Raccomandato, 2020

Scelta Del Redattore

Definizione 5 Caratteristiche delle dittature militari

Le dittature militari sono forme di governo in cui il potere politico è controllato da generali e comandanti dell'esercito.

Sebbene fortemente criticati per il loro autoritarismo e l' affronto alla democrazia, i regimi militari sono ancora in vigore in diversi paesi del mondo, come la Corea del Nord, la Tailandia, l'Egitto e così via.

Inoltre, anche nel XX secolo, paesi come Portogallo, Cile, Argentina, Spagna e Germania hanno attraversato periodi di dittatura militare, illustrando la facilità con cui questo tipo di regime raggiunge il potere.

Nel caso del Brasile, il regime militare iniziò nel 1964 con il colpo di stato che rovesciò il governo di João Goulart e durò fino al 1985, quando José Sarney assunse la presidenza. Durante questo periodo il paese aveva sei presidenti militari scelti attraverso elezioni indirette (senza la partecipazione del popolo), tre dei quali erano tenuti dal Congresso nazionale e tre dal Collegio elettorale.

Controlla sotto le principali caratteristiche di questo modello di governo.

1. Censura

Condividi Tweet Tweet

I regimi militari tendono a censurare la libertà di espressione dei cittadini, degli artisti e della stampa come mezzo per proteggere l'integrità del sistema. Quindi, qualsiasi manifestazione contraria agli ideali del governo è vista come una forma di ribellione e viene prontamente contrastata, specialmente quelle con un alto potenziale di portata come opere di artisti e pubblicazioni sulla stampa.

Nei primi anni '70, con il decreto legge n. 1.077, fu istituita una censura preventiva in Brasile, composta da un dipartimento della polizia federale formato da una squadra di censori che valutò il contenuto di riviste e giornali per decidere se potevano essere pubblicato.

2. Autoritarismo e violenza

Condividi Tweet Tweet

L'esercito usa metodi violenti per assicurare il controllo e scoraggiare le dimostrazioni controgovernative. Nei regimi militari, l'uso di armi da fuoco è comune e i casi di tortura e sparizione sono all'ordine del giorno.

In Brasile, la National Truth Commission (CNV), creata nel 2011 dall'allora presidente Dilma Rousseff, aveva l'obiettivo di indagare sulle violazioni dei diritti umani avvenute durante la dittatura. Alla fine del lavoro, la commissione ha stimato un totale di 434 morti e sparizioni motivate politicamente .

3. Centralizzazione del potere

Condividi Tweet Tweet

Kim Jong-un, leader della Corea del Nord che dimostra la potenza militare del suo paese.

I regimi militari tendono a sopprimere la separazione dei poteri e centralizzano il potere politico nelle mani del gruppo dirigente. Pertanto, è comune per lo stesso gruppo controllare il potere esecutivo, legislativo e giudiziario. Come il Brasile, nel 1968 fu istituito l' Institutional Act Number Five (AI-5), il più rigoroso decreto presidenziale della dittatura brasiliana. Tra i suoi effetti principali c'erano:

  • la possibilità per il potere esecutivo di sospendere le attività del potere legislativo in tutto il paese;
  • la presunzione di legittimità degli atti emanati dal presidente, indipendentemente da qualsiasi tipo di controllo giudiziario;
  • legislazione mediante decreti esecutivi emessi dall'esecutivo;
  • intervento federale arbitrario a livello statale e comunale.

4. Matrimonio dei diritti politici

Condividi Tweet Tweet

Record del movimento "Direct Already" che rivendica il diritto di dirigere le elezioni presidenziali in Brasile.

Come conseguenza naturale della censura e centralizzazione del potere, i regimi militari proibiscono la formazione di partiti politici opposti, rendendo la transizione del potere estremamente difficile e la propagazione di nuove ideologie.

In Brasile, l' atto istituzionale numero uno (AI-1), emesso nel 1964, ha permesso al governo:

  • sospendere i diritti politici per dieci anni di qualsiasi cittadino che dimostri ideali contrari al regime;
  • mandati legislativi in ​​qualsiasi sfera federativa;
  • rimuovere i dipendenti pubblici dai loro posti.

5. Illegitimacy

Condividi Tweet Tweet

Humberto de Alencar Castelo Branco, primo presidente della dittatura militare in Brasile.

I regimi militari vengono di solito istituiti dopo i colpi di stato, per cui le Forze Armate (di solito le forze armate) prendono il controllo del potere politico in tempi di fragilità istituzionale. Pertanto, non vi è alcuna forma di partecipazione sociale nella scelta dei rappresentanti del governo, rendendolo totalmente illegittimo.

Categorie Popolari

Top