Raccomandato, 2020

Scelta Del Redattore

Definizione Manifesto comunista

Cos'è il Manifesto comunista:

Il Manifesto o Manifesto comunista del Partito comunista è un documento scritto da Karl Marx e Friedrich Engels, fondatori del Socialismo scientifico, e pubblicato il 21 febbraio 1848 per guidare l'azione dei lavoratori durante l'emergere dei movimenti sindacali.

Scritto sotto forma di opuscolo, il documento aveva lo scopo di definire e pubblicizzare gli scopi della Lega dei comunisti e di chiedere l'unione di tutti i lavoratori del mondo.

Secondo gli autori, la storia è una sequenza di conflitti tra le classi lavoratrici e non possessive e le classi sfruttatrici, che hanno mezzi di produzione.

Copertina originale del Manifesto del partito comunista

Il Manifesto aveva come uno dei suoi principali obiettivi la consapevolezza dei lavoratori in relazione al potere che avrebbero unito le forze.

Contesto storico del Manifesto comunista

L'Europa stava attraversando un periodo di intense rivoluzioni nel diciannovesimo secolo e ciò rifletteva gli ideali della popolazione, in particolare i lavoratori, che iniziarono a riflettere sui loro diritti.

Karl Marx e Friedrich Engels erano pensatori che mettevano in discussione, tra le altre cose, l'ideologia della borghesia. Allo stesso tempo, gli operai si riunivano in gruppi per discutere dei problemi che stavano accadendo all'interno della classe stessa, come la miseria.

Statue di Karl Marx e Friedrich Engels a Berlino, Germania

I due si avvicinarono alla cosiddetta League of the Just, un'unione di lavoratori creata da artigiani tedeschi che vivevano in Inghilterra.

Successivamente, la Lega attraversò una crisi principalmente perché non aveva i suoi ideali definiti e per concetti che erano molto lontani dalla realtà degli operai inglesi.

Karl Marx e Friedrich Engels entrarono a far parte della Lega, la ribattezzarono Lega comunista e riorganizzarono i concetti di questa unione di lavoratori in conformità con gli ideali del comunismo.

Nel primo congresso della nuova lega, tenutosi nel 1847, nacque la necessità di un documento che guidasse i lavoratori principalmente in relazione ai loro diritti.

Fu sulla base di questa necessità che il Manifesto fu scritto.

Riepilogo per capitoli

Per essere accessibile ai lettori, il Manifesto Comunista è stato scritto in un linguaggio chiaro e semplice da capire.

La sua struttura era molto semplificata, composta da una breve introduzione, tre capitoli e una conclusione. Diamo un'occhiata un po 'di più a ciò che ogni capitolo si rivolge:

Capitolo 1

Si confronta in modo comparativo con la realtà della borghesia e del proletariato, sottolineando le differenze tra loro e descrivendo l'evoluzione di ciascuna delle due classi. Critica il capitalismo e attira l'attenzione sul fatto che gli svantaggiati sono stati esclusi dalla società.

Capitolo 2

Affronta il rapporto tra il proletariato e le parti e i punti in comune tra di loro, evidenziando la caduta della superiorità della borghesia e la crescita del potere nelle mani dei lavoratori.

Capitolo 3

Il terzo e ultimo capitolo del Manifesto parla del regime socialista e del regime comunista e critica il socialismo reazionario (ideale borghese che mantiene la produzione e lo scambio), il socialismo conservatore (che sostiene una riforma anziché una rivoluzione) e socialismo utopico critico (che mirava a cambiare con l'esempio piuttosto che con le lotte politiche).

Qual è stato l'impatto del Manifesto Comunista?

L'idea centrale del documento era mostrare ai lavoratori che ciò che impediva loro di vivere una vita dignitosa erano i rapporti di subordinazione imposti dai rispettivi datori di lavoro.

Karl Marx e Friedrich Engels difesero l'idea che i lavoratori non fossero costretti a vivere come prigionieri dell'ideologia borghese. Nell'opuscolo, lo stato liberale fu accusato di fallimenti e gli operai chiesero una grande rivoluzione in favore dei loro diritti. Poco dopo la stesura del documento, ebbe luogo la rivoluzione francese del 1848, conosciuta anche come rivoluzione di febbraio.

Uno dei grandi successi del Manifesto comunista fu la riduzione dell'orario di lavoro da dodici a dieci ore al giorno.

Nel corso degli anni, l'opuscolo ha raggiunto l'importanza mondiale e oggi è tradotto in diverse lingue.

Vedi anche:

  • Socialismo scientifico
  • comunismo
  • Comunismo e socialismo
  • Caratteristiche del comunismo

Categorie Popolari

Top