Raccomandato, 2020

Scelta Del Redattore

Definizione Significato della cultura afro-brasiliana

Cos'è la cultura afro-brasiliana:

La cultura afro-brasiliana è l'insieme delle manifestazioni culturali prevalenti in Brasile, formate dalla congiunzione di elementi della cultura dei popoli africani che furono portati come schiavi nel paese durante il periodo coloniale.

La cultura afro-brasiliana è caratterizzata e costruita dall'incorporazione di espressioni culturali africane con altre tradizioni e culture che formano l'identità brasiliana, come quella indigena ed europea.

Storia della cultura afro-brasiliana

Durante il Brasile coloniale, tutti i tipi di manifestazioni culturali di origine africana erano scoraggiati ed emarginati nella società. A quel tempo, i costumi e le tradizioni dei popoli africani erano considerati primitivi e selvaggi dagli europei.

Con la fine della schiavitù in Brasile (1888), inizia un lento processo di reinterpretazione della cultura africana. A metà del XX secolo, l'élite brasiliana iniziò a vedere alcuni aspetti culturali africani come legittime espressioni artistiche che rappresentano l'identità nazionale.

Circa il 40% di tutti i neri catturati dalle loro terre in Africa sono stati venduti come schiavi in ​​Brasile. A causa di questa massiccia migrazione, la presenza della cultura africana ha contribuito a formare la base degli attuali costumi e tradizioni dei brasiliani.

La cultura afro-brasiliana è presente in quasi tutte le forme che costituiscono l'identità culturale nazionale, come la danza, la musica, la cucina, la religione, il folklore, ecc.

Caratteristiche della cultura afro-brasiliana

  • Eterogeneo, cioè, in alcune regioni del paese vi è una maggiore predominanza di alcune delle sue particolarità. Ad esempio, la cucina afro-brasiliana è più presente nel Nordest che nel Sud del Brasile;
  • Costituito dai patrimoni culturali di diversi popoli africani. Quindi c'era un'immancabile appropriazione culturale tra i costumi dei popoli di varie parti dell'Africa. Tuttavia, ci sono due gruppi principali: Bantos (dal Congo, Angola e Mozambico) e sudanesi (dall'Africa occidentale, dal Sudan e dalla Guinea);
  • Secondo la Legge delle linee guida e delle basi educative (nº 10.639 / 2003), le scuole brasiliane dovrebbero includere nel curriculum scolastico l'insegnamento della cultura afro-brasiliana e la sua storia;
  • Gli stati brasiliani con la massima espressione della cultura afro-brasiliana sono: Alagoas, Pernambuco, Maranhão, Bahia, Espírito Santo, Minas Gerais, Rio de Janeiro, San Paolo e Rio Grande do Sul. La spiegazione è che luoghi che hanno ricevuto una migrazione più intensa di schiavi durante il periodo coloniale.

Musica e danza nella cultura afro-brasiliana

Questi sono due aspetti che hanno avuto una grande influenza della cultura africana. Con il tamburo come base per i ritmi, molti generi musicali e danze si sono consolidati nel paese, come Maracatu, Cavalhada, Congada, Capoeira, Samba, tra gli altri.

capoeira

Oggi la capoeira è considerata un patrimonio culturale immateriale dell'umanità, ma non è sempre stato così. La Capoeira è stata bandita in Brasile per molti anni, considerata un'attività marginale.

Fu solo dopo gli anni '30 che la pratica fu permessa nel paese, attraverso una legge sancita dal presidente Getúlio Vargas.

Originariamente, la capoeira doveva servire come difesa personale degli schiavi fuggiaschi . Quando hanno aggiunto melodie mentre eseguivano i movimenti, si sono resi conto che si trattava di una danza e potevano allenarsi all'interno dei senzala senza destare sospetti.

samba

Tra tutti i generi musicali ereditati dalla cultura africana, il samba è il più espressivo. È una parte importante dell'identità del popolo brasiliano.

Samba è apparso tra gli schiavi nei senzala, dove gli uomini hanno cantato e suonato strumenti a percussione (batteria, per esempio), mentre le donne ballavano al ritmo del ritmo.

Cucinare nella cultura afro-brasiliana

La cultura africana è anche fortemente rappresentata in piatti tipici nazionali, come vatapá, feijoada, acarajé, cocada, pamonha, sarapatel, ecc.

La cucina afro-brasiliana utilizza ingredienti portati da popoli africani e adatta alcune ricette tradizionali dei portoghesi e degli indigeni, creando una ricca e propria gastronomia.

La feijoada portoghese fu adattata dagli schiavi, aggiungendo piccole parti nobili di maiale (per esempio), cavolo cotto e farina di manioca arrostita (farofa).

Vatapd.

Mush.

Religione nella cultura afro-brasiliana

Una vittima di molti pregiudizi da decenni, le religioni e le sette africane sono sempre state emarginate nella società brasiliana. Tuttavia, a partire dalla metà del ventesimo secolo, l'intensa persecuzione subita cominciò a declinare.

Candomblé e Umbanda sono le manifestazioni religiose più conosciute di origine africana, quest'ultima creata dal sincretismo tra cattolicesimo, spiritismo e candomblé.

In realtà, il sincretismo religioso è molto presente nelle religioni afro-brasiliane. Vale la pena ricordare che gli schiavi furono costretti a convertirsi al cattolicesimo quando arrivarono in Brasile e fu proibito di praticare le loro credenze. Così gli afro-discendenti iniziarono a creare associazioni di santi cattolici con i loro orishas in modo che potessero praticare segretamente le loro tradizioni religiose.

Scopri di più sul significato del sincretismo religioso.

Esempio di un tipico rituale di Candomblé.

Altre religioni afro-brasiliane:

  • Babaçuê
  • Batuque
  • Cabula
  • Culto dell'egungun
  • Culto di ifá
  • incantare
  • Omoloko
  • pajelança
  • Quimbanda
  • Il mio tamburo
  • Terecô
  • Xamba
  • Xango del nordest.

Ulteriori informazioni su Umbanda e Candomblé.

Feste della cultura afro-brasiliana

Molte feste popolari nel paese sono anche influenzate dalla cultura africana, come il Carnevale, la Festa di Iemanjá (2 febbraio), Bumba-meu boi, Folia de Reis e la festa di San Benedetto.

Ulteriori informazioni su Carnevale.

Categorie Popolari

Top