Raccomandato, 2019

Scelta Del Redattore

San

Definizione realismo

Cos'è il realismo:

Il realismo è un movimento artistico volto a rappresentare la realtà vissuta dalla società, spesso attraverso la critica delle questioni sociali, in modo semplice. Il linguaggio realistico è diretto e oggettivo, contrario al soggettivismo caratteristico del Romanticismo .

Anche il movimento realista ha avuto un ruolo molto importante nella scena politica perché, attraverso varie forme di espressione (arti plastiche, letteratura, teatro, ecc.), Ha ritratto e denunciato vari problemi sociali, come povertà, sfruttamento il lavoro e la corruzione.

Contesto storico

La comparsa del realismo avvenne nel diciannovesimo secolo in Europa, più precisamente in Francia, e durò per circa due decenni. Con il realismo, c'era il momento clou di una piccola borghesia.

In questo periodo, la società in generale ha subito molte trasformazioni e scoperte.

La rivoluzione industriale è entrata in una nuova fase e ci sono state molte innovazioni nel campo della fisica e della chimica. L'uso di elettricità, petrolio e acciaio sono alcuni esempi da citare.

Durante questo periodo ci fu anche una rivoluzione tecnologica, in cui emersero il telefono, il telegrafo, i motori a vapore, le locomotive e simili.

Caratteristiche del realismo

La caratteristica principale del realismo è mostrare i fatti nel modo più realistico, senza approcci fantasiosi o idealizzanti. Gli artisti realisti intendevano ritrarre la realtà degli eventi in modo diretto e obiettivo. Ecco alcune delle caratteristiche principali del realismo:

  • opposizione alle idee del romanticismo
  • approccio obiettivo
  • riproduzione della realtà in modo affidabile
  • linguaggio comune
  • approccio ai problemi sociali e quotidiani
  • preoccupazione per il presente
  • assenza di eroi: le storie sono condotte da persone comuni e non da persone idealizzate
  • analisi critica della società

Scopri di più sulle caratteristiche del realismo.

Arte realistica

È stato attraverso l'espressione artistica che è emerso il nome del movimento. Nel 1855, al pittore francese Gustave Coubert fu impedito di partecipare a una mostra denominata Esposizione Universale tenuta a Parigi, il cui scopo era quello di presentare le recenti scoperte nel campo dell'agricoltura, delle arti e dell'industria perché erano considerate offensive.

Per rappresaglia per questa censura, Coubert organizzò la sua mostra vicino all'Esposizione Universale e la chiamò "Le Réalisme" (Realismo).

The Stone Breakers , di Gustave Courbet

Nel teatro, il realismo ha conquistato uno spazio noto quando i soggetti erano l'immagine della realtà. Il testo cominciò a usare il linguaggio della gente e non era più un linguaggio estremamente sofisticato ei personaggi divennero persone normali, invece di eroi.

Realismo in Brasile

L'emergere del realismo in Brasile coincide con un periodo in cui le leggi abolizioniste sono entrate in vigore. Queste leggi hanno liberato gli schiavi e sostituito la loro forza lavoro con quella dei lavoratori europei, soprattutto italiani, per lavorare soprattutto sulle piantagioni di caffè.

Allo stesso tempo, la monarchia si estinse in Brasile e il paese divenne una repubblica.

Nella sua filosofia dell'approccio oggettivo ai temi quotidiani, il realismo brasiliano spesso raffigurava nelle sue opere la crisi della monarchia, le idee abolizioniste e la realtà della società.

Il punto di partenza del realismo in Brasile è avvenuto con la pubblicazione delle Memorie postume di Brás Cubas, in cui l'autore Machado de Assis critica la società.

Realismo in Portogallo

In Portogallo, il realismo è stato contrassegnato dalla domanda di Coimbra, chiamata anche questione di senso comune e buon gusto. Questo problema consisteva in una polemica letteraria tra scrittori romantici guidati da Antonio Feliciano de Castilho e alcuni studenti dell'Università di Coimbra, tra cui Eça de Queirós, Antero de Quental e Teófilo Braga.

L'idea sostenuta dagli studenti era per un approccio letterario più affidabile alla realtà e meno conservativo come predicava il Realismo. Dall'altra parte, i romantici sostenevano un approccio letterario più formale e tradizionale.

Autori e opere

Durante il realismo, molte sono state le opere che si sono distinte. Vedi sotto la relazione di alcune di queste opere e dei rispettivi autori.

  • Madame de Bovary, di Gustave Flaubert,
  • Memorie postume di Brás Cubas, di Machado de Assis
  • Il Primo Basilio e Il crimine di Padre Amaro, di Eça de Queirós;
  • Il Mulato, di Aluísio Azevedo.
  • Germinal, di Emile Zola
  • The Flowers of Evil, di Charles Baudelaire

Realismo e Romanticismo

Il realismo è emerso in contrapposizione al romanticismo.

Le idee del Romanticismo predicavano una realtà piena di drammi, utopia, tragedie e intense emozioni. Il realismo, d'altra parte, contrariamente al soggettivismo e all'idealismo romantico aveva una forma più oggettiva di espressione.

L'ultimo Tamoio, di Rodolfo Amoedo (Romanticismo)

L'ideale realista era quello di ritrarre la realtà, a volte denunciando problemi sociali per aiutare l'evoluzione della società.

Vedi di più sul romanticismo.

Realismo e impressionismo

L'impressionismo era un movimento con un'enfasi sulle arti visive, in particolare sulla pittura, completamente opposto al realismo.

La pittura realistica cercava di riprodurre su tela la realtà della società com'era. D'altra parte, l'impressionista riteneva che l'artista dovesse esprimersi senza la preoccupazione di mostrare un'immagine fedele della realtà.

Gli artisti impressionisti erano soliti lavorare all'aperto per capire meglio come si riflettevano le diverse sfumature dell'ambiente. Hanno liberamente raffigurato la loro percezione dei riflessi della luce attraverso pennellate sciolte.

Impression, Sunrise, di Claude Monet (Impressionismo)

Vedi di più su Impressionismo.

Realismo e Naturalismo

Realismo e naturalismo sono direttamente collegati dall'obiettivo comune di esprimere la realtà e ritrarre la società in modo obiettivo, a volte denunciando i loro problemi.

Sebbene il naturalismo sia un ramo del realismo, la sua caratteristica principale è la sua particolarità: lo scientismo.

Per i naturalisti, ciò che determina l'uomo è l'ambiente che lo circonda e le caratteristiche biologiche ricevute dall'eredità. Questo concetto esprime la stessa idea di Theory of Evolution di Chales Darwin.

Vedi di più su Naturalismo e teoria dell'evoluzione.

Messaggi Popolari, 2019

Categorie Popolari

Top