Raccomandato, 2020

Scelta Del Redattore

Definizione conciliare

Che cosa è conciliare:

Conciliare è il verbo che significa armonizzare, rassicurare, adattare o adattare .

La parola conciliare si riferisce anche all'atto di raggiungere un accordo con qualcuno o creare un'alleanza allo scopo di raggiungere un obiettivo. Es: i genitori si sono riconciliati per protestare contro i metodi non ortodossi degli insegnanti.

Etimologicamente, questa parola ha origine nel concilio latino che indicava un gruppo di persone in un incontro.

La riconciliazione può anche consistere nel trovare un equilibrio e dimostrare la capacità di svolgere due compiti distinti. Es: Ha molta forza di volontà e ha sorpreso tutti perché ha potuto riconciliare studio e lavoro. / Era in un sacco di problemi perché non sapeva come conciliare vita personale e professionale.

C'è il dubbio di molte persone tra il conciliar e il consiliar . Scrivere consiliar è sbagliato, poiché è una parola che non fa parte della lingua portoghese.

Il progetto conciliare è legale

Il progetto "Conciliar is legal" è un progetto di portata giuridica che mira a facilitare i processi giudiziari attraverso un accordo tra le due parti. Quando una delle parti coinvolte in un procedimento giudiziario informa la corte in cerca di conciliazione, viene nominato un conciliatore e si prevede che un'udienza raggiunga una conclusione equa per i due.

La riconciliazione è più economica, più rapida e più efficiente, perché tutto è risolto in un atto e le parti coinvolte non hanno documenti costanti e spese di viaggio in tribunale.

Molte persone ricorrono alla conciliazione in caso di custodia dei figli, sostegno ai figli, divorzio, incidenti stradali, ecc. Tuttavia, ci sono alcuni casi in cui non è possibile fare uso di questo rimedio, in particolare in caso di crimini contro la vita o in caso di violenza domestica.

Consiglio della Chiesa

Un consiglio è un incontro convocato da leader religiosi per affrontare questioni relative alla Chiesa.

Il primo Concilio era conosciuto come il Concilio di Gerusalemme (episodio descritto nel capitolo 15 degli Atti degli Apostoli), che comprendeva presbiteri e apostoli come Pietro e Paolo. Il consiglio di Gerusalemme fu convocato perché alcuni uomini andarono ad Antiochia e stavano insegnando che gli uomini non potevano ricevere la salvezza se non venivano circoncisi, il che non era la visione della Chiesa. Pertanto, il Concilio di Gerusalemme conta sulla partecipazione di Paolo, Pietro, Barnaba, Giacomo e altri per risolvere questo conflitto.

Più tardi, all'interno della Chiesa cattolica vi erano altri consigli, come i Concili di Nicea (il primo nel 325 e il secondo nel 787), che trattava dell'eresia di Ario e della legittimità della venerazione delle immagini. Furono convocati due concili vaticani, il primo tra il 1869 e il 1870 (affrontava il tema dell'infallibilità pontificia) e il secondo tra il 1962 e il 1965 (occupandosi di questioni pastorali).

Categorie Popolari

Top