Raccomandato, 2019

Scelta Del Redattore

Definizione espressionismo

Cos'è l'espressionismo:

L'espressionismo era un movimento artistico d'avanguardia in contrasto con l'impressionismo francese .

L'idea dell'Espressionismo era di arte come azione, nella concezione dell'immagine dell'artista in un modo emotivo, viscerale, a volte violento, in cui i colori e le forme non corrispondono alla realtà diretta.

Il concetto fu usato per la prima volta da Herwath Walden nella sua rivista "Der Sturm" (La tempesta) nel 1912. Aveva principalmente principalmente spazio in Germania, quindi poteva anche chiamarsi Espressionismo tedesco, e aveva influenza sull'arte primitiva delle tribù Paesi africani.

Le opere hanno salvato un critico sociale feroce inserito nelle arti, con scene quotidiane ritratte senza alcun ritegno dell'artista, drammatizzate, con molte serie tematiche sul sesso e sulla morte.

Gli espressionisti agivano in opposizione all'idea di impressione del mondo promossa dagli impressionisti come Claude Monet, della natura eterea illustrata dall'artista.

L'origine dei riferimenti dell'espressionismo proviene dalle opere di Van Gogh e Edvard Munch, artisti che già utilizzavano distorsioni e un forte carico emotivo.

Vedi anche:

  • cubismo
  • surrealismo
  • dadaismo
  • futurismo
  • astrattismo

Caratteristiche dell'espressionismo

  • L'arte come azione
  • Rifiuto per l'impressione del mondo
  • Uso di linee distorte e spesse
  • Espressione emotiva e soggettiva dell'autore
  • Semplificazione radicale delle forme
  • Uso di colori forti
  • Intensità dell'inchiostro e pennello sullo schermo

Scopri di più sulle caratteristiche dell'espressionismo.

I migliori artisti dell'Espressionismo

Gli artisti dell'espressionismo erano divisi in due gruppi:

Die Brücke (The Bridge)

Influenzato da Van Gogh, Gauguin, Matisse. Il gruppo era composto da Ernst Ludwig Kirchner, Erich Heckel, Karl Schmidt-Rottluff, Fritz Bleyl, Emil Nolde, Max Pechstein e Otto Mueller.

Der Blaue Reiter (Il cavaliere blu)

Influenzati da Kandinsky, usavano toni più sottili e i loro temi erano intorno alla spiritualità. Il gruppo comprendeva artisti Max Beckmann, Käthe Kollwitz, Ernst Barlach e Wilhelm Lehmbruck.

Espressionismo astratto

Filo dell'espressionismo, emerse a New York verso la metà del XX secolo, subito dopo la seconda guerra mondiale. Il periodo della guerra di polveri rese gli Stati Uniti un nuovo centro artistico, e questa unione di creativi diede origine a movimenti come l'espressionismo astratto. Arshile Gorky, un pittore armeno emigrato a New York, è stato un pioniere nello stile. Seguito da nomi come Jackson Pollock, Willem de Kooning e Isamu Noguchi.

L'espressionismo astratto era motivato dalla negazione delle tecniche tradizionali e prese una posizione critica nei confronti della società, dialogando con le avanguardie nei campi della psicologia, dell'antropologia, della letteratura, della musica e del cinema.

Espressionismo in Brasile

Il nome principale dell'espressionismo in Brasile fu Anita Malfatti, che introdusse le avanguardie artistiche europee nei circoli brasiliani. Ancora possono essere menzionati Lasar Segall, Oswaldo Goeldi, Flávio de Carvalho e Iberê Camargo.

Vedi anche: Avanguardia e arte moderna.

Messaggi Popolari, 2019

Categorie Popolari

Top