Raccomandato, 2019

Scelta Del Redattore

CPU

Definizione Caratteristiche del comunismo

Il comunismo consiste in una dottrina politica ed economica la cui ideologia difendeva lo "stato naturale", cioè difendeva una società egualitaria che avrebbe estinto la proprietà privata affinché tutti avessero gli stessi diritti.

Fin dall'antichità, più specificamente dalla preistoria, i principi comunisti furono già messi in pratica.

Durante questo periodo, il cosiddetto comunismo primitivo mirava a soddisfare i bisogni di tutto il gruppo, senza preoccuparsi dell'accumulo di beni.

Tutto apparteneva a tutti, e la preoccupazione di mantenere tutta la società in grado di vivere in dignità era più importante dell'interesse per i beni materiali.

Condividi Tweet Tweet

Sulla bandiera del comunismo, il rosso rappresenta il sangue del martirio sofferto dagli operai, la falce rappresenta la classe operaia agricola e il martello, la classe operaia industriale. La stella a cinque punte rappresenta sia i cinque continenti che i cinque gruppi della società comunista: contadini, operai, esercito, intellettuali e giovani.

Scopri un riassunto delle principali caratteristiche del comunismo:

1. Il regime comunista era contro la proprietà privata

Una delle idee principali del regime comunista era direttamente collegata ai mezzi di produzione: fabbriche, miniere, ecc. dovrebbe essere disponibile al pubblico in modo che i prodotti siano di proprietà di tutti i cittadini.

Secondo la filosofia comunista, se tutti avessero accesso ai beni prodotti, le disuguaglianze verrebbero eliminate e ciò causerebbe la scomparsa dell'opposizione e della rivalità tra classi e gruppi sociali.

Il regime comunista promosse una società senza classi sociali ed era favorevole alla proprietà comune dei mezzi di produzione .

2. Il comunismo non supportava l'esistenza di classi sociali diverse

Il comunismo considerava che la società non doveva essere divisa in classi sociali.

La teoria comunista sosteneva che tutti dovevano lavorare e condividere tutto ciò che era stato realizzato con i propri sforzi, così che la fratellanza tra i cittadini era ugualitaria.

Il risultato di ciò che è stato prodotto dovrebbe essere diviso tra tutti i membri della società. Tutti dovrebbero avere gli stessi diritti .

Lo scopo principale del comunismo era di ottenere uguali diritti.

3. La dottrina comunista finalizzata alla fine del capitalismo

I comunisti credevano che il capitalismo promuovesse la disuguaglianza e l'ingiustizia sociale perché la forza lavoro era usata come se fosse qualcosa di commerciabile.

Con lo sviluppo del sistema capitalista, gran parte della popolazione viveva in condizioni di estrema povertà e miseria.

La borghesia deteneva i mezzi di produzione e di conseguenza la maggior parte della ricchezza generata.

Così, il proletariato è rimasto solo il lavoro stesso, che è stato venduto come merce a coloro che sono in possesso di capitale.

Nelle fabbriche, i lavoratori erano mal pagati e spesso trattati come domestici.

Il comunismo sosteneva che il capitalismo fosse superato attraverso una rivoluzione che dava potere ai lavoratori in modo che il conflitto tra i cittadini potesse finire.

Scopri di più sul significato della borghesia e del proletariato.

4. Il comunismo era subordinato al socialismo

Secondo la teoria di Karl Marx, il comunismo era visto come il passo finale in un processo evolutivo della società.

La filosofia della società egualitaria aveva il comunismo come il risultato di una sequenza evolutiva attraverso la quale la storia dell'umanità doveva passare.

La prima fase di questa sequenza contemplava il sistema capitalista, che cercava di aumentare la produttività prendendo sempre in considerazione fattori come la competizione.

Il capitalismo mirava al profitto e all'accumulo di ricchezza attraverso la proprietà privata, cioè il profitto delle produzioni era centralizzato nelle mani dei proprietari delle società.

In un secondo momento, la società dovrebbe attuare il socialismo, aprendo così la logica della proprietà privata e, di conseguenza, della divisione della società in classi sociali.

A differenza del capitalismo, il socialismo sosteneva una distribuzione equilibrata di ricchezza e proprietà, restringendo il divario tra ricchi e poveri.

Ulteriori informazioni sulla proprietà privata.

Secondo i principi socialisti, i beni prodotti sarebbero distribuiti a ciascuno secondo il proprio lavoro e sforzo.

Solo dopo la fine della proprietà privata e l'attuazione del socialismo, il potere sarebbe stato consegnato al popolo, ponendo fine agli abusi imposti dal capitalismo ed emancipando la società:

Condividi Tweet Tweet

Infine, con il sistema socialista già attuato, il regime comunista sarebbe applicato e quindi distribuire i beni in modo egualitario.

Con questo sistema di distribuzione, l'esistenza di uno stato con un governo di controllo non sarebbe più necessaria.

Mentre il socialismo era considerato da Karl Marx come una fase di transizione e sosteneva un graduale allontanamento dal capitalismo, il comunismo favoriva l'allontanamento dal conflitto armato come forma di azione.

Vedi di più sul comunismo e il socialismo.

5. I beni prodotti sarebbero distribuiti in base alle necessità di ciascuno

Il regime comunista era un apologeta per la distribuzione dei beni a ciascun individuo secondo le sue rispettive necessità, cioè ognuno di loro avrebbe ricevuto ciò di cui aveva bisogno, indipendentemente dalla quantità che aveva prodotto.

La teoria comunista di Karl Marx seguì il seguente principio: " Da ciascuno secondo le sue capacità; a ciascuno secondo i suoi bisogni . " Il messaggio da passare con questa frase è il seguente:

Ognuno secondo le sue capacità : ogni persona avrebbe lavorato con l'attività che amava, perché si capiva che in questo modo avrebbe svolto il suo lavoro molto bene.

Con la felicità di poter usare le proprie capacità per aiutare la comunità, le persone aiuterebbero l'economia a prosperare.

A ciascuno secondo i propri bisogni : la comunità si sarebbe incaricata di prendersi cura di coloro che non erano in grado di lavorare. I beni e i servizi sarebbero distribuiti a tutti secondo le necessità di ciascuno.

Secondo il comunismo, il popolo dovrebbe avere il potere e quindi essere il proprietario del lavoro e dei beni da esso prodotti.

Pertanto, la distribuzione di questi beni sarebbe effettuata da un'autogestione, abolendo così la necessità di un governo.

Scopri di più sul marxismo.

6. Il comunismo era favorevole alla non esistenza di un governo

A differenza del capitalismo e del socialismo, che favorivano l'esistenza di uno stato responsabile del controllo della vita sociale, il comunismo sosteneva l'assoluta uguaglianza tra i cittadini e riteneva che lo stato potesse essere abolito.

I comunisti credevano che in questo modo l'oppressione sociale si sarebbe estinta e che la società potesse trovare un modo per autogestirsi.

I lavoratori sarebbero quindi diventati proprietari del proprio lavoro e dei beni utilizzati per la produzione.

Ulteriori informazioni su capitalismo, comunismo e socialismo.

Top nomi di comunismo

Ora che conosci le caratteristiche principali del comunismo, guarda i nomi più importanti di questa dottrina politica:

Karl Marx

Condividi Tweet Tweet

Karl Marx (1818 - 1883)

Karl Heinrich Marx era un filosofo, economista, sociologo, storico e giornalista tedesco. Marx ha scritto una serie di pubblicazioni e tra queste due hanno avuto un grande risalto:

  • Il Manifesto Comunista : creato per guidare l'azione dei lavoratori durante l'emergere dei movimenti sindacali. Il libro, scritto in collaborazione con Friedrich Engels, definiva e pubblicizzava gli scopi della Lega dei comunisti e chiedeva l'unione di tutti i lavoratori del mondo.

Scopri di più sul Manifesto dei comunisti.

  • Capitale : un insieme di libri che consisteva nell'analisi critica del capitalismo, un sistema economico i cui principi erano totalmente opposti a quelli del comunismo.

Solo il primo libro del libro è stato pubblicato da Karl Marx durante la sua vita. Gli altri erano pubblicazioni postume.

Il capitalismo difendeva, ad esempio, l'esistenza della proprietà privata e il controllo dei beni di produzione da parte dei proprietari terrieri privati ​​e dello stato. Nel lavoro, Karl Marx ha attirato l'attenzione sul fatto che la forza motivante del capitalismo è lo sfruttamento del lavoro.

Per lui, la fine della divisione della società in classi sociali diverse, uno dei principali ideali del comunismo, sarebbe accaduta solo quando il capitalismo si sarebbe estinto.

Friedrich Engels

Condividi Tweet Tweet

Friedrich Engels (1820 - 1895)

Friedrich Engels era uno scienziato sociale, filosofo, autore e teorico politico tedesco. Insieme a Karl Marx, è stato coautore del Manifesto dei comunisti .

Engels ebbe anche un'importanza fondamentale nell'elaborazione dell'opera La Capitale, perché fu lui a dare un sostegno finanziario a Karl Marx perché potesse condurre ricerche e scrivere i libri.

Successivamente, è stato anche responsabile della pubblicazione postuma di alcuni dei libri dell'opera attraverso le note lasciate da Karl Marx.

Altri leader e attivisti comunisti famosi

L'elenco dei comunisti noti include anche:

  • Vladimir Lenin;
  • Fidel Castro;
  • Raul Castro;
  • Leon Trotsky;
  • Pol Pot;
  • Nikita Krusciov;
  • Kim Il-Sung;
  • Imre Nagy;
  • Jiang Zemin;
  • Ho Chi-Minh;
  • Joseph Stalin.

Eventi importanti del comunismo

Scopri alcuni dei fatti chiave relativi al comunismo:

  • Vladimir Lenin prese il potere nel 1917: fu il primo leader comunista a prendere il potere, dopo la rivoluzione russa del 1917;

Condividi Tweet Tweet

Vladimir Lenin (1870 - 1924)

  • La Cina divenne un paese comunista nel 1949;

Condividi Tweet Tweet

La bandiera della Cina è ispirata alla bandiera del comunismo: il rosso simboleggia la rivoluzione e il Partito comunista cinese (PCC) che prese il potere dopo la guerra civile del 1949; la grande stella simboleggia il PCC e il popolo cinese più piccolo. La posizione delle stelle rappresenta l'unione tra il partito e il popolo.

  • Cuba divenne comunista nel 1959;
  • Il Vietnam divenne comunista nel 1975;

Condividi Tweet Tweet

La bandiera rossa dello sfondo del Vietnam è stata ispirata dalla bandiera comunista. La bandiera del Vietnam era utilizzata da un'organizzazione fondata nel 1941 e guidata dai comunisti per opporsi all'occupazione giapponese.

  • Nel 1945 iniziò la Guerra Fredda : il conflitto ebbe inizio quando gli Stati Uniti e gli alleati della NATO, e l'Unione Sovietica e i suoi alleati del Patto di Varsavia furono coinvolti in un grande conflitto indiretto che diede luogo a diverse crisi, come la Crisi del Missili cubani nel 1962. Questo conflitto fu visto come una lotta da parte degli alleati occidentali contro il comunismo.
  • La costruzione del muro di Berlino nel 1961 fu vista come un grande simbolo della guerra fredda perché nella Germania occidentale c'erano democrazie capitaliste liberali e nella Germania orientale, diversi stati comunisti. La caduta del muro nel 1989 ha annunciato l'imminente fine del conflitto, conclusasi nel 1991.

Condividi Tweet Tweet

Muro di Berlino: costruito nel 1961 e demolito nel 1989.

Scopri di più sulla guerra fredda e il muro di Berlino.

Categorie Popolari

Top