Raccomandato, 2020

Scelta Del Redattore

Definizione Personaggi del folklore brasiliano

Il Brasile possiede un ricco folklore, risultato della congiunzione di culture e tradizioni di diversi popoli, con enfasi sugli indigeni, africani ed europei.

In questo modo sono apparse diverse storie mitologiche che coinvolgono esseri e creature fantastiche che hanno perseguitato e meravigliato i brasiliani per secoli.

Scopri alcuni dei personaggi più popolari del folclore nazionale e le caratteristiche principali delle loro rispettive leggende.

Iara

Condividi Tweet Tweet

Conosciuto anche come Uiara ("signora delle acque" nella lingua Tupi-Guarani), questo è il personaggio della famosa leggenda della Madre dell'Acqua, una delle più rappresentative del folclore brasiliano.

La leggenda Iara dice che questa è una creatura metà donna e metà pesce (una specie di sirena), che abita i fiumi della regione amazzonica.

La Madre dell'Acqua è descritta come con lunghi capelli neri e una voce affascinante. Secondo la leggenda, Iara emette un suono così piacevole che tutti gli uomini sono attratti.

La leggenda di Iara

La storia tradizionalmente trasmessa dai nativi dice che Iara era una bellissima giovane donna e tutti i suoi fratelli erano invidiosi della sua bellezza.

Oltre ad essere estremamente bella, Iara è stata anche una guerriera molto coraggiosa. Quindi l'unica soluzione che i suoi fratelli hanno trovato per liberarsi di tale invidia sarebbe quella di uccidere la giovane donna.

Ma Iara può uccidere prima i suoi fratelli. Di conseguenza, Iara fugge per non dover soffrire per la punizione di suo padre, lo sciamano della tribù. Ma questo finisce per trovarla e, come punizione, lancia la figlia al fiume.

Il pesce salva Iara, trasformandola in una sirena. Così, l'India comincia a usare la sua bellezza e la sua voce seducente per attirare gli uomini sul fondo del fiume, uccidendoli affogati.

Sempre secondo la leggenda, l'uomo che ha la "fortuna" di sfuggire alla maledizione di Iara, impazzisce. Solo un potente sciamano avrebbe la capacità di riportare la persona alla normalità.

In origine, le prime storie sulla leggenda di Iara raccontavano il personaggio come un uomo, chiamato Ipupiara . Questo tritone era noto per divorare i pescatori della regione. Solo dal XVIII secolo in poi, apparentemente, la leggenda di Iara ha vinto la versione che è attualmente popolare.

Saci Perere

Condividi Tweet Tweet

Un altro personaggio piuttosto popolare del folclore nazionale. Saci-Pererê è descritto come un ragazzo nero con una sola gamba, con un berretto rosso e sempre con una pipa in bocca.

Saci è noto per essere molto giocoso. Tra le sue principali buffonate, le più conosciute sono:

  • fai bruciare il cibo;
  • scambiare sale per lo zucchero;
  • fare trecce sulla coda dei cavalli;
  • fischiettando per spaventare animali e persone;
  • nascondere oggetti domestici, ecc.

Nonostante sia caratterizzato da questi comportamenti, Saci-Pererê non è solitamente violento, secondo le principali leggende.

Il Saci-Pererê è un personaggio così notevole nella scena popolare brasiliana, che è stato creato per lui in esclusiva per lui: 31 ottobre, il giorno dei Saci . Questa è considerata un'alternativa a Halloween, con lo scopo di far sì che i brasiliani celebrino la ricchezza del folclore nazionale.

La leggenda di Saci-Pererê

Le prime storie su questa creatura sorsero nelle tribù indigene del sud del Brasile. A quel tempo, il Saci era ritratto come una specie di piccolo diavolo, con due gambe, il colore del mulatto e una coda.

La leggenda contemporanea di Saci-Pererê è nata dalla combinazione di caratteristiche di diversi luoghi. Il colore nero e la mancanza di una gamba sono un'influenza della cultura africana, perché il Saci avrebbe perso il suo membro inferiore in un combattimento di capoeira, secondo la storia. Il berretto rosso, tuttavia, è un'eredità delle tradizioni europee.

La leggenda di Saci varia a seconda della regione del paese, ma la maggior parte delle narrazioni considerano il personaggio come il protettore di erbe e piante medicinali . Saci avrebbe una conoscenza approfondita delle proprietà curative di tutta la flora brasiliana.

La leggenda narra che i Saci possono essere trovati nel turbine del vento ed essere facilmente catturati se la persona lancia un setaccio sopra i vortici. Dopo averlo catturato, devi toglierti il ​​cappello della creatura, assicurandoti così la sua obbedienza. Per impedire a Saci di fuggire, puoi intrappolarlo in una bottiglia di vetro.

I Sacis nascono all'interno di bambù, dove rimangono per sette anni. Dopo gli adulti, vivono per 77 anni. Quando muoiono, queste creature diaboliche si trasformano in orecchie di legno o funghi velenosi.

Curupira

Condividi Tweet Tweet

Come Saci, la Curupira è un altro personaggio del folclore brasiliano che abita le foreste ed è noto per aver fatto molti guai.

La Curupira è descritta come una nana dai capelli rossi, con molti peli del corpo e piedi rivolti all'indietro . La creatura usa questa ultima particolarità come un trucco per ingannare le persone facendole rimanere bloccate nei boschi e non trovando la strada di casa.

La leggenda di Curupira

Le prime narrazioni della leggenda di Curupira risalgono al XVI secolo, quando fu descritta dai gesuiti come "il diavolo che insegue gli indiani".

A differenza di Saci, la Curupira è considerata un essere malvagio, capace di nuocere alla gente e, per questo motivo, è sempre stata molto temuta dagli indiani.

Secondo la leggenda, la Curupira persegue persone che non rispettano la foresta, come boscaioli, cacciatori, ecc. Storie di misteriosi rapimenti, stupri e altre violenze inspiegabili nei boschi erano associate al "demone della foresta".

Affinché la persona non sia il bersaglio di Curupira, la leggenda dice che dovrebbe offrire rum o tabacco di canna da zucchero, perché alla creatura piace fumare e bere.

È anche consigliabile legare una liana e nascondere bene una estremità, poiché anche la Curupira è descritta come una sorprendente curiosità. In questo modo, la creatura avrebbe trascorso molto tempo intrattenendosi con la liana e avrebbe dimenticato di tormentare la persona che avanza nella foresta.

Ulteriori informazioni su Curupira.

Caipora

Condividi Tweet Tweet

Spesso confuso con Curupira, Caipora è un altro personaggio tradizionale del folclore brasiliano. La sua leggenda è molto diffusa nella regione amazzonica, essendo il suo nome originario dai caapora Tupi-Guarani, che significa "abitante del bush".

A differenza del suo "cugino" Curupira, il Caipora non ha i piedi rivolti indietro, ma è anche descritto come una creatura dalla pelle scura, coperto di capelli rossi e sempre in sella a un maiale selvatico.

La leggenda di Caipora

Come molti altri personaggi folcloristici della regione amazzonica, il Caipora protegge anche le foreste, attaccando chiunque non rispetti il ​​loro spazio.

La maggior parte delle leggende dice che Caipora ha poteri speciali legati alla natura, come il controllo o la rianimazione degli animali. Per proteggere il suo ecosistema, la creatura intrappola e offre falsi indizi ai cacciatori per perdersi.

La leggenda vuole che Caipora tenda ad agire più intensamente la domenica, il venerdì e le festività. Affinché una persona possa entrare nella foresta e non correre il rischio di essere catturata dalla Caipora, la cultura popolare insegna che è necessario lasciare alcuni doni per la creatura, come ad esempio il fumo di corda.

Il Caipora, tuttavia, è sempre stato descritto nelle storie narrate dai nativi come un'entità molto traditrice . Alcune narrazioni dicono che questo essere mitologico è cannibale, catturando le loro vittime che serviranno da pasto.

A seconda della regione del paese ci sono diversi rapporti sulla leggenda di questa entità. Alcune storie dicono che Caipora ha il corpo verde, mentre altri lo considerano sinonimo di Curupira, cioè entrambe sarebbero la stessa creatura.

Mulo senza testa

Condividi Tweet Tweet

Questo è un altro personaggio leggendario molto popolare nel folklore brasiliano. La creatura è descritta nelle storie come un mulo di colore marrone o nero e che rilascia fuoco al posto della sua testa.

La leggenda del Mula-senza-testa è nata sulla base degli ideali conservatori e moralistici della Chiesa cattolica, quando le relazioni sessuali erano proibite prima del matrimonio.

La leggenda del mulo senza testa

L'origine di questa leggenda è sconosciuta, ma si ritiene che sia collegata all'arrivo dei gesuiti e del cattolicesimo nel paese.

Secondo la storia, ogni donna che si innamorò di un prete divenne una mula senza testa . Questo perché, nei tempi antichi, i sacerdoti erano visti come "santi" e non come uomini. Così innamorarsi di un membro del clero era considerato un grande peccato.

Storie popolari dicono che la donna stregata si trasforma spesso in un mulo senza testa il giovedì. Passa tutta la notte a nitrire di disperazione e a correre attraverso i boschi, uccidendo tutto quello che trova sulla sua strada.

La leggenda prosegue dicendo che uno dei mezzi per annullare la maledizione sarebbe che qualcuno tirasse fuori il freno di ferro che l'animale portava sulle sue gambe. Un'altra alternativa per terminare l'incantesimo sarebbe quella di trafiggere la creatura con qualche oggetto appuntito per togliere parte del "sangue peccaminoso".

Ulteriori informazioni su Mula-without-Head.

Boitatá

Condividi Tweet Tweet

È descritto come un gigantesco serpente di fuoco, nella maggior parte delle narrazioni folcloristiche del Brasile. Il nome Boitatá è di origine Tupi-Guarani ( mbói = snake | tatá = fire).

Il Boitatá vive nelle foreste e protegge la foresta dal degrado causato dall'essere umano, principalmente dagli incendi. Secondo la leggenda, la persona che guarda direttamente un Boitatá diventa cieca, pazza o muore.

La leggenda di Boitatá

Di origine indigena, ci sono diverse varianti della leggenda di Boitatá. Il primo racconto scritto della storia risale al XVI secolo, realizzato da padre José de Anchieta, dove descrive una creatura a forma di serpente fatta di fuoco. Ma in altre regioni del paese, il Boitatá è anche descritto come un toro che sputa fuoco per bocca.

Tra alcune delle principali caratteristiche di Boitatá c'è la possibilità di trasformarsi in un ceppo ardente, bruciando chiunque ci sia in giro. Questo trucco sarebbe stato usato dalla creatura per vendicarsi degli incendiari della foresta.

Nella regione nord-orientale, il Boitatá è anche conosciuto come "Alma dos Compadres e Comadres". Ma in questo caso, l'essere mistico rappresenterebbe gli spiriti delle persone malvagie.

Molte persone considerano l'origine della leggenda di Boitatá come un tentativo primitivo di spiegare la respirazione del fuoco, una reazione chimica causata quando alcuni composti rilasciati da corpi in decomposizione entrano in contatto con l'ossigeno presente nell'aria.

boto

Condividi Tweet Tweet

La leggenda del Boto rosa è un'altra delle più diffuse nella cultura popolare nazionale. Le storie raccontano che durante i festeggiamenti del mese di giugno, questo "delfino dei fiumi amazzonici" si trasforma in un uomo bellissimo e seduce i giovani delle città lungo il fiume.

La leggenda del Boto

La narrativa più famosa della leggenda di Boto dice che questo è un essere molto intelligente. Durante le notti di luna piena, specialmente durante la corte di giugno, Boto si trasforma in un ragazzo molto bello e seducente.

Vestito di bianco e con un grande cappello in testa, Boto sceglie la vergine più carina della festa per essere la sua compagna quella notte. La creatura porta la ragazza sul fondo del fiume, dove lei la impregna.

La leggenda dice ancora che il boto non può compiere la metamorfosi completa da animale a uomo e, quindi, porta un cappello. La creatura usa questo sostegno per nascondere un buco nel mezzo della testa, che sarebbe le narici del boto.

Questa leggenda è molto comune nelle comunità fluviali della regione amazzonica per cercare di giustificare una gravidanza accidentale, cioè, che è successo al di fuori di una relazione stabile.

Pertanto, si dice che quando la donna non conosce l'identità del padre del bambino, questo è "figlio del boto".

Ulteriori informazioni sul significato di Legends.

Cuca

Condividi Tweet Tweet

Questo è un altro noto personaggio mitologico del folklore brasiliano. La Cuca è descritta come una strega spaventosa con artigli affilati e, in alcune versioni, ha la testa di un alligatore.

La popolarità di questo personaggio folk è aumentata quando è stata interpretata da Monteiro Lobato nel classico parco giochi per bambini Sítio do Picapau Amarelo .

La leggenda di Cuca

Secondo la leggenda, Cuca ama rapire e mangiare bambini che disobbediscono ai loro genitori . Per questo motivo, è comune nella cultura popolare brasiliana raccontare storie su Cuca per "costringere" i bambini a comportarsi.

Uno degli esempi più noti è la ninnananna tradizionale:

"Nana, la piccola Cuca arriva, Papà è andato nei campi, la mamma è andata a lavorare."

L'origine della leggenda si basa su un essere mitologico conosciuto tra i popoli della penisola iberica (Portogallo e Spagna): la coca . Questo mostro era descritto come un drago che mangiava bambini disubbidienti. La storia diceva ancora che la creatura era costantemente sul tetto delle case, osservando le azioni dei giovani maleducati.

boiúna

Condividi Tweet Tweet

Conosciuto anche come Big-Snake o Mother-of-Rio, Boiuna è una creatura popolare nelle storie folcloristiche della regione amazzonica.

La leggenda di Boiuna

Il Boiuna è descritto come un serpente di colore scuro e una pelle luminosa . Questo animale è così grande che è in grado di affondare le navi, secondo i racconti popolari. Le leggende dicono anche che questo essere ha il potere di provocare illusioni e di trasformarsi in una donna.

Quando il Boiuna invecchia, cercherà cibo sulla terra. Dal momento che non può cacciare in un ambiente a cui non è abituato, le storie raccontano che il Boiuna riceve l'aiuto di un millepiedi che ha una lunghezza incredibile di 5 metri.

Scopri di più sul folklore brasiliano.

Categorie Popolari

Top