Raccomandato, 2020

Scelta Del Redattore

Definizione angioplastica

Cos'è un'angioplastica:

L'angioplastica è una procedura per liberare le arterie coronarie ostruite dal grasso. Le arterie coronarie (destra e sinistra) sono responsabili del trasporto del sangue al miocardio, che è il muscolo cardiaco.

L'angioplastica viene utilizzata per rimuovere i grassi che ostruiscono le arterie e rendono difficile il passaggio del sangue.

Perché viene utilizzata l'angioplastica?

L'angioplastica è necessaria quando c'è intasamento delle arterie. Questo perché l'intasamento di un'arteria ostacola l'arrivo di sangue nel miocardio e il sangue pompato fino al cuore è costituito da ossigeno e sostanze nutritive.

Se il flusso di ossigeno e di sostanze nutritive che raggiunge il cuore diminuisce troppo può causare gravi conseguenze, come un infarto miocardico acuto.

Come viene eseguita l'angioplastica?

L'angioplastica è una procedura non invasiva perché è realizzata con cateteri, che sono piccoli tubi flessibili e sottili. L'angioplastica può essere eseguita in due modi: con un palloncino o con uno stent.

Angioplastica con palloncino

In questo caso, un catetere con un palloncino viene posizionato nell'arteria femorale del paziente, fino a raggiungere l'arteria ostruita. Il catetere può essere posizionato nel paziente dall'inguine o dal braccio.

Quando il catetere arriva al sito ostruito, il palloncino viene gonfiato per abbattere le piastre di grasso che causano l'intasamento. Il palloncino ha anche la funzione di aumentare le dimensioni dell'arteria per prevenire nuovi intasamenti.

L'angioplastica con solo aerostato è attualmente scarsamente utilizzata solo quando i vasi sanguigni del paziente sono molto sottili e non possono ricevere uno stent . In quasi tutti i casi la procedura viene eseguita con il palloncino e con lo stent.

Angioplastica con stent

In questa angioplastica i cateteri vengono utilizzati per portare lo stent all'arteria ostruita. Lo stent è un tubo di acciaio che viene posizionato all'interno dell'arteria in modo che aumenti di dimensioni e non si intasi nuovamente.

Il palloncino e gli stent vengono portati nel sito di intasamento. Quindi il pallone viene gonfiato per aumentare e fissare lo stent nell'arteria. Successivamente il pallone viene ritirato.

Guarda l'immagine qui sotto:

recupero

Sebbene una procedura considerata come un recupero non invasivo richiede una certa attenzione. Nelle prime ore dopo la procedura il paziente deve essere osservato e a riposo.

Nei giorni successivi alla dimissione dall'ospedale la raccomandazione è di evitare uno sforzo fisico per circa quindici giorni, riposare e consumare una dieta leggera.

Nei primi mesi dopo l'angioplastica del paziente dovrebbe essere accompagnato da un cardiologo per garantire che non si verifichino complicazioni o nuovi intasamenti delle arterie.

Angioplastica delle gambe

La procedura può anche essere eseguita per sbloccare le arterie nelle gambe. L'angioplastica agli arti inferiori viene eseguita allo stesso modo delle arterie coronarie, con l'uso di palloncino e stent.

La procedura viene utilizzata in caso di arterie con grande ostruzione e quando altri trattamenti non sono sufficienti per alleviare i sintomi di stanchezza e dolore alle gambe.

Angioplastica cerebrale

La procedura di angioplastica può essere eseguita anche sulle arterie attaccate al cranio, alle arterie vertebrali e alle arterie carotidi.

È indicato quando c'è un'ostruzione di grasso in queste arterie perché l'intasamento può avere come conseguenza ictus e incidenti vascolari cerebrali. L'angioplastica cerebrale viene eseguita anche con l'uso di palloncino e stent.

Differenza tra angioplastica e cateterismo

Angioplastica e cateterizzazione sono due procedure eseguite in modo molto simile, la differenza tra loro è oggettiva di ciascuna di esse.

L'angioplastica è la procedura utilizzata per sbloccare un'arteria bloccata.

La cateterizzazione è una procedura di esame utilizzata per diagnosticare i problemi cardiaci. Si fa anche introducendo un catetere nell'arteria al punto che verrà esaminato. Successivamente, un liquido di contrasto viene posto attraverso il catetere. Questo liquido facilita la visualizzazione delle arterie durante l'esame.

Rischi e complicanze dell'angioplastica

L'angioplastica è considerata una procedura a bassa invasività ea basso rischio.

Alcuni rischi di subire la procedura sono: infarto, trombosi, ictus, aritmie cardiache, lesioni arteriose o trombosi. Ma le complicanze sono piuttosto rare e circa il 95% dei pazienti non subisce conseguenze gravi.

Per evitare complicazioni dopo la procedura, è necessario avere un follow-up medico nei mesi successivi alla procedura, avere una dieta a basso contenuto di zuccheri e cibi grassi, oltre a non fumare.

Vedi anche i significati di Pacemaker, Aritmia e Corsa.

Categorie Popolari

Top