Raccomandato, 2020

Scelta Del Redattore

Definizione Pregiudizio razziale

Cos'è il pregiudizio razziale:

Il pregiudizio razziale è qualsiasi forma di espressione che discrimini un'etnia o una cultura perché è considerata inferiore o meno capace.

Definito anche razzismo o pregiudizio razziale, il pregiudizio razziale esiste da molti anni nell'umanità non solo in Brasile, ma in tutto il mondo.

È importante notare che il concetto stesso di razza è una costruzione sociale usata per definire ciò che è in realtà un'etnia. Le cosiddette razze umane non esistono come entità biologiche.

Secondo Sérgio Pena, un genetista brasiliano, "ogni brasiliano ha una proporzione individuale unica di ascendenza amerindia, europea e africana". Pertanto, non si può dire che un individuo sia della razza x o y in base al colore della loro pelle.

Sebbene la maggior parte delle persone consideri l'etnia nera solo quando si tratta di pregiudizi e razzismo, attualmente questo problema morale e sociale è anche sofferto da altre etnie .

Non è nuovo, ad esempio, i bianchi che praticano qualche attività o che hanno un'abitudine proveniente dalla cultura nera vengono ostracizzati o giudicati scorretti facendo cose che, secondo i critici, sono "non per i bianchi".

Inoltre, il pregiudizio razziale è l'atto di attribuire determinati gusti o abilità a un individuo con la sola giustificazione che tale è una caratteristica dell'etnia a cui appartiene quell'individuo.

È il cosiddetto pregiudizio involontario, dove sebbene non ci sia alcuna intenzione di discriminare, c'è la propagazione di un'idea di stereotipo razziale.

Storia del pregiudizio razziale in Brasile

La storia del razzismo in Brasile è iniziata con la colonizzazione portoghese. I primi a subire i pregiudizi a causa del loro gruppo etnico furono gli indiani nativi che abitarono le terre brasiliane quando arrivarono i portoghesi.

Questi indiani, usati anche come schiavi, erano considerati inferiori e addirittura incapaci di svolgere determinati compiti manuali che i portoghesi dovevano prendersi cura, ad esempio, delle piantagioni di caffè e degli zuccherifici. Fu allora che nella metà del sedicesimo secolo, i coloni decisero di cercare i negri africani, considerati fisicamente più forti. Quindi iniziò il traffico di lavoro.

Arrivati ​​in Brasile, i neri africani divennero schiavi e proprietà dei coloni portoghesi. La società del tempo era divisa in due parti: da un lato bianchi e liberi e altri neri ridotti in schiavitù e senza alcun tipo di diritto.

Poi cominciarono ad apparire le prime dimostrazioni di pregiudizio razziale. Ai neri è stato impedito di frequentare determinati luoghi in cui era ammessa solo la presenza di persone che hanno dimostrato la cosiddetta purezza della razza, cioè che erano al 100% bianchi.

Il 13 maggio 1888 furono aboliti gli schiavi, che teoricamente li avrebbero lasciati liberi e in grado di vivere liberi, ma non era così.

Abituati a vivere dipendenti dai loro coloni, gli ex ex schiavi si persero in una società per la quale non erano preparati. Non avevano un posto dove vivere e nemmeno il modo di sostenersi. Molti schiavi preferivano continuare a lavorare per i loro ex proprietari in cambio di alloggi e cibo.

Con nessun posto dove andare, gli schiavi che non tornarono ai loro proprietari iniziarono a popolare i sobborghi delle città e formarono i cosiddetti quartieri africani, precursori delle favelas . Questa popolazione viveva sempre emarginata, in periferia e senza le stesse condizioni di vita delle persone che vivevano in regioni più centrali.

Da allora, la popolazione di favela è stata costituita da una maggioranza prevalentemente nera o afro-discendente.

Il periodo di schiavitù ha lasciato problemi che sono ancora noti al giorno d'oggi. Il pregiudizio sofferto dagli abitanti di favela, ad esempio, ha un contenuto sociale, ma soprattutto razziale.

Vedi altre informazioni su razza e razzismo.

Appropriazione culturale

L'appropriazione culturale si verifica quando gli elementi tipici di una particolare cultura sono adottati da persone che fanno parte di un diverso gruppo culturale.

È sempre possibile essere consapevoli delle polemiche che spesso portano a varie manifestazioni nei social network. Un esempio di questo è stato un caso nel 2017 a Curitiba, in Brasile, quando una giovane donna bianca è stata rimproverata da una donna di colore per essere bianca e indossare un turbante.

La polemica ha diviso i social network e all'epoca è venuto alla luce il termine appropriazione culturale . È un concetto che non è altro che l'adozione di determinati elementi di una particolare cultura, da parte di una persona di cultura diversa.

Questo concetto può coinvolgere non solo l'abbigliamento, ma anche la musica, la lingua, la cucina, ecc.

Vedi di più sull'appropriazione culturale.

Razzismo istituzionale

Il razzismo istituzionale si verifica quando c'è un qualsiasi tipo di pregiudizio e discriminazione razziale in un'istituzione come aziende, università o agenzie pubbliche o private.

Questo tipo di razzismo consiste in un deliberato fallimento nel rendere i servizi dovuti a una persona a causa del colore, della cultura o dell'origine etnica.

Scopri 6 libri sul razzismo che tutti dovrebbero leggere per aiutare a contrastare i pregiudizi.

Categorie Popolari

Top