di genere ed etnia

Studi in diversi contesti dimostrano che nel contesto della disuguaglianza di genere è possibile notare uno svantaggio che colpisce le persone di genere femminile e di etnia nera.

Nel contesto educativo, la percentuale di studentesse che completano l'istruzione primaria corrisponde al 21, 5%.

Tuttavia, analizzando i gruppi etnici di questi 21, 5%, solo il 10, 4% corrisponde a donne di etnia nera. Tuttavia, consiste in un numero superiore alla percentuale del 7% corrispondente agli uomini di colore che completano questo segmento di istruzione.

In termini di occupazione, secondo i risultati dell'IBGE 2017, il tasso di disoccupazione delle donne nere corrisponde al 15, 9% mentre quello delle donne bianche corrisponde al 10, 6%.

Molestie e violenza sono anche due fattori più frequentemente sofferti dalle donne nere.

Vedi il significato del pregiudizio razziale.

Disuguaglianza di genere nello sport

La disuguaglianza di genere nello sport può essere osservata già in una fase iniziale; in un semplice tentativo di praticare determinati sport, per esempio.

I complessi sportivi a volte forniscono gruppi di pratica per determinati sport, come il calcio, solo per i maschi.

Lo stesso vale per i gruppi di palestra, per lo più messi a disposizione delle donne.

Questa classificazione degli sport come "uomo" e "donna" finisce per generare un pregiudizio che a volte rende impossibile praticare sport per chiunque voglia praticarli.

La disuguaglianza è anche chiaramente percepita quando si tratta di sponsorizzare e incoraggiare gli sport.

Il calcio maschile, per esempio, ha una grande visibilità in tutto il mondo. Nei periodi di Coppa del Mondo, vengono trasmessi tutti i giochi della squadra maschile brasiliana.

La coppa del mondo femminile, ad esempio, è appena citata dalla stampa televisiva e raramente i suoi giochi vengono trasmessi.

Brasile X Svezia in gioco a Maracanã. (Autore: Agência Brasil Fotos / Creative Commons)

Disuguaglianza di genere nel mondo

Il Forum economico mondiale ha registrato un aumento dell'indice di disuguaglianza di genere nel 2017.

L'indagine stima che il salario medio, ad esempio, corrisponda a circa 80.000 reais per gli uomini e circa 46.000 reais per le donne.

Nella classifica mondiale dell'uguaglianza di genere, Islanda, Norvegia, Finlandia, Ruanda e Svezia sono al primo posto, mentre Iran, Ciad, Siria, Pakistan e Yemen occupano rispettivamente il secondo.

Vedi sotto alcuni dati delle Nazioni Unite sulle disuguaglianze di genere nel mondo.

  • Le donne rappresentano i due terzi della popolazione analfabeta nel mondo.
  • Le donne rappresentano solo il 21, 8% dei parlamentari nazionali del mondo.
  • La probabilità che una donna occupi posizioni di leadership nel mondo degli affari e nelle imprese è meno in relazione alla probabilità che gli uomini ottengano lo stesso risultato.
  • I tre quarti delle vittime della tratta sono donne.

Vedi anche il significato dell'ideologia di genere.

Messaggi Popolari, 2019

Categorie Popolari

Top